Prostitute affrontano la rovina tra paure di coronavirus, chiusure di bordelli in Europa

 *Di Associated Press, 17 marzo 2020
 Sono le 7 di sera, venerdì, un momento in cui il bordello di tre stanze di Aurel Johannes Marx ai margini di Berlino si preparava normalmente per i suoi primi clienti. Il sesso in vendita è stato a lungo una parte fondamentale della vita notturna a ruota libera della capitale tedesca. Ma tra le preoccupazioni per il nuovo coronavirus, anche la professione presumibilmente più antica del mondo sta subendo un crollo improvviso.

 Finestre chiuse di prostitute sono visibili nel quartiere a luci rosse di Amsterdam, Paesi Bassi, lunedì 16 marzo 2020. (AP Photo / Peter Dejong)
Nel bordello "Lankwitzer 7", con la sua luce rossa soffusa e i dipinti oscuri sul muro, sono stati installati distributori di disinfettanti accanto ai lavabi. Marx dice che ha ordinato al personale di lavare a caldo tutti gli asciugamani e le lenzuola e di aprire le finestre più spesso per far fuoriuscire l'aria calda e appiccicosa.

Tuttavia, i clienti non torneranno più.

"Durante la scorsa settimana gli affari sono diminuiti del 50%", ha detto Marx, accusando il declino del calo generale della vita notturna che si è verificato da quando il virus è arrivato a Berlino.

Finora la città ha registrato 332 casi confermati di COVID-19. Diverse dozzine di infezioni sono state rintracciate in bar e club.

Susanne Bleier Wilp, ex lavoratrice e portavoce tedesca dell'Associazione dei fornitori di servizi erotici e sessuali, o BESD, ha affermato che il virus ha causato paura e incertezza tra le circa 100.000 a 200.000 prostitute in Germania, dove la prostituzione è stata in gran parte legalizzata quasi 20 anni fa.

"Ci sono quelli che si stanno ritirando completamente dall'azienda al momento per motivi di sicurezza", ha dichiarato Bleier Wilp all'Associated Press. Altri richiedono che i clienti si disinfettino da soli, ha aggiunto - una misura che secondo gli esperti medici è improbabile che fermi efficacemente la diffusione del virus durante uno stretto contatto fisico.

Cuori illuminati coprono le finestre del bordello di tre stanze "Lankwitzer 7" a Berlino, Germania, venerdì 13 marzo 2020. (Foto AP / Markus Schreiber)
Per la maggior parte delle persone il virus causa solo sintomi lievi o moderati, come febbre e tosse. Ma per alcuni, in particolare gli adulti più anziani e quelli con problemi di salute esistenti, può causare malattie più gravi, inclusa la polmonite.

La stragrande maggioranza di coloro che sono infetti guariscono dal nuovo virus. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, le persone con malattia lieve guariscono in circa due settimane, mentre quelle con malattia più grave possono richiedere da tre a sei settimane per riprendersi.

Una preoccupazione è che molti lavoratori del sesso sono giovani e potrebbero non essere troppo preoccupati per l'infezione, mentre alcuni clienti hanno più di 50 anni, il che li mette a maggior rischio di complicanze. Ricostruire le catene di infezione - come le autorità stanno provando a fare quando un caso è confermato - potrebbe anche essere complicato. "Nel settore è normale interagire in modo anonimo e utilizzare gli alias", ha affermato Bleier Wilp. "È un problema."

Un altro problema è che la prostituzione è finanziariamente precaria. A differenza dei normali dipendenti, la maggior parte delle prostitute non trarrà beneficio direttamente dal pacchetto di prestiti da mezzo trilione di euro che il governo tedesco sta mettendo a disposizione delle aziende in rovina a causa dell'epidemia di coronavirus.

"Le prostitute di solito sono lavoratori autonomi, non dipendenti", ha affermato Bleier Wilp. "Ciò significa che sopportano tutti i rischi stessi"

Alcuni lavoratori del sesso potrebbero essere in grado di fare affidamento sui risparmi per diverse settimane, ha detto. “Ma diventa più difficile se la crisi dura più a lungo. Quindi molti, in particolare quelli che lo fanno a tempo pieno, potrebbero dover cercare aiuto."

Bleier Wilp ha affermato che una disposizione della legge tedesca sulla protezione delle malattie infettive potrebbe consentire alle lavoratrici indipendenti di richiedere un risarcimento a causa della perdita di guadagno. La clausola non è mai stata testata prima, tuttavia, e coloro che hanno lavorato ai margini legali potrebbero non essere inclini a chiedere aiuto ufficiale: secondo alcune stime, oltre i due terzi delle prostitute non sono registrate.

Sabato scorso, le autorità di Berlino avevano ordinato la chiusura temporanea di tutti i luoghi di intrattenimento, compresi i bordelli. Non è chiaro se tutti i lavoratori del sesso seguiranno quell'ordine o se rischieranno la salute loro e dei loro clienti per far quadrare i conti.

In Olanda, il famoso quartiere a luci rosse di Amsterdam è stato ugualmente colpito duramente dopo che il governo domenica sera ha ordinato la chiusura di scuole, bar e ristoranti per tre settimane e ha sottolineato che anche i sex club sono stati colpiti.

Di domenica sera, le strade normalmente affollate lungo il canale e gli stretti vicoli acciottolati che sono normalmente una calamita turistica erano in gran parte deserti. Lunedì, le finestre in cui le prostitute vestite in modo scarso posano per attirare i clienti erano in gran parte vuote. Alcuni avevano dei cartelli incollati sul vetro che dicevano: "L'ufficio è chiuso" a causa delle restrizioni del coronavirus.

Paesi Bassi, domenica 15 marzo 2020. (Foto AP / Peter Dejong). 
I bar sono chiusi e le sedie da terrazza sono accatastate sulla popolare Leidseplein di Amsterdam.

Le chiusure della Grecia hanno colpito anche i bordelli, mentre in Polonia, dove i bordelli sono ufficialmente illegali, i saloni di "massaggio" sono stati colpiti dalla chiusura. Ginevra, dove ha sede il quartier generale europeo delle Nazioni Unite, a partire da lunedì sera ha chiuso tutti i negozi e servizi non essenziali, compresi i barbieri e le "attività di prostituzione".

Prima della chiusura, il proprietario del bordello di Berlino Marx ha riconosciuto che le donne che lavoravano nel suo stabilimento stavano soffrendo finanziariamente.

“Tutti vogliono più soldi, non meno. Ma questa è la situazione al momento, si sta sviluppando rapidamente", ha detto. "Non posso fare nulla per cambiarlo."

"Ad un certo punto finirà, e quando finirà le cose andranno di nuovo bene", ha aggiunto.
Prostitute affrontano la rovina tra paure di coronavirus, chiusure di bordelli in Europa Prostitute affrontano la rovina tra paure di coronavirus, chiusure di bordelli in Europa 07:54 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.