Imprenditori italiani legati a Cosa Nostra coinvolti in riciclaggio di denaro sporco con l'Albania, arrestato Rezart Taçi

L'imprenditore italiano Francesco Zummo e Rezart Taçi
 La procura speciale albanese, conosciuta localmente come SPAK, afferma che l'imprenditore Rezart Taçi risulta essere coinvolto in un complesso schema finanziario internazionale di riciclaggio di denaro proveniente da attività criminali e diffuso in diversi paesi.

Secondo SPAK, sono state raccolte prove che lo schema finanziario è stato gestito dall'imprenditore italiano Francesco Zummo, suo figlio Ignazio Zummo in collaborazione con l'imprenditore italiano Fabio Petruzzella, un cittadino svizzero di origine italiana, Daniele Castagalli e Rezart Taçi, coinvolto in attività nel settore dell'olio.

Per svolgere questa attività, Rezat Taçi avrebbe ingaggiato le sue persone di fiducia, residenti in Albania, ovvero Artur Balla, suo cognato e Bledar Lilo, informa la sua guardia del corpo SPAK. Questi ultimi sono stati arrestati ieri (12 novembre 2021).

“Sono state ottenute e raccolte prove concrete, che hanno sollevato ragionevoli dubbi circa l'organizzazione e il funzionamento di una complessa operazione finanziaria internazionale illegale, localizzata in diversi Paesi, che mirava a “riciclare” una somma significativa di denaro  che costituisce un prodotto di attività criminale” ha informato oggi SPAK.

Operazioni bancarie in Albania

Lo schema finanziario riguardava anche le operazioni bancarie che sono state trasferite in Albania e poi proseguite in altri paesi. Queste operazioni sono state effettuate da una banca di secondo livello in Albania in cambio della promessa di ricevere una certa percentuale del beneficio monetario.

"Parte di questo schema finanziario, con l'aiuto dei cittadini albanesi coinvolti, è stata l'esecuzione di alcune operazioni bancarie e transazioni in una banca di secondo livello in Albania, operazioni che sono state solo parzialmente realizzate e non sono state completamente realizzate, a causa di azioni investigative effettuata dalla Procura speciale contro la corruzione e la criminalità organizzata.

Nel corso dell'istruttoria sono emerse prove che l'assistenza in questo caso per il trasferimento e l'occultamento dell'importo monetario è stata prestata con la promessa di ricevere una certa percentuale di beneficio monetario, in relazione alla cifra monetaria che è stata trasferita all'Albania e che sarebbe continuano ad essere trasferiti in altri Paesi.” si legge nel bando di SPAK.

18 milioni di euro

L'operazione, realizzata in collaborazione e coordinamento con la Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, ha portato al sequestro di oltre 18 milioni di euro che sarebbero stati trasferiti dall'Albania attraverso una banca di secondo livello ad un'altra banca.

"Nel corso delle indagini preliminari svolte nell'ambito del presente procedimento penale è stato imposto un provvedimento di sequestro per la somma pecuniaria di 18.399.941,50 (diciottomilionitrecentonovantanovemilanovecentoquarantunocinquanta punti)" informa SPAK oggi attraverso un comunicato stampa.

Intanto la Procura italiana afferma che sono stati sequestrati 20 milioni di euro.

Imprenditore con milioni di euro in Albania

Ora News ha fornito il documento della Procura Antimafia di Palermo in cui si afferma che milioni erano a favore dell'imprenditore Francesco Zummo, 90 anni considerato imprenditore locale a disposizione della mafia siciliana Cosa Nostra fin dai tempi di Totto Riina e Bernardo Provenzano accusato di riciclaggio di denaro nel settore edile.

Sequestro di circa 20 milioni di euro a Francesco Zumma, imprenditore italiano, in banca a Tirana e altri 30 milioni di buoni beni.

Secondo la Procura di Palermo, "la SPAK albanese ha portato all'arresto di diversi cittadini albanesi in relazione al riciclaggio di 20 milioni di euro in Albania per conto della mafia siciliana di Cosa Nostra e sequestrato oggi da questa Procura".

Mentre l'uomo d'affari ed ex capo della compagnia petrolifera "ARMO", Rezart Taçi, reagisce dopo l'annuncio della ricerca internazionale da parte della SPAK di un grande schema di riciclaggio di denaro. Oltre 18 milioni di euro trasferiti dall'Italia sono stati bloccati in una banca albanese.

L'ex boss di "ARMOS" ha definito le accuse del tutto prive di fondamento.

"Non capisco come possa essere emesso un mandato di arresto del genere contro di me. Non ci sono prove, nessun fatto. È una decisione completamente priva di significato", ha detto Taçi quando gli è stato chiesto da Albanian Post. L'imprenditore ha parlato anche rigarda l'imprenditore italiano.

Rezart Taçi afferma di non avere alcun legame con l'imprenditore italiano Francesco Zummo, come riporta SPAK, non conosce nemmeno il novantenne e non ha idea di chi sia.

Mentre, sulla decisione per il provvedimento "arresto in carcere", ha dichiarato che farà immediatamente ricorso e ha attivato i suoi legali sulla questione. Taçi ha sottolineato di non essere in Albania personalmente, ma gli ulteriori passi saranno seguiti dai suoi rappresentanti legali.
Nel frattempo, Rezart Taçi è noto come sostenitore finanziario della famiglia "Berisha".
Imprenditori italiani legati a Cosa Nostra coinvolti in riciclaggio di denaro sporco con l'Albania, arrestato Rezart Taçi Imprenditori italiani legati a Cosa Nostra coinvolti in riciclaggio di denaro sporco con l'Albania, arrestato Rezart Taçi 11/14/2021 02:27:00 PM Rating: 5

 

Impianti Dentali a Tirana fino al 70% in meno che in Italia e migliore qualità! SI, hai sentito bene! Inviaci la panoramica e avrai un preventivo ad un prezzo incredibile entro 24 ore! Certificato di garanzia per ogni materiale e impianto dentale! Sarai assistito da un tutor personale non appena metterai piede a Tirana! Guida turistica inclusa nel prezzo e tante sorprese! Non perdere altro tempo dalla tua vita, vieni subito a riprendere il tuo sorriso naturale!

Loading...
Powered by Blogger.
f