'Perché l'imitazione di Tito alla Jugoslavia da parte della Serbia è destinata a fallire'

'Perché l'imitazione di Tito alla Jugoslavia da parte della Serbia è destinata a fallire'
 Putin che decora Vucic (archivio)
 Di Janusz Bugajski

 Mentre gli Stati Uniti e l'UE spingono per riavviare i colloqui tra Serbia e Kosova, il governo serbo si pone come il potere più essenziale nei Balcani. Tuttavia, l'imitazione di Belgrado della Jugoslavia di Tito è inevitabile se la Serbia continua a sviluppare stretti legami con la Russia e la Cina.

Dall'espulsione di Milosevic venti anni fa, i successivi governi di Belgrado hanno cercato di aumentare la statura della Serbia replicando la politica jugoslava di non allineamento. Ma nel tentativo di bilanciare gli Stati Uniti, l'Unione Europea, la Russia e la Cina, la Serbia rischia di aggravare le sue relazioni con ciascun partner e di sprofondare nell'isolamento internazionale.

Tutti gli altri paesi dei Balcani occidentali, tranne la metà della Bosnia-Erzegovina, hanno inequivocabilmente scelto le loro alleanze geopolitiche e destinazioni nazionali: la NATO e l'UE. La Serbia rimane bloccata in un vortice temporale in cui Russia, Cina, Europa e America sono considerate equivalenti e i funzionari del governo hanno cercato vantaggi giocando l'uno contro l'altro.

Nel trattare con gli stati della NATO, la Serbia spiega le sue relazioni con la Russia e la Cina e afferma di condurre più esercitazioni militari con l'Alleanza del Nord Atlantico che con le forze russe. Quando ha a che fare con Mosca, Belgrado minimizza i suoi rapporti con la NATO in quanto meramente tecnico e ritrae l'Alleanza come aggressore e la Russia come fratello ortodosso slavo e protettore nazionale.

I collegamenti con Mosca hanno continuato ad espandersi sotto il presidente Aleksander Vucic anche mentre i rappresentanti del governo affermano che queste politiche sono state ereditate dalle precedenti amministrazioni. Belgrado sostiene tra i funzionari occidentali che teme di limitare i legami con la Russia a causa dell'opposizione interna dei gruppi nazionalisti e della Chiesa ortodossa che cercano una stretta alleanza strategica con la Russia. In realtà, il governo di Vucic non deve affrontare alcuna opposizione politica unificata o forte e ha represso ogni resistenza alle sue politiche.

Sotto Vucic, la Serbia ha firmato un accordo di libero scambio con l'Unione economica eurasiatica guidata da Mosca, nonostante la forte opposizione dell'UE. Si è così unito a una manciata di stati post-sovietici che rimangono fedeli a Mosca. Ha costantemente rifiutato di aderire al regime di sanzioni imposte alla Russia per la sua invasione e spartizione dell'Ucraina. E ha acquisito armi pesanti da Mosca, compresi i sistemi antiaerei, nonostante gli avvertimenti delle sanzioni statunitensi.

Belgrado continua ad espandere il "centro umanitario" nella Serbia meridionale con i servizi di intelligence della Russia, anche se non gli è stato concesso lo status diplomatico formale. Il centro consente la raccolta di informazioni russe in tutta la regione dei Balcani. Nell'arena economica, la Serbia mantiene la sua dipendenza dal petrolio e dal gas russi. La seconda tappa del gasdotto Turk Stream di Gazprom attraverserà la Serbia, che è già dipendente da Mosca per il gas naturale e la sua più grande compagnia petrolifera, Naftna Industrija Srbije, è di proprietà di maggioranza di Gazprom.

Proprio come la Jugoslavia, Belgrado manipola i suoi legami con Mosca per ottenere vantaggi da Bruxelles e Washington. Minacciando l'Occidente con una svolta più completa verso l'Oriente, il governo Vucic cerca concessioni dall'UE e una maggiore tolleranza per il controllo del partito al potere sulle istituzioni statali. Cerca inoltre di indebolire la statalità di Kosova e diluire le richieste dell'UE che "normalizzano" le relazioni con Pristina.

Belgrado continua anche a perseguire legami più stretti con Pechino, poiché le tensioni aumentano drasticamente tra la Cina e gli Stati Uniti. Gli investimenti e i prestiti della Cina alla Serbia minano tutti gli altri stati dei Balcani e superano i 9 miliardi di dollari. Ciò ha aumentato in modo significativo l'indebitamento della Serbia a Pechino, in cui gli elevati debiti verso le società cinesi supportate dallo stato vengono trasformati in capitale politico che garantirà a Belgrado il sostegno diplomatico della Cina sulla scena internazionale.

Se il governo Vucic continua la sua politica pro-Cina, anche se le tensioni tra Stati Uniti e Cina aumentano, allora rischia di alienare l'amministrazione Trump in un momento in cui vuole sfruttare la Casa Bianca per eliminare l'indipendenza del Kosova. Belgrado rischia anche il suo cammino verso l'adesione all'UE, poiché sulla scia della pandemia è probabile che Bruxelles spinga per limitare l'influenza economica di Pechino in Europa, avendo già dichiarato la Cina "rivale sistemica" e "concorrente strategico".

Il neo-jugoslavismo serbo alla fine fallirà non solo perché non è uno stato fondamentale, a differenza della Jugoslavia titoista, o uno dei principali attori sulla scena internazionale. Fallirà principalmente perché sia ​​la Russia che la Cina diminuiranno in Europa probabilmente a seguito della pandemia. Se la Serbia sceglierà di non allinearsi strettamente con l'UE e la NATO e qualificarsi per l'adesione di entrambe le organizzazioni, rimarrà fuori dal freddo.
Questo articolo è stato originariamente pubblicato qui.
'Perché l'imitazione di Tito alla Jugoslavia da parte della Serbia è destinata a fallire' 'Perché l'imitazione di Tito alla Jugoslavia da parte della Serbia è destinata a fallire' 10:46 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.