Padre albanese uccide la figlia, sua moglie dice non e sua colpa e lo visita in prigione

Petrit Lekaj e la sua figlia Sabrina
 Nel luglio dello scorso anno, Petrit Lekaj, un padre albanese in Australia ha accoltellato la sua figlia di 20 anni, Sabrina. Solo pochi giorni fa sono state rivelate le ragioni che hanno portato Lekaj a questa azione tragico. Pensava che sua figlia avesse iniziato a usare droghe e stava rovinando la sua vita.

Un tribunale di Adelaide lo ha condannato a 20 anni di prigione. Per paura del suicidio viene messo in isolamento. Il Daily Mail riporta che sebbene abbia ucciso sua figlia, sua moglie, Romina, non si è arreso. Lo visita costantemente e rimane con lui perché pensa che non sia colpa sua, ma dei medici che si sono dimostrati incapaci di curare i suoi problemi mentali.

Petrit Lekaj e la sua moglie Romina
“Voglio dire, questo è un trauma familiare, una famiglia devastata dall'incapacità dei medici di diagnosticare la malattia mentale in mio marito e l'epidemia di droga che respira nel nostro stato, dove persino i bambini più intelligenti cadono in preda. Spero che questa sia una sveglia per salvare altri bambini", ha detto.
Padre albanese uccide la figlia, sua moglie dice non e sua colpa e lo visita in prigione Padre albanese uccide la figlia, sua moglie dice non e sua colpa e lo visita in prigione 04:08 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.