Pandemia di coronavirus; Possiamo davvero fidarci della ripresa della Cina?!

Pandemia di coronavirus; Possiamo davvero fidarci della ripresa della Cina?!
 
 Mentre l'Europa, gli Stati Uniti e quasi tutto il mondo sono in quarantena, la Cina sta riaprendo, mostrando cautela.

Finora, le autorità hanno ridotto le restrizioni sui viaggi e la prossima settimana consentirà alle persone di lasciare Wuhan, il "luogo di nascita" delle pandemie, per la prima volta in più di due mesi.

L'Organizzazione mondiale della sanità ha costantemente elogiato la Cina per il modo in cui ha gestito la situazione. "Stanno scoprendo rapidamente i casi, li stanno rapidamente limitando", ha detto il dott. Bruce Aylward, dall'OMS.

Anche il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha applaudito gli sforzi cinesi solo poche settimane fa. "Lo so: il presidente Xi ama il popolo cinese, ama il suo paese e sta facendo un ottimo lavoro in una situazione molto, molto difficile".

Ma con l'aumentare del numero di vittime negli Stati Uniti, cresce anche la sfiducia nei confronti delle cifre provenienti dalla Cina e della trasparenza mostrata da loro con le cifre. "La verità è che avremmo potuto stare meglio se la Cina fosse stata più aperta", ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence.

Caixin, un'importante rivista economica cinese, ha riferito che Wuhan aveva migliaia di tombe non dichiarate dalle autorità. Ma due giorni dopo la chiusura totale della città con 11 milioni di residenti, i funzionari locali hanno interrotto tutti i servizi funebri, quindi le tombe potrebbero essere state utilizzate per altre persone che potrebbero essere morte in quei giorni ma non avevano alcun legame con il coronavirus.

Tuttavia, nella CNN riferisce che ci sono stati giornalisti all'interno di Wuhan da gennaio, le cifre non corrispondono rispetto ai dati provenienti dalla "prima linea". Ciò è in parte dovuto al fatto che, per molti altri paesi, la mancanza di kit di test è ancora una sfida oggi.

"È davvero difficile, qualcosa di molto toccante per me", ha detto alla CNN Dora Jiang, nipote di una paziente con coronavirus. Ha aggiunto che ci sono voluti 4 giorni per essere testati, mentre anche la risposta è stata ritardata. "Non penso che sia perché vogliono controllare i numeri, ma a causa della capacità che hanno."

Kyle Hui ha detto alla CNN che sua madre è morta a metà gennaio a Wuhan. "Non è mai stata testata per l'acido nucleico. La causa della morte è stata ufficialmente registrata come polmonite acuta. Ma durante il trattamento, il medico ha detto che era molto probabile che fosse affetta da coronavirus.

Ma nonostante ciò, non è stato un caso confermato e di conseguenza non è stato calcolato in cifre ufficiali.

La Cina afferma di aver scoperto il coronavirus per la prima volta il 12 dicembre in un mercato di pesce e frutti di mare a Wuhan, ma il mercato ha chiuso solo il 1 gennaio. E durante quel periodo di tre settimane, gli abitanti delle città hanno continuato a vivere normalmente, con le autorità locali che censuravano le cosiddette "voci" per una malattia misteriosa. Coloro che "suonarono le campane" furono messi a tacere. Tale fu il destino del dottor Li Wenliang, che cercò di suonare l'allarme. Inizialmente fu posto agli arresti domiciliari, in seguito morì di coronavirus e ora il governo cinese lo definisce un eroe.

La Commissione sanitaria cinese ha riportato dati ufficiali per le persone colpite dal 21 gennaio, quasi sei settimane dopo il primo caso confermato. In pochi giorni, hanno riferito 1.052 casi nella provincia di Hubei. Ma quasi immediatamente, gli esperti di salute dell'Università di Hong Kong hanno sollevato dubbi su queste cifre, ritenendo che fossero 40 volte più probabili, solo a Wuhan.

Una possibile ragione di questi rapporti potrebbe essere il fatto che la Cina non ha autorizzato esperti internazionali nei primi giorni dell'epidemia. Per settimane, le autorità statunitensi hanno dichiarato di essere pronte ad andare lì, sperando di risolvere il problema prima che sfugga al controllo.

Ma il primo gruppo dell'Organizzazione mondiale della sanità è sbarcato in Cina solo il 10 febbraio, quasi 2 mesi dopo il primo caso confermato. E, dopo altri due mesi, gli esperti hanno ancora dubbi sui dati ufficiali cinesi.

Ho-Fung Hung, professore di economia politica alla Johns Hopkins University, ha dichiarato: "I dati del governo cinese non sono affatto trasparenti. Le autorità locali sono state incaricate di ridurre il numero di casi confermati e di amplificare le voci secondo cui si sta facendo un buon lavoro. Non abbiamo i fatti e le informazioni necessari per credere di più nelle figure del governo cinese ".

Pechino ufficiale ha sempre negato queste accuse. "Il fatto è che la Cina è sempre stata aperta e responsabile delle informazioni che trasmette all'Organizzazione mondiale della sanità", ha affermato Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

"I funzionari sanitari cinesi hanno ripetutamente sottolineato il ritmo dei servizi, riferendo che su oltre 82.000 infetti, oltre 76.000 sono sopravvissuti alla malattia. Dopo molte pressioni, hanno iniziato a pubblicare i numeri dei casi senza sintomi. Con la lenta revoca delle restrizioni, la nuova preoccupazione qui è il numero di persone che provengono da altri paesi e non mostrano sintomi, che possono causare una seconda ondata di infezione, proprio qui, dove tutto è iniziato", ha dichiarato David Culver. Corrispondente internazionale della CNN, a Wuhan.
Pandemia di coronavirus; Possiamo davvero fidarci della ripresa della Cina?! Pandemia di coronavirus; Possiamo davvero fidarci della ripresa della Cina?! 04:41 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.