Tirana, riforma elettorale al centro della controversia dei partiti politici

Tirana, riforma elettorale al centro della controversia dei partiti politici
 Yuri Kim nel mezzo, Luigi Soreca a destra e Duncan Norman a sinistra
 Anche Giovedì a Tirana la riforma elettorale è un tema centrale del dibattito politico. I rappresentanti della diplomazia americana ed europea si sono incontrati di nuovo oggi dopo la mediazione di un accordo tra i partiti politici albanesi.

La riforma elettorale ha assunto nuovamente il comando oggi nella controversia politica della capitale, con i diplomatici statunitensi ed europei che si incontrano di nuovo per discutere della situazione politica dell'Albania, alla vigilia di un accordo tanto atteso tra le forze politiche chiave.

.

L'ambasciatore dell'UE Luigi Soreca ha invitato a un incontro negli uffici della delegazione europea, l'ambasciatore americano Yuri Kim e l'ambasciatore britannico, Duncan Norman, e il capo della delegazione dell'OSCE, l'ambasciatore Borchardt. Il primo ministro Edi Rama ha menzionato i colloqui durante un discorso in parlamento, spiegando le concessioni fatte dalla maggioranza socialista.

"Nonostante il fatto che potremmo svolgere questo processo unilateralmente, nonostante il fatto che siamo riusciti a trovare voti in questo parlamento senza aspettarci alcun tipo di consenso o autorizzazione da parte di coloro che hanno lasciato il parlamento, non l'abbiamo fatto", ha affermato il Primo Ministro Edi Rama.

I diplomatici occidentali si sono incontrati il ​​giorno prima su invito dell'ambasciatore americano, dove hanno mediato per diverse ore un accordo tra le forze politiche sulla riforma elettorale. Alla fine dell'incontro, l'ambasciatore Kim ha dichiarato che il governo ha fatto delle concessioni dalla sua posizione e che era già il turno dell'opposizione di parlare.

"Abbiamo quello che può essere un ottimo accordo", ha detto ai giornalisti. - È un accordo che può mettere saldamente l'Albania sulla strada dell'adesione all'UE. Contiene misure che sono state affrontate da ODHIR. Contiene anche alcuni passi significativi che non sono stati raccomandati da ODHIR, ma che possono rappresentare un passo avanti per elezioni libere ed eque in Albania.

L'ambasciatore americano ha sottolineato che "è giunto il momento per l'opposizione, per il Partito Democratico, per il mio amico Luli Basha di bilanciare tutti i fattori e dire SÌ al popolo albanese, per dire SÌ all'Albania in Europa. La palla è in suo campo. Il futuro è nelle sue mani", ha detto l'ambasciatore Kim.

Ha spiegato che "in una trattativa così importante per il futuro dell'Albania, ogni parte è tenuta a dare, per vincere l'Albania. Ogni partito ha dato e ogni partito ha vinto. "Le persone possono vincere ancora di più". L'ambasciatore Kim ha aggiunto che "ogni partito ha dato, ma devo dare un merito speciale al partito al potere. Abbiamo chiarito in che modo il partito al potere hanno più privilegi e responsabilità da dare più degli altri, e in effetti lo hanno fatto. Mi congratulo con il partito al potere per quello che hanno fatto stasera".

Il presidente del Partito Democratico Lulzim Basha ha dichiarato mercoledì sera che "una questione rimane irrisolta" e che l'opposizione "farà di tutto per un voto libero ed equo". Oggi Basha ha tenuto una riunione sulla negoziazione e il consenso sulla riforma elettorale con la presidente della SMI, Monika Kryemadhi, il presidente del Partito repubblicano, Fatmir Mediu, e il presidente del PDIU, Shpëtim Idrizi, sull'accordo per questa riforma. Secondo lui, solo una questione è rimasta irrisolta e cioè la depoliticizzazione dell'amministrazione elettorale.
Tirana, riforma elettorale al centro della controversia dei partiti politici Tirana, riforma elettorale al centro della controversia dei partiti politici 11:11 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.