Il medico albanese Alma Zela ritornata dalla missione all'Ospedale di Brescia: andrei di nuovo in Italia per aiutare se mi venisse chiesto

Il medico albanese Alma Zela ritornata dalla missione all'Ospedale di Brescia: andrei di nuovo in Italia per aiutare se mi venisse chiesto
 Alma Zela in servizio in Ospedale di Brescia
 Alma Bashvogli Zela è una dei medici, parte del primo gruppo di medici e infermieri albanesi che andò ad aiutare negli ospedali di Brescia.

In un'intervista per l'Agenzia telegrafica albanese, il medico mostra la sua esperienza in questa missione umanitaria.

"Fin dall'inizio, all'ospedale di Brescia, sono stato attaccato alla medicina preventiva. Nella prima parte della giornata, ho fatto tamponi, cioè test se sei positivo per COVID. Quasi ogni 5 minuti mi sono reso conto da un tampone. Nelle prime settimane c'è stato molto afflusso, mentre nelle ultime settimane l'afflusso ha iniziato a diminuire. Nella seconda metà della giornata, l'Ospedale Civile di Brescia ha istituito un sistema in cui tutto il personale medico è stato monitorato per 14 giorni, dove sono stati sottoposti a generalizzazioni e sono stati rilevati i loro sintomi. A seconda dei sintomi, come gruppo di medici decideremmo se fare o meno un test del tampone. "Quando sono andato per la prima volta, quasi il 10% del personale era infetto da COVID", ha detto.

Il medico afferma che la collaborazione con il team italiano è stato eccellente.

"Devo dire che la collaborazione è stata eccellente sin dai primi giorni all'Ospedale di Brescia. Siamo stati accolti dai massimi dirigenti di questa istituzione, a cominciare dal direttore generale dell'ospedale insieme ai capi dei vari padiglioni. Dopo aver studiato i reciproci CV, ci hanno reso una divisione guardando anche la nostra esperienza. Abbiamo lavorato fianco a fianco con lo staff italiano e non ci hanno fatto sentire stranieri, ci hanno persino ringraziato continuamente per il fatto che stavamo prestando servizio in Italia", afferma Alma.

Secondo Alma, il servizio presso l'ospedale di Brescia le ha fatto realizzare qualcosa di molto importante.

"Il servizio in Lombardia, nella regione più calda di COVID-19 in Italia, ci ha fatto capire che quando contribuisci il meno possibile ma con il cuore, ti tornerà più volte. Abbiamo dato ciò che sapevamo fare meglio, ma dagli italiani abbiamo ottenuto la straordinaria cultura medica che hanno costruito nel corso degli anni. "Se mi venisse chiesto di rivisitare in Italia, lo farei senza alcuna esitazione, se necessario, ma tutti vogliamo che l'Italia non si trovi mai più di fronte a una situazione del genere".

Secondo lei, il team di medici e infermieri ha svolto il proprio lavoro, come avrebbero fatto in Albania. "Non mi sento affatto eroina. Abbiamo fatto la stessa cosa che fanno i dottori e le infermiere albanesi in Albania. Facevo parte di una missione e mi incontrai dapprima come medico e come cittadino del mondo. Penso che l'umanesimo non riconosca una nazione e che i limiti della medicina non possano essere fermati a confini geografici definiti." ha concluso Alma.
Il medico albanese Alma Zela ritornata dalla missione all'Ospedale di Brescia: andrei di nuovo in Italia per aiutare se mi venisse chiesto Il medico albanese Alma Zela ritornata dalla missione all'Ospedale di Brescia: andrei di nuovo in Italia per aiutare se mi venisse chiesto 08:46 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.