Amnesty International: Facebook e Google minacciano i diritti umani

Amnesty International: Facebook e Google minacciano i diritti umani
 
 L'organizzazione per i diritti umani invita i governi a limitare la raccolta di dati personali

L'onnipresente sorveglianza da parte di Facebook e Google di miliardi di persone rappresenta una "minaccia sistematica" per i diritti umani.

L'accusa arriva da Amnesty International nel rapporto di 60 pagine "Surveillance Giants", pubblicato mercoledì, che evidenzia i rischi per la privacy e, si spera, un "cambiamento radicale" nel loro modello di business.

L'organizzazione invita Facebook e Google a correggere eventuali violazioni dei diritti umani e a modificare il proprio modello di business.

Nel rapporto, Amnesty International riconosce il ruolo positivo di Google e Facebook nel "collegare il mondo e fornire servizi essenziali a miliardi di persone". Ma il prezzo è salato, in quanto il modello di business delle due società - basato sulla raccolta di dati degli utenti, il monitoraggio delle attività online e la loro classificazione a fini pubblicitari - consente alle "persone di godere dei diritti umani online solo tramite soggetto a un sistema basato su violazioni dei diritti umani ”.

"Google e Facebook dominano le nostre vite moderne, acquisendo un potere senza precedenti nel mondo digitale raccogliendo e monetizzando i dati personali di miliardi di persone", afferma Kumi Naidoo, segretario generale di Amnesty International.

"Il loro controllo segreto delle nostre vite digitali minaccia la privacy stessa ed è una delle maggiori sfide per i diritti umani della nostra era".
Amnesty International: Facebook e Google minacciano i diritti umani Amnesty International: Facebook e Google minacciano i diritti umani 13:27 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.