'Non portarmi fuori, la mia vita non vale più! ' La trentenne andò dai suoi genitori per essere al sicuro dal terremoto, ma morì con sua figlia e sua madre

'Non portarmi fuori, la mia vita non vale più! ' La trentenne andò dai suoi genitori per essere al sicuro dal terremoto, ma morì con sua figlia e sua madre
  Diena Meçja e la sua figlia
 Andò da mamma con sua figlia per essere al sicuro, ma perse la vita. Diena Meçja (Karanxhaj), dopo il primo terremoto minore, ha lasciato il suo appartamento dove viveva con la figlia neonata per stare con i suoi genitori, pensando che lì sarebbe stato più sicuro.

Ma per loro sfortuna, si è rivelato fatale poiché l'edificio di 6 piani ha subito gravi danni dal forte terremoto di magnitudo 6,4, causando il crollo dei primi due piani e dopo il crollo completo. Sua figlia e sua madre sono morte insieme con la 30enne. L'unico sopravvissuto era il capofamiglia, che non era in casa in quei momenti.

Dopo il disastro che la colpì cinque anni fa quando perse il marito, Diena e sua figlia di 8 anni vivevano in una casa in affitto e occasionalmente andavano dai loro genitori.

 Diena Meçja e la sua figlia
Non sono stati in grado di uscire dalla struttura, poiché è crollata lentamente e lentamente in pochi minuti. La bambina, che era accanto a sua madre, fu trovata morta sotto le macerie. Diena Karanxhaj ha trascorso 12 ore abbracciando sua figlia sotto le macerie e non voleva andarsene.

"Non tirarmi fuori", ha detto ai soccorritori, "la mia vita non ne vale più la pena." Le squadre di soccorso sono riuscite a farla uscire dal disastro, ma il trentenne è morto poche ore dopo a causa di un'emorragia.

La famiglia della trentenne ha subito una vera tragedia, dal momento che Diena aveva recentemente perso il marito mentre perdeva la figlia e si è unita alla famiglia lei stessa. Diena Karandzaj era appassionata di pittura e di tanto in tanto non mancava le mostre a Durazzo.


L'unico sopravvissuto è il capo della famiglia, Ajet Meçja, che non era nell'appartamento al momento del forte scuotimento. Schiacciato spiritualmente, sperava di non essere lasciato solo dopo questa tragedia. Non riesce a trattenere le lacrime ogni volta che ricorda la perdita di sua nipote, che aveva curato dalla sua nascita. Con l'estrazione di tre corpi della famiglia Meçja e quattro di Reçi, i civili francesi ed efficaci specialisti del personale di emergenza del Comando di supporto alle forze armate cessarono di operare nel reparto 18, poiché non c'erano più persone rimaste sotto le macerie.

'Non portarmi fuori, la mia vita non vale più! ' La trentenne andò dai suoi genitori per essere al sicuro dal terremoto, ma morì con sua figlia e sua madre
Ajet Meçja
Fonti del Ministero della Difesa confermano che l'operazione di ricerca e salvataggio nel palazzo crollato di Durazzo vicino all'edificio della Croce Rossa è chiusa (reparto 18). Il palazzo in cui vivevano fu costruito alcuni anni fa. In effetti, uno accanto all'altro c'erano due palazzi identici costruiti dallo stesso imprenditore allo stesso tempo. L'altro palazzo ha ricevuto solo alcune piccole crepe, mentre questo palazzo è crollato in pochi secondi. Si sospetta che le colonne del palazzo crollate possano essere state la causa, che sono stati rimossi per fare spazio per il bar al primo piano.
'Non portarmi fuori, la mia vita non vale più! ' La trentenne andò dai suoi genitori per essere al sicuro dal terremoto, ma morì con sua figlia e sua madre 'Non portarmi fuori, la mia vita non vale più! ' La trentenne andò dai suoi genitori per essere al sicuro dal terremoto, ma morì con sua figlia e sua madre 03:09 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.