Sotto l'incantesimo di un falso amore

Sotto l'incantesimo di un falso amore

 A volte ci impegniamo con una persona che non è una buona coppia per noi. Questo può accadere per vari motivi. Potremmo, ad esempio, sperare che l'altro cambi e arrivi ad abbracciare i nostri interessi e il nostro stile di vita o sviluppi disposizioni caratteriali che corrispondano ai nostri bisogni emotivi.

Tali speranze sono generalmente ingiuste nei confronti dell'altro, tranne, forse, quando implicano tentativi di riformare tendenze oggettivamente cattive - impulsi omicidi, per esempio. Non possiamo ragionevolmente aspettarci che gli altri si trasformino nelle persone di cui abbiamo bisogno per essere felici.

Non meno importante, è probabile che alla fine rimarremo delusi. La personalità si evolve con il tempo, ma lentamente e in direzioni imprevedibili. Non è probabile che il carattere di un altro si alteri in modo da soddisfarci.

In altri casi, facciamo una brutta copia, perché o l'infatuazione o la speranza d'amore ci presentano un'immagine dell'altro creata dalla nostra stessa immaginazione. Ci innamoriamo di un'illusione. L'eroina di George Eliot, Dorothea Brooke di Middlemarch, per esempio, si innamora di un uomo, molti anni più grande di lei, che lei immagina un grande studioso solo per scoprire che è un essere umano meschino, completamente privo di talento e inoltre, uno che ha nessuna preoccupazione per la sua felicità.

In altri casi ancora, vediamo chiaramente che l'altro non è un'anima gemella, ma desideriamo la relazione per altri motivi. Ci sono molti esempi di relazioni fallite di questo tipo in letteratura. L'Emma Bovary di Flaubert di Madame Bovary, per esempio, sposa un medico di campagna, perché pensa di avere l'età in cui dovrebbe sposarsi. Il marito di Emma è innamorato di lei, ma lei è annoiata di lui. Sognando una vita migliore, fa una serie di scelte sfortunate, accumula debiti che non può ripagare e si suicida.

Non tutte le copie che iniziano male rimangono tali. Somerset Maugham, in Il velo dipinto, descrive il caso di un uomo molto intelligente, Walter, un batteriologo che si innamora e sposa una donna bellissima ma molto superficiale, Kitty. Per un po', Walter finge di condividere i gusti non raffinati di sua moglie. Fa di tutto per accontentarla. Dopo aver scoperto che lei lo tradisce, prende una decisione inaspettata: andare in Cina nel bel mezzo di un'epidemia di colera e portare sua moglie con sé. Kitty all'inizio si oppone, ma alla fine accetta di andare con lui. In Cina Walter cura i malati. Mentre è lì, Kitty subisce gradualmente una profonda trasformazione. Si innamora di Walter e del suo personaggio e arriva ad apprezzare quanto sia migliore rispetto al suo ex amante. (Per caso, l'amore reciproco è di breve durata poiché Walter muore di colera.)

Ci sono anche casi in cui una persona inesperta commette un grave errore perché non sa che aspetto ha una buona relazione. Per quanto non si possa realizzare del tutto che i propri genitori abbiano abusato fino a molto tempo dopo, perché non si sono osservate altre famiglie e altri genitori, così si potrebbe anche, a causa dell'assenza di un punto di riferimento adatto, non riuscire a vedere che la propria relazione sentimentale è scadente o addirittura terribile.

Ci sono casi, però, in cui ci mettiamo in mezzo con qualcuno che non è un buon partner né perché abbiamo un'idea sbagliata di chi sia l'altro, né perché speriamo che l'altro cambi, né, infine, perché pensiamo che l'unione è una buona idea per qualche motivo diverso dalla promessa d'amore: piuttosto, lo facciamo perché in qualche modo dimentichiamo chi siamo, quale stile di vita preferiamo, cosa probabilmente ci renderà felici.

Questo è probabilmente ciò che accade a Isabel Archer da A Portrait of a Lady di Henry James. Isabel è una donna molto forte e intelligente che sposa un misogino convenzionale, perché per un po' si convince che sarebbe felice come una moglie obbediente, senza preferenze personali.

Le persone in questi casi possono comportarsi come in uno stato di trance. Il corpo si muove e la voce può essere ascoltata, ma le azioni sembrano avere la loro fonte in qualcosa di diverso dalla persona. Quando la relazione finisce, la persona potrebbe chiedersi: "Cosa stavo pensando?" Che succede?

Parte della spiegazione, credo, ha a che fare con una certa elusività dell'identità. Non possiamo guardare direttamente le nostre identità ed esaminarle come faremmo con un oggetto. Possiamo riflettere sul nostro comportamento passato e rilevare una discrepanza tra quello e la scelta che stiamo facendo ora, ma come possiamo dire cosa significa la discrepanza? Dopotutto, è sempre possibile che siano le nostre scelte passate ad essere inautentiche, non quella attuale.

C'è qualcos'altro: una certa molteplicità all'identità. Può darsi che una parte di noi sia contenta della sfortunata scelta che stiamo facendo. Una piccola parte di Isabel, per esempio, potrebbe voler essere una moglie obbediente (o una musicista itinerante, o una persona mondana, o qualunque cosa l'altro voglia che siamo). Il nostro errore è non capire quanto possa essere periferica una tale parte, quanto lontana da ciò che potremmo chiamare il nostro sé centrale. Ci sono molti stili di vita di cui possiamo godere una volta all'anno o una volta su cinque. È improbabile che impegnarsi in uno di quegli stili di vita per il bene di una relazione porti alla felicità.

Questo tipo di oblio - amnesia dell'identità, se così posso chiamarlo - può durare a lungo quando le persone che lo sperimentano tagliano i legami con coloro che li conoscono bene e possono ricordare loro chi sono. Se hai un fratello in questa situazione, potresti scoprire che tuo fratello o tua sorella smettono di parlarti. Speri che questo sia perché tuo fratello è così perfettamente felice con la persona con cui sono coinvolti, non hanno bisogno di nessun altro; eppure, sebbene non si lamentino, non sembrano felici.

L'illusione può dissolversi se siamo spinti così lontano dal nostro sé centrale che la discrepanza tra il nostro comportamento e la nostra identità diventa dolorosamente ovvia per noi. (L'altro può, quindi, involontariamente farci un favore in questi casi spingendoci troppo oltre.)

C'è un modo per assicurarci di non dimenticare mai chi siamo e di impegnarci a vivere una vita fittizia?

Ne dubito. Ma può essere utile tenere a mente che se l'altro ci incoraggia a recidere i legami con chi ci conosce bene, questo è un segnale di avvertimento; così come i sentimenti di vergogna e ansia associati al pensiero di condividere dettagli sulla nostra relazione con altre persone. Se ti sei convinto di essere con una persona molto speciale ma pensi anche che nessun altro che ti ama sarà d'accordo, quindi scegli di non rivelare nulla su ciò che accade tra te e il tuo interesse romantico, potrebbe esserci un problema.

C'è un ultimo punto che desidero notare qui. Dobbiamo tenere a mente che a volte siamo noi che stiamo mettendo un altro nello stato che qui ho etichettato come "amnesia dell'identità". Lo facciamo se spingiamo con successo l'altro a piegarsi a nostro piacimento senza piegarsi a sua volta. A volte siamo vittime e altre volte - carnefici. Potremmo essere noi, cioè, a lanciare su un altro l'incantesimo di un falso amore.

Fonte: Psychology Today.
Sotto l'incantesimo di un falso amore Sotto l'incantesimo di un falso amore sabato, maggio 29, 2021 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.
f