Grecia e Turchia si allontanano dal compromesso sulle rivendicazioni mediterranee

Grecia e Turchia si allontanano dal compromesso sulle rivendicazioni mediterranee
 
La Grecia ha ratificato un accordo con l'Egitto sui confini marittimi giovedì, poche ore dopo che la Turchia ha esteso l'operazione di una nave da crociera nel Mediterraneo orientale e ha annunciato che avrebbe condotto le manovre di tiro nella regione il mese prossimo.


Le tensioni sono aumentate dopo che Ankara ha inviato la nave di esplorazione sismica Oruç Reis in un'area contesa in seguito al patto tra Atene e Il Cairo.

La Turchia ha detto che il patto viola la sua piattaforma continentale.

L'accordo si sovrappone anche alle zone marittime che la Turchia ha concordato con la Libia lo scorso anno, qualcosa che è stato definito illegale dalla Grecia.

L'accordo marittimo del 6 agosto è già stato ratificato dal parlamento egiziano e approvato dalla maggioranza dei legislatori greci giovedì sera, riporta la Voice of America in albanese.

Sempre giovedì, la marina turca ha emesso un avviso, noto come Navtex, affermando che avrebbe condotto manovre di tiro nel Mediterraneo orientale al largo della costa di Iskenderun, a nord-est di Cipro il 1 ° e il 2 settembre.

Ha inoltre esteso le operazioni di ricerca della nave Oruç Reis nel sud-ovest di Cipro fino al 1 ° settembre.

La Grecia afferma che annunci turchi di questo tipo sono illegali. Si ritiene che il Mediterraneo orientale, in gran parte inesplorato, sia ricco di gas naturale.

I membri della NATO, Grecia e Turchia, sono stati coinvolti in una disputa sul controllo delle acque nel Mediterraneo orientale.

I due paesi hanno controversie sui diritti sulle potenziali risorse energetiche nella regione, sulla base di ciascuna rivendicazione di estendere la rispettiva piattaforma continentale.

Con l'escalation delle controversie, la Francia ha detto mercoledì che si stava unendo alle manovre militari con l'Italia, la Grecia e Cipro nel Mediterraneo orientale.

Il portavoce del ministero degli Esteri turco Hami Aksoy ha affermato che il dispiegamento di aerei militari francesi a Cipro ha violato i trattati sul controllo e l'amministrazione dell'isola, in seguito alla sua indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960.

Il portavoce ha affermato che la posizione pericolosa della Francia incoraggia la Grecia e Cipro a intensificare ulteriormente le tensioni nella regione.

Cipro è stata divisa nel 1974 dopo l'intervento turco, innescato da un colpo di stato di ispirazione greca. La Turchia riconosce la parte settentrionale di Cipro abitata dalla popolazione turca come uno stato separato, che non è riconosciuto da altri paesi.

La Grecia prevede di estendere le sue acque territoriali nel Mar Ionio a 12 miglia nautiche al largo della costa, dalle attuali sei.

La Turchia ha avvertito che una mossa simile da parte di Atene nelle acque ad est della Grecia sarebbe motivo di guerra.

Il portavoce del governo greco Stelios Petsas ha affermato che il diritto della Grecia di spingere il proprio confine marittimo occidentale deriva dalla legge del mare e che si riserva il diritto di farlo in altre aree marittime quando decide di farlo.

"Le tensioni non sono state create dalla Grecia, che è pronta a ridurle", ha detto il portavoce greco.

GRECIA E TURCHIA, SENZA SEGNI DI COMPROMESSO

Le dichiarazioni di giovedì seguono i tentativi di calmare la situazione del giorno prima, quando i ministri degli esteri dei due paesi hanno proposto negoziati per risolvere le rivendicazioni territoriali sulle regioni mediterranee ricche del Mediterraneo.

I leader dei due Paesi insistono sulle rispettive posizioni, senza segni di compromesso.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha affermato che Atene ha il diritto di espandere il confine delle acque territoriali sulla costa occidentale di fronte all'Italia, da 11 a 22 chilometri.

Questa parte dello Ionio non è coinvolta negli scontri con la Turchia per il controllo del territorio, ma Mitsotakis ha detto che la Grecia rinuncerà alla politica estera "passiva" che persegue da anni. La Turchia considererebbe un'espansione simile nel Mar Egeo, situato tra i due paesi, come un atto apertamente ostile.

"Tutti dovrebbero vedere che la Turchia non è un paese in cui puoi mettere alla prova la sua pazienza, determinazione, capacità o coraggio. "Se diciamo che faremo qualcosa, lo faremo e accetteremo il costo", ha detto mercoledì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "Chiunque interromperà il nostro cammino, lascia che ci aspetti, se è pronto ad affrontare le conseguenze. Se non volete le conseguenze, aprite la strada e noi continueremo il nostro lavoro".

Trump chiede il dialogo

La Casa Bianca ha detto che il presidente Trump ha parlato per telefono con il signor Mitsotakis mercoledì per discutere le preoccupazioni tra Grecia e Turchia.

"Il presidente Trump ha ribadito che la Grecia e la Turchia devono impegnarsi nel dialogo come unico modo per risolvere le loro divergenze", ha detto la Casa Bianca in un comunicato.

Pressione europea

L'Unione europea, da parte sua, sta cercando di fare pressione sulle parti per ridurre le tensioni. I ministri degli esteri dell'Unione europea si sono incontrati giovedì per una riunione di due giorni nel tentativo di persuadere due paesi vicini a ridurre le tensioni nel Mediterraneo.

Nei colloqui informali a Berlino, i ministri discuteranno una serie di sanzioni e altre opzioni politiche che potrebbero persuadere la Turchia, che nutre speranze per la futura adesione all'UE, a fare marcia indietro dalla sua insistenza sulla ricerca del petrolio e gas nei territori contesi nel Mediterraneo orientale.

La Germania, che detiene la presidenza di turno dell'UE, ha cercato di mediare tra Atene e Ankara.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha visitato martedì le due capitali, avvertendo che "ogni scintilla, non importa quanto piccola, può portare al disastro". Ma la sua diplomazia fallì miseramente.

In una conversazione con il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell sull'andamento dei colloqui, il ministro della Difesa tedesco ha detto, senza sapere di avere un microfono acceso davanti, “è difficile. Un po 'meglio con la squadra greca, ma molto difficile con la parte turca".

Borrell ha risposto che "i turchi sono molto arrabbiati" e che "hanno detto di non fidarsi dei greci".

L'Unione europea insiste affinché tutte le opzioni siano aperte alla discussione durante la riunione presieduta da Borrell. Queste includono sanzioni per convincere la Turchia a cambiare rotta, ma anche allettanti promesse in caso di accordo di compromesso. Uno dei paesi ha sollevato l'idea di annullare lo status della Turchia come paese candidato.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno chiesto una soluzione alla situazione attraverso il dialogo:

"Siamo preoccupati per la situazione (nel Mediterraneo orientale) perché il confronto coinvolge due partner della NATO. "La Germania ha lavorato duramente per aiutare a calmare la situazione e oggi discuteremo le opzioni future", ha detto Merkel.

"Siamo tutti preoccupati per la situazione nel Mediterraneo orientale. Accolgo con favore gli sforzi per una soluzione costruttiva. Sono in costante contatto con Grecia e Turchia. Il mio messaggio in questa situazione è di risolverla in spirito di solidarietà e in conformità con il diritto internazionale. "È nell'interesse di tutte le parti calmare la situazione", ha detto Stoltenberg.

Atene ha affermato che una nave turca di risorse naturali si trova in acque in cui la Grecia ha i diritti esclusivi per sfruttare le sue risorse sotterranee.

La Turchia insiste per restringere notevolmente le zone economiche delle isole greche nell'Egeo, al largo della costa turca.

La Turchia accusa Atene di tentare di divorare ingiustamente le acque ricche del Mediterraneo, mentre la Grecia ha espresso indignazione per l'esplorazione turca di acque dove Cipro rivendica diritti economici esclusivi.

Cipro è divisa tra Cipro greca a sud e Cipro turca a nord, ma solo Ankara riconosce Cipro turca.
Grecia e Turchia si allontanano dal compromesso sulle rivendicazioni mediterranee Grecia e Turchia si allontanano dal compromesso sulle rivendicazioni mediterranee 11:38 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.