Qual è il metodo migliore per lavarsi i denti secondo dentisti ed esperti

Suggerimenti con alcuni metodi illustrativi su come posizionare lo spazzolino tra gengive e denti
 Suggerimenti con alcuni metodi illustrativi su come posizionare lo spazzolino tra gengive e denti
 Lavarsi i denti riduce efficacemente le possibilità di contrarre una serie di malattie croniche, oltre a mantenere sani denti e gengive. Ma la maggior parte di noi sta sbagliando.

Per una routine che la maggior parte di noi pratica da prima di essere abbastanza alti da guardare nello specchio del bagno, siamo notevolmente pessimi a lavarci i denti.

In Svezia, uno studio ha rilevato che solo una persona su 10 pratica la migliore tecnica di spazzolamento. L'assicurazione sanitaria britannica Bupa ha rilevato che quasi la metà degli intervistati non sapeva come lavarsi i denti correttamente in un sondaggio condotto su 2.000 persone nel Regno Unito.

"È molto probabile che chiunque non abbia ricevuto istruzioni formali dal proprio dentista o igienista lava i denti in modo errato", afferma Josefine Hirschfeld, professoressa associata e specialista in odontoiatria restaurativa presso l'Università di Birmingham nel Regno Unito. "Dalla mia esperienza, questa sarà la stragrande maggioranza della popolazione in qualsiasi paese".

Forse ciò non sorprende, data la sconcertante varietà di informazioni disponibili su come lavarsi i denti. Uno studio ha rilevato almeno 66 consigli di esperti diversi, a volte contrastanti, riporta BBC.

"Penso che sia molto confuso per il consumatore", afferma Nigel Carter, amministratore delegato della Oral Health Foundation nel Regno Unito. Questa confusione è amplificata dalla gamma di prodotti dentali disponibili per l'acquisto.

Quindi, cosa sbaglia esattamente la maggior parte di noi e come possiamo cambiare la nostra routine per assicurarci di lavarci i denti in modo efficace? 

Qual è il metodo migliore?

"Molti pazienti capiscono che ciò che devono fare è rimuovere i resti di cibo", afferma Hirschfeld. "Questo è vero solo in parte. È molto più importante rimuovere i batteri dai denti".

"Pensa a spazzolare il bordo gengivale, piuttosto che i denti stessi. I denti verranno quindi lavati automaticamente" - Josefine Hirschfeld

Questi batteri e altri microrganismi crescono all'interno della bocca di tutti e formano un biofilm appiccicoso comunemente noto come placca dentale. È composto da circa 700 specie diverse di batteri, la seconda più grande diversità nel corpo umano dopo l'intestino, oltre a una miriade di funghi e virus. "Vivono nella pellicola appiccicosa attaccata ai denti e anche ai tessuti molli", afferma Hirschfeld. 

"Questa pellicola appiccicosa non può essere facilmente risciacquata: deve essere pulita manualmente".

Il posto più importante da cui rimuoverlo non sono infatti i denti, ma il bordo gengivale. È qui che i microbi sono in grado di infiltrarsi meglio nel tessuto gengivale e causare infiammazioni e, infine, condizioni come la parodontite. In effetti, "lavarsi i denti" è un termine improprio. "Pensa a lavarti il bordo gengivale, piuttosto che i denti stessi", dice Hirschfeld. "I denti verranno quindi lavati automaticamente."

Quindi qual è esattamente il modo migliore per farlo?

Uno dei modi più efficaci per eliminare il biofilm è noto come "tecnica Bass modificata". Ciò richiede molta più destrezza manuale rispetto al vago metodo di mettere il pennello in bocca e guardare occupato che molti di noi usano, come scopro presto.

Nel mio bagno, armato del mio spazzolino manuale con manico in bambù e setole di nylon, mi preparo a provare il Bass modificato. 

La tecnica Bass modificata consiste nel posizionare lo spazzolino con un angolo di 45 gradi rispetto alla faccia del dente (inclinato verso il basso per la mascella inferiore e verso l'alto per la parte superiore, come se si cercasse quasi di bordare le setole sotto le gengive). Quindi fai piccoli movimenti vibratori avanti e indietro sul bordo gengivale. Dopo aver studiato da vicino diversi video, ci provo.

Pochi istanti dopo, il mio specchio è spruzzato con macchie bianche di dentifricio e il mio spazzolino è sul pavimento. Nel mio entusiasmo ho in qualche modo armeggiato con il pennello, mi sono grattato la dura testa di bambù sulle gengive e l'ho lasciato cadere.

Imperterrito, lavo velocemente il mio spazzolino da denti e riprovo, questa volta in modo più incerto. I movimenti piccoli, rapidi ma gentili che Hirschfeld mi ha accuratamente descritto sono sorprendentemente difficili da emulare. Come mano destra, sembra qualcosa come tentare di scrivere in corsivo pulito con la mia sinistra. Quando ho scrupolosamente negoziato tutta la mia linea gengivale – superiore, inferiore, dentro e fuori – con un tentativo di Bass modificato, controllo la mia piccola clessidra verde. I miei due minuti sono scaduti, chissà quanto tempo fa, e non ho ancora iniziato a usare il filo interdentale.

Ci sono altre tecniche oltre al Bass modificato che fanno un buon lavoro nel rimuovere il biofilm. In un'altra occasione, provo lo Stillman modificato, simile al Bass modificato, con l'aggiunta di un piacevole movimento di allontanamento dal bordo gengivale, durante il quale immagino che un biofilm di sporcizia microbica venga spazzato via in uno schiumoso oblio.

Dopo una settimana di sperimentazione e le macchie di dentifricio in diminuzione sullo specchio mentre sento che sto prendendo la mano, le mie gengive iniziano a sentirmi un po' doloranti. Si scopre che nel mio entusiasmo ho applicato troppa pressione.

La pressione applicata non dovrebbe essere superiore a 150-400 g, afferma Hirschfeld, sebbene la pressione ottimale sia ancora in discussione. Spazzolare troppo forte, specialmente con uno spazzolino a setole più dure, può causare traumi alle gengive. Piccole lacerazioni nei tessuti molli causate da una spazzolatura troppo zelante sono un'opportunità per i batteri di entrare nel flusso sanguigno. E grattugiare le setole dello spazzolino sullo smalto può provocare l'usura di minuscoli solchi nel dente, che si sommano a un'erosione significativa nel tempo. Le persone che usano uno spazzolino manuale spesso premono più forte di quelle che usano uno spazzolino elettrico, molte delle quali hanno sensori che avvertono quando la pressione è eccessiva.

il costo di un impianto dentale in Albania

Da qualche giorno provo una tecnica diversa, destinata a bambini e persone con meno manualità. Il metodo Fones consiste nel tenere lo spazzolino a 90 gradi e fare movimenti circolari sui denti, sfiorando il bordo gengivale. È certamente più facile da fare mentre sperimento per ottenere la pressione giusta. Ma ho deciso di padroneggiare il basso modificato una volta che le mie gengive si saranno riprese dal mio entusiasmo.

"La tecnica Bass modificata è una delle migliori. Pulisce i denti nel miglior modo possibile, senza causare traumi ai denti e alle gengive", afferma Hirschfeld.

Ma Nigel Carter della Oral Health Foundation osserva, in modo rassicurante, che ottenere la versione corretta del libro di testo non è sempre ciò che conta. "Quello che i dentisti e gli igienisti generalmente raccomandano in questi giorni è guardare cosa sta facendo la persona e apportare modifiche alla tecnica esistente per migliorare", dice.

Per quanto?

Spazzolare per almeno due minuti alla volta, due volte al giorno è la raccomandazione dell'American Dental Association, del NHS, dell'Indian Dental Association, dell'Australian Dental Association e di molte altre organizzazioni sanitarie nazionali.

Il problema è che la maggior parte di noi non riesce a stimare la durata di due minuti. La durata media per la quale ci laviamo effettivamente varia ampiamente, da 33 secondi, 45 secondi, 46 secondi, a 97 secondi, a seconda dei diversi studi. Solo circa il 25% delle persone si lava i denti abbastanza a lungo, con la pressione e il movimenti corretti, secondo uno studio condotto da Carolina Ganss, professoressa nel dipartimento di odontoiatria conservativa e preventiva presso la Justus-Liebig University Giessen in Germania.

Fortunatamente, ci sono soluzioni facili come usare un'app sul telefono, una clessidra in miniatura attaccata al muro del bagno (come ho scelto io) o uno spazzolino elettrico con timer integrato.

In generale, maggiore è il tempo trascorso a spazzolare, maggiore è la quantità di biofilm rimosso, afferma Carter, ma si pensa che circa due minuti siano circa il tempo necessario per aggirare tutte le superfici dei denti e del bordo gengivale. Per le persone che hanno malattie gengivali o altre condizioni di salute orale, tuttavia, potrebbe essere necessario più tempo per assicurarsi che il biofilm sia stato completamente rimosso.

"In effetti, il tempo di spazzolatura ottimale dipende fortemente dalla situazione individuale", afferma Hirschfeld. "Non è realmente definito, e non può essere definito, perché la situazione dentale e orale di ogni persona è diversa. Ciò che conta è che tutti i denti siano puliti, tutte le superfici di ogni dente comprese anche le aree difficili da raggiungere - e questo può facilmente richiedere molto tempo più di due minuti".

Quante volte?

Il consiglio in paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'Australia è di eseguire la tecnica di spazzolatura accuratamente programmata e diligentemente eseguita due volte al giorno. L'Indian Dental Association, tuttavia, consiglia che fino a tre volte (incluso uno spazzolino dopo pranzo) possono essere utili. Per la maggior parte delle persone senza gravi problemi di salute orale, non c'è alcun vantaggio nell'andare oltre questa guida.

"Non è necessario di più per rimuovere i batteri dai denti e potrebbe essere dannoso lavarsi i denti più spesso di due volte al giorno", poiché uno spazzolamento eccessivo rischia l'abrasione del dente, afferma Hirschfeld. Anche se ci sono ancora delle eccezioni. "Se pensi alle persone che indossano apparecchi ortodontici in cui gli alimenti rimangono facilmente intrappolati, a quei pazienti viene comunemente consigliato di lavarsi i denti dopo ogni pasto", aggiunge.

Spazzolare due volte aiuta anche a proteggersi dalla tecnica imperfetta. "Rigorosamente se ti lavassi perfettamente una volta al giorno sarebbe probabilmente sufficiente, perché è la placca più vecchia sui tuoi denti che in realtà causa problemi sia per la carie che per le malattie gengivali", afferma Carter. "Ma nessuno di noi lo fa al 100%. Quindi l'idea è che facendolo due volte otterrai i pezzi che prima ti mancavi, quindi ogni giorno pulirai tutto".

Prima o dopo il cibo?

È meglio lavarsi i denti prima o dopo colazione? Dai produttori di dentifricio agli ospedali dentistici, molti sostengono che è meglio lavarsi i denti prima di colazione che dopo. Ma questa è ancora un'area di dibattito.

"Non esiste una raccomandazione forte specifica", afferma Hirschfeld. "Ma molti dentisti consiglieranno di lavarsi i denti in seguito, perché non solo rimuoveranno la placca ma anche i resti di cibo dalla colazione".

Se prima o dopo colazione funzionerebbe meglio per te dipende da cosa mangi e quando. Questo perché ci devono essere due cose per lo sviluppo di un biofilm: i microbi e il cibo da mangiare.

"Senza batteri o cibo, non si possono sviluppare carie", afferma Hirschfeld. "Se spazzoli via i batteri molto accuratamente prima di colazione, in teoria non dovrebbe importare quanto zucchero mangi. Se non ci sono batteri che possono fermentarlo, allora va bene". Ma rimuovere il 100% del biofilm in una singola sessione di spazzolamento prima di colazione non è affatto assicurato, soprattutto date le discutibili abitudini di spazzolamento della maggior parte delle persone.

Allo stesso modo, lavarsi i denti dopo la colazione può essere efficace. "Se hai gli zuccheri sopra i batteri esistenti e poi li spazzi via, dovrebbe andare ugualmente bene", dice Hirschfeld.

Uno dei principali inconvenienti dello spazzolamento dopo colazione, tuttavia, è che è necessario lasciare un buon intervallo tra il mangiare e lo spazzolamento: l'American Dental Association consiglia di attendere 60 minuti. Il motivo è che gli acidi negli alimenti e nei sottoprodotti della digestione dei carboidrati da parte dei microbi rendono temporaneamente vulnerabili i denti.

"Gli acidi attaccano lo strato di smalto dei denti e lo ammorbidiscono per un certo periodo di tempo", afferma Hirschfeld. Questo elimina alcuni dei componenti chiave dello smalto – calcio e fosfato – anche se questi vengono sostituiti in un periodo di ore da minerali nella saliva. "Quindi il processo è autoriparante. Ma se non aspetti che avvenga quell'autoriparazione, allora questa superficie erosa diventerà molto suscettibile al semplice spazzolamento".

Carter è d'accordo sul fatto che la domanda prima o dopo la colazione è sfumata e dipende da cosa hai mangiato. Cibi e bevande acide, come agrumi, succhi di frutta e caffè, sarebbero un motivo per lavarsi i denti prima piuttosto che dopo la colazione, quindi non devi preoccuparti di interrompere il processo di remineralizzazione.

Più importante della domanda della colazione è la spazzola della sera, che ha anche una risposta più semplice: dovrebbe sempre succedere l'ultima cosa prima di andare a letto.

"La tua saliva è il tuo meccanismo protettivo naturale", dice Carter, inibendo la crescita batterica e la carie. "Il flusso di saliva si riduce durante la notte, ecco perché è molto importante che tutta la placca venga rimossa prima di dormire".

Con cosa dovresti lavarti i denti?

Ci sono alcuni spazzolini da denti e dentifrici sul mercato che letteralmente "spazzano via i denti", afferma Hirschfeld. I dentifrici altamente abrasivi, spesso contrassegnati come "sbiancanti", e gli spazzolini a setole dure sono noti per questo, in particolare se usati insieme.

"È un processo molto lento che accade nel corso di anni o decenni", dice. "Ma nel tempo, i denti si abradono e possono quindi essere molto sensibili alle temperature o allo sviluppo di carie".

Gli spazzolini a setole medie sono i migliori per gli adulti e un dentifricio che non contenga piccole particelle abrasive. È preferibile anche una testina più piccola, che consente una maggiore manovrabilità intorno ai singoli denti, è preferibile sostituire uno spazzolino usurato prima che le sue setole diventino troppo deformi.

Il miswak, proveniente da alberi come la Salvadora persica, è stato usato per millenni per aiutare a mantenere puliti i denti
 Il miswak, proveniente da alberi come la Salvadora persica, è stato usato per millenni per aiutare a mantenere puliti i denti
Carter è d'accordo sul fatto che la domanda prima o dopo la colazione è sfumata e dipende da cosa hai mangiato. Cibi e bevande acide, come agrumi, succhi di frutta e caffè, sarebbero un motivo per lavarsi i denti prima piuttosto che dopo la colazione, quindi non devi preoccuparti di interrompere il processo di remineralizzazione.

Più importante della domanda della colazione è la spazzola della sera, che ha anche una risposta più semplice: dovrebbe sempre succedere l'ultima cosa prima di andare a letto.

"La tua saliva è il tuo meccanismo protettivo naturale", dice Carter, inibendo la crescita batterica e la carie. "Il flusso di saliva si riduce durante la notte, ecco perché è molto importante che tutta la placca venga rimossa prima di dormire".

Con cosa dovresti lavarti i denti?

Spazzolini da denti tradizionali o bastoncini da masticare come il miswak dell'albero dello spazzolino da denti, ampiamente utilizzati in Africa, Medio Oriente e Asia meridionale, sono anche efficaci nella rimozione della placca e nella prevenzione della carie. Ma presentano un rischio maggiore di abrasione delle gengive se non vengono utilizzati correttamente. 

Ancora più efficace delle opzioni manuali, sebbene anche più costoso, è lo spazzolino elettrico. Dopo anni di studi che non hanno mostrato differenze significative tra i due, numerose meta-analisi hanno riscontrato livelli moderati di evidenza che gli spazzolini elettrici sono più efficaci nella rimozione della placca. 

"Ma se usi uno spazzolino manuale e lo usi in modo assolutamente corretto in termini di metodo di spazzolamento, pressione e così via, otterrai un risultato altrettanto buono", afferma Hirschfeld.

Dovresti usare il filo interdentale?

Nonostante le controversie occasionali sulla scarsità della ricerca sul filo interdentale, molte organizzazioni per la salute dentale rimangono fedeli sostenitori della pratica.

"Se si pensa a ciascun dente come a un cubo in cui cinque superfici sono esposte all'ambiente orale, tutte queste aree hanno biofilm che crescono su di esse e non c'è davvero alcun motivo per escluderne la metà", afferma Hirschfeld.

Nel Regno Unito, Carter stima che una percentuale molto piccola, forse una persona su 20, usi abitualmente il filo interdentale. Un sondaggio del 2019 ha rilevato che un terzo degli adulti del Regno Unito non aveva mai usato il filo interdentale.

Il filo interdentale non è l'unico modo per eliminare il biofilm tra i denti. Le caratteristiche dei tuoi denti, ad esempio affollati o molto distanziati, determineranno cosa funzionerà meglio, uno spazzolino o un filo sottile. Per chi ha problemi alle gengive o ai denti, la pulizia interdentale è un'opportunità per dare il massimo. "Molti dei nostri pazienti utilizzano un'ampia varietà di dispositivi per la pulizia interdentale, quindi hanno forse cinque o sei diverse spazzole di diverse dimensioni, filo interdentale e altre spazzole", afferma Hirschfeld. Il tempo dedicato all'uso del filo interdentale dovrebbe essere considerato parte dei tuoi due minuti di pulizia, aggiunge, e non è necessario farlo più di una volta al giorno.

Ciò nonostante una revisione di studi randomizzati controllati nel 2011 affermasse che c'erano solo "prove deboli e molto inaffidabili che suggeriscono che l'uso del filo interdentale e lo spazzolino da denti possono essere associati a una piccola riduzione della placca a uno o tre mesi" e la maggior parte degli studi aveva difetti metodologici. Tuttavia, tale riesame è stato successivamente ritirato, dopo obiezioni secondo cui "l'assenza di prove non costituisce la prova dell'assenza". Una versione successiva e aggiornata ha rilevato che l'uso del filo interdentale era significativamente migliore rispetto allo spazzolino da solo nel ridurre la gengivite (malattia gengivale superficiale, che può portare in seguito a malattie gengivali profonde o parodontite), sebbene l'evidenza che riducesse la placca fosse ancora "debole" e "molto inaffidabile".

"È davvero difficile condurre questo tipo di studi", afferma Hirschfeld. È difficile ottenere una coorte sufficientemente ampia, che rifletta la popolazione generale e non semplicemente studenti di odontoiatria che sono facili da reclutare per tali studi, e aggirare fattori come l'inaffidabilità dell'auto-segnalazione. Un'altra sfida importante è condurre gli studi abbastanza a lungo per vedere come viene alterata l'incidenza di problemi ai denti e alle gengive, che possono richiedere decenni. "Questo è difficile, se non impossibile, da fare. Ecco perché le prove sono deboli".

dentista a Tirana

Che tipo di dentifricio è il migliore?

Sebbene ci sia una miriade di dentifrici diversi, dalla prevenzione della carie allo sbiancamento alla riduzione della sensibilità, i marchi costosi non sono necessari per fare l'essenziale, Hirschfeld e Carter sono d'accordo.

"Ho esaminato l'elenco degli ingredienti di alcuni dei dentifrici davvero economici che ho visto, a volte fino a 50 centesimi, e non vedo nulla di sbagliato in loro", afferma Hirschfeld.

Della lunga lista di ingredienti sul retro di una normale confezione di dentifricio, c'è un ingrediente in particolare a cui prestare attenzione: "Contenuto di fluoro", afferma Hirschfeld. "Questo è sicuramente il fattore chiave". Dovrebbe essere di almeno 1.350 parti per milione (ppm) per gli adulti e 1.000 ppm per i bambini per proteggere lo smalto dagli acidi.

Lo smalto dei denti è il tessuto più duro del corpo umano e uno dei più duri che si trovano in natura. "Duro quasi come un diamante", osserva Hirschfeld. È principalmente costituito da un minerale chiamato idrossiapatite (una specie di fosfato di calcio) disposto in una complessa struttura cristallina, che varia in diverse forme e disposizioni in tutto il dente per aumentare la durezza e la durata.

Ma nonostante la sua resilienza alla forza meccanica, lo smalto si dissolve facilmente nell'acido. I microbi presenti nel biofilm rilasciano acido lattico come sottoprodotto della digestione degli zuccheri e dei carboidrati che possono rimanere intrappolati tra i nostri denti. Questo acido lattico liscivia gradualmente calcio e fosfato dallo smalto, che alla fine inizia a sgretolarsi e forma una cavità.

I composti naturalmente presenti nella saliva possono in qualche modo sostituire i minerali perduti. In particolare, se è presente fluoro (come è naturalmente presente nei suoli e nell'acqua in molte parti del mondo), lo smalto si riforma come fluorapatite, che è più resistente agli acidi rispetto all'idrossiapatite. Sputare il dentifricio quando hai finito ma astenersi dal risciacquare aiuta il fluoro a rimanere più a lungo intorno ai denti, per una protezione aggiuntiva.

"Da quando i fluoruri sono stati introdotti nel dentifricio, l'incidenza delle carie è diminuita ovunque dove viene utilizzato il dentifricio al fluoro", afferma Hirschfeld.

Tuttavia, alcuni ingredienti alla moda dovrebbero essere trattati con cautela. Il carbone, che è stato usato per pulire i denti per millenni ed è diventato sempre più popolare nei dentifrici commerciali, ha meno ricerche a sostegno. Ci sono poche prove che il carbone sbianca i denti e può aumentare il rischio di erosione dei denti e altri problemi. Le affermazioni sulle proprietà antibatteriche, antimicotiche e antivirali dei dentifrici al carbone non possono essere motivate, secondo una recensione, concludendo che i dentisti dovrebbero "consigliare ai loro pazienti di essere cauti quando usano carbone e prodotti dentali a base di carbone con affermazioni non provate di efficacia e sicurezza".

Molti dentifrici al carbone non contengono fluoro e quindi offrono una minore protezione dalle carie. Tuttavia, se qualcuno usa un dentifricio senza fluoro aggiunto, trarrà comunque qualche beneficio dal lavarsi i denti. "Possono ancora ottenere la rimozione meccanica della placca", afferma Carter. "Ma non otterranno il beneficio di prevenzione del decadimento, che è essenzialmente ciò che fa il fluoro nel dentifricio."

Alcuni altri additivi popolari nel dentifricio potrebbero essere meno controversi. È stato scoperto che i dentifrici contenenti bicarbonato di sodio (piccoli cristalli di bicarbonato di sodio) rimuovono la placca meglio di quelli senza, secondo gli autori di una meta-analisi, sebbene abbiano notato che erano necessari ulteriori studi di follow-up (gli autori di quello studio hanno affermato che avevano ricevuto fondi da produttori di spazzolini e dentifrici in passato). La stessa analisi ha rilevato che i dentifrici al bicarbonato di sodio possono dare una leggera riduzione del sanguinamento dovuto alla gengivite.

Dovresti usare il collutorio?

Il collutorio è meno efficace dello spazzolamento dei denti nel rimuovere la placca, dice Carter, ma se combinati i due possono rimuovere un po' più di placca rispetto allo spazzolamento da solo. "Direi che è un elemento aggiuntivo molto utile, non per sostituire lo spazzolino da denti ma come aggiunta."

Può, tuttavia, essere utile per il trattamento della gengivite, secondo una recente dichiarazione di consenso. Per essere utile, dovrebbe contenere almeno 100 ppm di fluoruro ed essere clinicamente dimostrato che riduce la placca. Ed è meglio usarlo solo se le gengive stanno già sanguinando, piuttosto che come misura preventiva.

In mancanza di un termine migliore, forse c'è un "punto debole" per lavarsi i denti in modo efficace. Non basta spazzolare e il biofilm si accumula e rischia la carie e la parodontite. Troppo, o troppo duro, e lo smalto si rimuove facilmente con il passare del tempo. Anche se ottenere la routine ideale - con filo interdentale o scovolini, e forse collutorio se hai la gengivite - potrebbe essere complicato, ne vale la pena per il guadagno in termini di salute generale.
Qual è il metodo migliore per lavarsi i denti secondo dentisti ed esperti Qual è il metodo migliore per lavarsi i denti secondo dentisti ed esperti 7/21/2022 09:57:00 PM Rating: 5
Powered by Blogger.
f