Minoranze protestando in Atene, si oppongono al piano pensionistico del governo: ci discrimina

 
 Un progetto del governo greco sulla riforma del regime pensionistico, nonostante affermi che regola la questione delle pensioni, essenzialmente incide sui diritti degli immigrati alla parità, in quanto si tratta di un gruppo che non può garantire 40 anni di residenza legale in Grecia.

Inizialmente, questo è venuto alla luce con la comunità albanese di minoranza albanese, che la sperimenta come una scandalosa discriminazione nei loro confronti da parte dello stesso governo greco.

Secondo il progetto, che dovrebbe essere approvato dal Parlamento ellenico, al fine di ricevere una pensione in Grecia, oltre al numero richiesto di anni di lavoro, la presenza come immigrato legale nel paese di almeno 40 anni richiederà, altrimenti la pensione ne trarrà beneficio essere circa 200 euro in meno, o circa il 30% in meno rispetto ai cittadini che vivono nel paese da più di 40 anni.

Da questo progetto del governo Micotaqissaranno più colpite le minoranze greche.

Il giornalista e pubblicista Niko Anagnosti afferma che questo progetto del governo incide sull'parità dei cittadini, perché, secondo lui, differenzia i cittadini in due categorie, che li punisce.

Ma sotto presidente di Omonia Jorgo Jomaka ritiene che il governo si dimetterà.
Minoranze protestando in Atene, si oppongono al piano pensionistico del governo: ci discrimina Minoranze protestando in Atene, si oppongono al piano pensionistico del governo: ci discrimina 13:32 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.