Architetto italiano Boeri: solida ricostruzione dopo il terremoto in Albania, ci sentiamo parte di questo grande progetto

Architetto italiano Boeri: solida ricostruzione dopo il terremoto in Albania, ci sentiamo parte di questo grande progetto

 L'architetto italiano Stefano Boeri ha dichiarato oggi che ciò che sta accadendo in Albania dopo il terremoto del 26 novembre è molto importante.

Parlando alla cerimonia di inaugurazione del suo lavoro "La Radura" a Tirana, in cui è stata tenuta una discussione aperta da albanesi e architetti stranieri sulla progettazione di nuovi quartieri per proteggere le persone colpite dal terremoto del 26 novembre, Boeri ha detto che "l'Italia e l'Albania sono collegate da molte cose, anche dal rischio sismico".

“Edi Rama ha parlato delle case che esistevano in Sicilia, il 68 ° terremoto di Bellici e abbiamo ancora caserme lì, a dire la verità. Ciò significa che la tensione che sto perseguendo e che sto subendo in Albania è molto importante perché la sfida è proprio quella di dimostrare che possiamo intervenire rapidamente con una ricostruzione che trascende la fase di emergenza temporanea."

Perché, ha aggiunto l'architetto italiano, “abbiamo spesso imparato da altri terremoti in Italia, come i terremoti di Irpinias o Aquialas o quelli di Amatrice e Norcia, e penso che un'emergenza temporanea sia un'ipocrisia completa. Perché è costruito immediatamente, è mal costruito con strutture che sono lì da 10, 20 o 30 anni. Credo che oggi abbiamo le giuste tecnologie, capacità per consentire la ricostruzione continua solida utilizzando materiali in legno che sono materiali eccezionali per i quali sono disponibili sia l'Albania che l'Italia e spesso non utilizzati perché non sappiamo come usarli."

Ma, ha detto Boeri, “usare altri materiali tradizionali come l'acciaio, come la calce, creando altri spazi perché la nuova sfida del terremoto non è come uno tsunami, non è un uragano, ma nasce dal terreno in cui siamo abituati a camminare, dai luoghi in cui siamo abituati ad andare e questa sensazione di tradimento è una delle cose più difficili da superare".

“Ho visto cosa ha fatto Edi Rama in Albania in questi giorni e questa sensazione di dover trattare con le famiglie che sono colpite e tradite dalla loro terra è la cosa più difficile da capire è che ci sono due reazioni immediate. Uno non smette più di tornare, non tornare mai più. Quindi le caserme, gli hotel rimangono lì. O abbiamo una seconda speranza secondo me. È forse impossibile ricostruire tutto in modo identico. Come se avessimo dimenticato quello che è successo, nel giro di pochi secondi sono cambiati interi spazi e sono state perse decine di vite. Penso davvero che per ricostruire debba guardare al passato per capire il senso di comunità, di popolazioni, ovvero luoghi pubblici, luoghi di incontro, proporzioni, ritmi di vita. Deve essere ricostruito, non spazi identici. Bisogna anche guardare al futuro, perché quando costruiamo ci cimentiamo in una nuova sfida. Sono felice di far parte di questo sforzo e di sentirmi parte di questo grande progetto", ha detto Boer.
Architetto italiano Boeri: solida ricostruzione dopo il terremoto in Albania, ci sentiamo parte di questo grande progetto Architetto italiano Boeri: solida ricostruzione dopo il terremoto in Albania, ci sentiamo parte di questo grande progetto 14:46 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.