Oltre 50 albanesi uccisi dal coronavirus negli Stati Uniti, afferma l'ambasciatric albanese

Oltre 50 albanesi uccisi dal coronavirus negli Stati Uniti, afferma l'ambasciatric albanese
 Floreta Luli Faber
 L'ambasciatrice albanese negli Stati Uniti, Floreta Luli Faber, afferma che ci sono più di 50 albanesi che hanno perso la vita a causa del coronavirus nel, alcuni dei quali stavano visitando i loro parenti.

In un commovente messaggio su Facebook, Faber scrive che oltre al grande dolore, in molti casi non potevano nemmeno dire addio ai loro cari. Ma alcuni di loro avevano lasciato la volontà per le loro truppe per tornare in Albania. Dopo molte vicissitudini, i corpi di 4 albanesi sono tornati e saranno riposati nella loro terra natale.

Oltre 50 albanesi uccisi dal coronavirus negli Stati Uniti, afferma l'ambasciatric albanese
Corona di fiori per le vittime albanesi in Serbia del coronavirus dal 'ambasciatrice albanese negli Stati Uniti, Floreta Luli Faber
MESSAGGIO COMPLETO:

Nonostante il fatto che Covid-19 abbia iniziato a perdere il potere in questa stagione, per alcuni membri della comunità albanese-americana, che hanno sempre visto l'America come la terra della libertà e dei sogni, i ricordi di questo periodo saranno dolorosi.

Ci sono oltre 50 connazionali albanesi totali provenienti da Albania, Kosovo, Montenegro e Macedonia Settentrionale che hanno perso la battaglia con il virus, superando il numero totale di morti in Albania. In questa occasione, esprimiamo le nostre più sentite condoglianze a tutti i loro familiari e amici. Oltre al grande dolore, in molti casi non potevano nemmeno dire addio ai loro cari.

Tra questi, Agron Vraja (51), membro del Consiglio comunale di Lezha e il dottor Raif Krasniqi (77) hanno perso la vita mentre visitavano i loro parenti a New York. Oltre a lasciare questa vita e nessuno dei parenti in grado di stare vicino a loro nei momenti difficili della malattia, per molte ragioni, non potevano essere sepolti a New York. Insieme a loro, due cittadini albanesi-americani, Ponari (47) e Vuktilaj (53), avevano lasciato un testamento: i loro corpi dovevano essere restituiti in Albania.

Pochi giorni dopo l'evento, l'Ambasciata è stata informata che il ritorno in Albania di persone che avevano perso la vita durante il periodo di pandemia non poteva essere effettuato. Fino all'apertura dei normali voli con l'Europa, i rimpatri erano una missione impossibile. Le procedure di rimpatrio dei cittadini sono normalmente seguite dai familiari, ma questi non sono tempi comuni. L'ambasciata albanese a Washington DC si è immediatamente impegnata a sfruttare ogni possibile spazio. Ha contattato diverse istituzioni e coordinato con i membri della famiglia, il governo albanese, l'ambasciata italiana a Washington DC, il consolato italiano a New York, i leader di Alitalia a Roma e negli Stati Uniti, i leader di Air Albania, i funerali negli Stati Uniti, in Italia e in Albania e con alcune istituzioni intermedie che preparano la documentazione e rilasciano i rispettivi permessi per trasferire le truppe in Albania.

La maggior parte dei cittadini di origine albanese che hanno perso la vita con Covid-19 riposeranno sul suolo americano, che divenne la loro seconda patria. Mentre oggi, l'8 maggio, i corpi dei dottori Raif, Gjeka, Agron e Hamdi sono arrivati ​​nella loro terra natale e sono stati sepolti sul suolo albanese. La volonta è soddisfatta!
Oltre 50 albanesi uccisi dal coronavirus negli Stati Uniti, afferma l'ambasciatric albanese Oltre 50 albanesi uccisi dal coronavirus negli Stati Uniti, afferma l'ambasciatric albanese 05:49 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.