De Biasi vorrei tornare in Albania: 'Dobbiamo dare fiducia e sostegno a Reja'

De Biasi vorrei tornare in Albania: 'Dobbiamo dare fiducia e sostegno a Reja'

 Gianni De Biasi non nasconde le emozioni del rientro in Albania, ora che è l'allenatore dell'Azerbaigian. L'eroe della Nazionale nello storico traguardo della partecipazione all'Europeo 2016, ha chiesto maggiore sostegno e fiducia all'allenatore Edi Reja nel processo di rinnovamento della squadra, pur parlando della possibilità di essere nuovamente in vetta alla panchina rossonera.

Erald Kodhelaj: Ritorno in Albania dopo 3 anni sotto la guida di un'altra squadra rappresentativa ...

Gianni De Biasi: Anche per me è una sensazione speciale, però quando mi è stata data la possibilità di tornare sono venuto volentieri. Sicuramente dovevamo giocare fuori dall'Azerbaijan, le ipotesi erano di giocare in Slovenia o altrove, ma ho detto loro che se fosse possibile giocare in Albania lo avrei fatto con piacere. La federazione ha accettato la nostra richiesta ed è stata una cosa molto carina perché torno a casa.


Erald Kodhelaj: Come vedi la nazionale albanese, che dopo la tua partenza ha un po 'perso il suo splendore?

Gianni De Biasi: Sicuramente la squadra è in buone mani, in mani esperte, perché Edy è sicuramente un grande allenatore. In questo periodo si stanno avvicinando nuovi giocatori, per programmare il rinnovo di una squadra che ha bisogno di essere riformata. La grande fortuna è che ci sono giovani talenti, come Kumbulla che è stato trasferito alla Roma, Gjimshiti che è stato confermato ed è diventato un giocatore importante, che gioca in Champions League. È una squadra che può ottenere buoni risultati e può vincere questo girone della Società delle Nazioni e auguro loro altrettanti buoni risultati.

Erald Kodhelaj: l'Albania ha perso un po 'di brillantezza in queste partite, non convince. Qualche consiglio per Reja?

Gianni De Biasi: Credo che Edy non abbia bisogno di consigli, ma la squadra ha bisogno di tempo per trovare gli equilibri. L'Albania avrebbe potuto vincere a suo piacimento con il Kazakistan, ma purtroppo non è riuscita a segnare anche se ha creato diverse occasioni. La nazionale ha messo in difficoltà l'avversario, ma non va dimenticato che anche i rivali vogliono vincere. Il risultato sperato non è stato raggiunto in quella partita, ma è importante che alla fine l'Albania vinca il girone.

Erald Kodhelaj: Nel 2011 ti trovavi nella stessa situazione, alla ricerca di nuovi giocatori. Quanto è difficile questo processo.

Gianni De Biasi: Non sono nella testa di Reja e non so quali siano i suoi progetti. È da un po 'che non parliamo perché anche io ho avuto i miei problemi con la Nazionale e devo risolverli. Tuttavia, penso che sia molto chiaro sulla situazione e sulle scelte che deve fare. Alcuni giocatori che hanno giocato nel mio periodo possono servire e l'allenatore li conosce. Lui li conosce, ma le scelte vengono fatte dall'allenatore e credo che sappia decidere al meglio con l'esperienza, le capacità e le conoscenze che ha sulla situazione attuale in squadra.

Erald Kodhelaj: In Azerbaijan hai la stessa situazione, proprio come quando sei venuto in Albania, perché la squadra ha bisogno di nuovi giocatori.

Gianni De Biasi: La situazione è completamente diversa. Con l'Albania abbiamo avuto la fortuna di riunire calciatori del Kosovo che non avevano giocato in nessun'altra squadra ed erano stati approvati dalla FIFA. Ovviamente questo ci ha aiutato. La grande fortuna dell'Albania è che ci sono tanti giocatori che giocano in Italia e hanno molta esperienza. Tutti i miei calciatori giocano in Azerbaijan, in un piccolo campionato con otto squadre. Gli stadi e tutto è abbastanza bello, ma non hanno esperienza. Ci sono molti giocatori stranieri in campionato, di cui non possiamo usare assolutamente nessuno, questo è il problema più grande. Solo due giocatori azeri giocano in Europa, uno nella seconda divisione tedesca e l'altro nella seconda divisione spagnola, ma sono più anziani. Volevo portarne alcuni più giovani, comunque proveremo a fare qualcosa con i giocatori che abbiamo a disposizione. Il rappresentante di 21 anni ha giovani interessanti, aspettiamo con fiducia e coraggio.

Erald Kodhelaj: Com'è la situazione in Azerbaigian dopo la guerra?

Gianni De Biasi: La situazione non è certo delle migliori. A questo punto, il conflitto di 30 anni è tornato attivo. L'Azerbaigian ha lanciato un'offensiva per riconquistare la provincia del Nagorno-Karabakh, che le è stata ceduta dalle Nazioni Unite. La situazione non è affatto buona, perché abbiamo il coprifuoco dalle 21:00 alle 6:00. Fino a poco tempo fa eravamo isolati dal coronavirus, ora che abbiamo riacquistato un po 'di libertà è iniziato il conflitto. La mia famiglia che vive in Italia è un po 'preoccupata. Vivo a Baku, dove tutto è tranquillo, la città ha 3 milioni di abitanti ed è molto bella. Ma è chiaro che viviamo in uno stato che è in guerra con un altro stato.

Erald Kodhelaj: l'Albania spera in un'altra grande qualificazione come quella del 2016. Dobbiamo aspettare il ritorno in panchina di De Biasi?

Gianni De Biasi: Ci saremmo tutti iscritti per fare qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto nel 2016. Credo che ogni persona accetterebbe qualcosa del genere, prima io. Ma in questi momenti, in cima alla panchina c'è Edy, a cui dobbiamo dare tutta la fiducia e il supporto necessari che servono per raggiungere un obiettivo. Ricordo, da quando ho assunto la guida della squadra, molte persone erano scettiche e nessuno era convinto che avremmo potuto raggiungere un obiettivo grande come quello che abbiamo raggiunto. Qualcuno ha persino preso in giro quello che stavo dicendo. Ma sono convinto che se hai la voglia, la determinazione e non cambi i tuoi obiettivi anche nei momenti difficili, alla fine si va lontano.
De Biasi vorrei tornare in Albania: 'Dobbiamo dare fiducia e sostegno a Reja' De Biasi vorrei tornare in Albania: 'Dobbiamo dare fiducia e sostegno a Reja' 12:55 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.