I cambiamenti del cervello relativi alla religione e alla spiritualità potrebbero conferire resilienza alla depressione

 

 Una nuova ricerca pubblicata su Brain and Behaviour dimostra che le credenze religiose e spirituali riducono il rischio di depressione perché sono associate a cambiamenti nella microstruttura della materia bianca, le vie di comunicazione del cervello.

"Uno studio precedente ha rilevato che le persone che affermavano che la religione o la spiritualità erano molto importanti per loro erano protette contro la depressione da più di 5 anni, anche se erano ad alto rischio a causa della loro storia familiare. A causa di questi risultati, abbiamo cercato di capire che cosa potrebbe accadere nel cervello che avrebbe questo effetto", ha detto l'autore dello studio Dongrong Xu della Columbia University.

Un altro studio, pubblicato nel 2014, ha rilevato che la credenza nell'importanza della religione o della spiritualità era associata a corticali più grosso in diverse regioni del cervello.

Nel loro nuovo studio i ricercatori hanno utilizzato l'imaging del tensore di diffusione per esaminare la microstruttura cerebrale di 99 partecipanti. L'imaging del tensore di diffusione è un metodo di neuroimaging basato sulla risonanza magnetica che consente la visualizzazione di tratti di sostanza bianca all'interno del cervello.

Xu ed i suoi colleghi hanno scoperto che il cervello di quelli con alto rischio familiare di depressione somigliava più da vicino ai cervelli di coloro che avevano un basso rischio familiare di depressione quando riferivano che la religione o la spiritualità erano molto importanti.

"I nostri risultati suggeriscono che l'elevata importanza riportata delle credenze [di religione o spiritualità] può avere effetti sull'integrità della materia bianca nel lobo frontale bilaterale, nel lobo temporale e nel lobo parietale, in particolare nel precuno bilaterale. Sebbene queste regioni siano anche associate al rischio di sviluppare [la depressione], la riorganizzazione della sostanza bianca attraverso [la religione o la spiritualità] può aiutare a proteggere le persone da sviluppare la malattia", hanno scritto i ricercatori nel loro studio.

"In sintesi, gli individui ad alto rischio familiare di depressione in genere condividono una firma neurale che è simile a quella che si può trovare in quelli a basso rischio familiare, a patto che considerino le credenze [di religione o di spiritualità] estremamente importanti".

Ma lo studio - come tutte le ricerche - include alcuni avvertimenti.

"Le credenze religiose delle persone possono cambiare nel tempo della vita. Questo studio si basava sulla misura della religiosità e della spiritualità attraverso solo circa 5 anni", ha spiegato Xu.

"Gli studi futuri potrebbero voler utilizzare campioni con misure più stabili per un periodo di tempo più lungo per convalidare i nostri risultati. Ovviamente, tutti i risultati richiedono la replica."
I cambiamenti del cervello relativi alla religione e alla spiritualità potrebbero conferire resilienza alla depressione I cambiamenti del cervello relativi alla religione e alla spiritualità potrebbero conferire resilienza alla depressione 14:12 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.