Convivenza: cosa può imparare il mondo dall'Albania - opinione

L'Albania è un paese piccolo, a volte lontano dall'agenda politica globale. Tuttavia, ha molto da insegnarci.

Convivenza: cosa può imparare il mondo dall'Albania - opinione  MUSICISTI EBREI si esibiscono per le strade di Tirana, in Albania, in preparazione alla Pasqua. (credito: ARBEN CELI/REUTERS)
 MUSICISTI EBREI si esibiscono per le strade di Tirana, in Albania, in preparazione alla Pasqua. (credito: ARBEN CELI/REUTERS)

 Due anni fa, al Forum dei Balcani contro l'antisemitismo organizzato dal Combat Antisemitism Movement (CAM), il Primo Ministro della Repubblica d'Albania Edi Rama ha definito eloquentemente il suo Paese "un grande esempio dell'incarnazione della lotta contro l'estremismo violento".

In un mondo sempre più attanagliato dall'estremismo e dalla radicalizzazione, l'Albania non è in prima linea in molte menti nella battaglia per una maggiore tolleranza. Tuttavia, dovrebbe servire da illustrazione di come una nazione, a maggioranza musulmana, può aiutare a instillare una maggiore comprensione tra persone di origini, religioni ed etnie diverse.

Gran parte di questo atteggiamento verso l'altro può essere trovato nell'identità culturale dell'Albania. Alcuni hanno suggerito che sia profondamente radicato in Besa, un codice d'onore che sancisce la lealtà verso tutte le persone, specialmente nel momento del bisogno.

Fu Besa a garantire che gli albanesi non solo si rifiutassero di collaborare con i nazisti per identificare la loro popolazione ebraica durante l'Olocausto, ma diventassero anche un santuario per gli ebrei che cercavano rifugio al di fuori dei confini della nazione.

Significativamente, era uno dei pochi posti che aveva più ebrei alla fine della seconda guerra mondiale rispetto a prima. Più in generale, l'ospitalità e la gentilezza albanesi verso tutti permeano tutti i livelli della società. È motivo di orgoglio per il popolo albanese.

Ci sono molte spiegazioni fornite per questo atteggiamento nei confronti degli altri, alcuni sostengono che sia profondamente radicato nella tradizione popolare albanese, mentre altri suggeriscono che sia un sottoprodotto del comunismo, che ha spinto una credenza atea che ha abbassato le barriere religiose e il possibile estremismo. Tuttavia, quest'ultima giustificazione non spiega l'atteggiamento aperto e tollerante, che esisteva molto prima e dopo il comunismo.

Generosità albanese

UN TALE esempio è del 2014, quando un gruppo di musulmani a Malbardh, un piccolo villaggio nel nord dell'Albania, ha raccolto fondi per ricostruire una chiesa cattolica medievale che era stata distrutta dal comunismo. Ciò dimostra che, nonostante sia vista come una divisione in alcune aree del mondo, la religione in Albania può essere un elemento unificatore. Non è un punto polarizzante; le differenze religiose non sono solo tollerate ma rispettate.

Come albanese e come persona che ha visitato la regione in diverse occasioni, possiamo entrambi testimoniare che questo atteggiamento sembra essere qualcosa di inerente alla società albanese. Lo vedi e lo senti con i più alti livelli politici per l'uomo e la donna medi. Codifica il processo decisionale e un favore chiesto a uno sconosciuto per strada.

È una società che non è vincolata dai confini, la maggior parte degli albanesi vive fuori dal Paese. Mentre ci sono 2,8 milioni di albanesi residenti nella repubblica, ce ne sono molti di più che vivono in una diaspora albanese globale.

Quindi, mentre come stato comunista l'Albania è stata costretta all'isolamento, oggi è tutt'altro che. È pronto, disponibile e in grado di aiutare a fungere da ponte tra i popoli e le religioni. L'Albania è un paese piccolo, a volte lontano dall'agenda politica globale. Tuttavia, ha molto da insegnarci.

Cosa possiamo imparare dall'Albania?

È una nazione che va studiata e capita perché se un po' della tolleranza e della lealtà verso l'“altro” che si trova in Albania si diffondesse nel mondo sarebbe sicuramente una cosa molto positiva. L'Albania dovrebbe essere vista come un laboratorio e un incubatore di tolleranza e convivenza religiosa.

Mentre a molti paesi piace parlare di un passato di convivenza o lavorare per un futuro migliore, gli albanesi lo stanno vivendo nel qui e ora. L'Albania dovrebbe essere una tappa importante per tutti coloro che hanno a cuore un mondo più tollerante. È un luogo in cui persone di diversa estrazione religiosa ed etnica non solo vivono fianco a fianco, ma hanno una cultura di assistenza e sostegno.

Che si tratti di salvare persone di un'altra religione dall'oppressione esterna o di costruire un edificio religioso che non utilizzeranno mai, gli albanesi capiscono istintivamente la necessità di aiutarsi a vicenda.

Si tratta di comunità e di creare una grande tenda per tutti. Non guardare le persone e le loro diverse identità per dividerle, ma cercare ciò che unisce e trovare una causa comune.

Ci sono molti diversi progetti di coesistenza e tolleranza in tutto il mondo che cercano modi per far lavorare insieme ebrei, musulmani e cristiani verso una maggiore tolleranza. Molti stanno cercando di trovare gli ingredienti che possono renderli di successo.

Raccomandiamo loro vivamente che non c'è bisogno di reinventare la ruota, basta visitare l'Albania e conoscere la sua storia e cultura. L'ingrediente mancante è già lì.

Valentina Leskaj è un'ex ministro albanese del lavoro e degli affari sociali e membro del Comitato consultivo del Combat Antisemitism Movement (CAM). Robert Singer è il presidente del Center for Jewish Impact e un consulente senior del Combat Antisemitism Movement.
Convivenza: cosa può imparare il mondo dall'Albania - opinione Convivenza: cosa può imparare il mondo dall'Albania - opinione 7/21/2022 07:18:00 PM Rating: 5
Powered by Blogger.
f