La trentenne italiana a Tirana: ho trovato uno stipendio decente in Albania e sono indipendente

La trentenne italiana a Tirana: ho trovato uno stipendio decente in Albania e sono indipendente
Nastasi nel suo ufficio a Tirana
 “La trentenne Ida Nastasi non è riuscita a trovare un lavoro in Italia, quindi ha deciso di andare dal suo fidanzato a Tirana, Albania. Ora lavora come editore per un'agenzia di web marketing. "Il sud nel mio paese è deprimente", afferma lei. Mi sento nostalgico per la casa, quindi penso che quello che ho trovato qui non sarebbe stato possibile lì".

"La realtà nel sud Italia è deprimente", ha detto. Appena laureata, non vedevo l'ora di entrare nel mondo del lavoro, con entusiasmo e voglia di lavorare, ma anche paura. Perché a parte i lavori occasionali, non sono mai stato in grado di trovare qualcosa di definitivo."

Quindi, Ida Nastasi, 30 anni, cresciuta nella provincia di Caserta ma originaria di Torre del Greco, nel 2017 ha scelto di andare dal suo fidanzato, che era emigrato in Albania. E rimase li.

"È stato il primo ad affrontare la situazione lavorativa deprimente nell'Italia meridionale. A Tirana, si vive bene oggi ", dice sorridendo per TvKlan.

La prima volta che mi sono diretto in Albania, Ida era entusiasta. "Dopo qualche mese avrei visto il mio fidanzato", ricorda. Doveva essere una vacanza estiva, prima di tornare a casa a settembre "più orientata che mai". In realtà, Ida è appena tornata per ritirare i bagagli e trasferirsi.

Lo dice con convinzione: è stata costretta a lasciare il suo paese. "Dopo la laurea avevo iniziato a cercare lavoro, ma ho dovuto affrontare solo contratti a tempo determinato, stage o lavori non retribuiti".

Poi ha provato a recarsi a scuola: candidandosi per un insegnante sostituto temporaneo nel Nord Italia. Ma niente. “Il lavoro dell'insegnante è davvero pericoloso e se non hai il supporto finanziario, è difficile. Ero molto demotivata".

La trentenne italiana a Tirana: ho trovato uno stipendio decente in Albania e sono indipendente
Nastasi e il suo fidanzato
Poi è arrivata l'opportunità in Albania. Oggi Ida lavora in un'agenzia di web marketing, come redattrice e copywriter. “Si vive bene a Tirana. Molti albanesi conoscono l'italiano, l'hanno imparato a scuola o sono cresciuti guardando Rai e Mediaset ”, afferma. Il costo della vita è basso e presenta evidenti vantaggi economici per un italiano.

“A partire dal prezzo di un biglietto dell'autobus o di un taxi e sigarette. Il fatto che la forza lavoro costi molto meno, aiutato da un prezzo del lavoro inferiore, si traduce in prezzi contenuti ovunque: dai ristoranti ai dentisti, all'estetista o al venditore di frutta." Anche affittare una casa non è una preoccupazione economica. "Ci sono case a prezzi accessibili, arredate e a prezzi molto buoni."

Il giorno di Ida comincia con un caffè. "Fortunatamente in molti Bar il caffè è buono, abbastanza da specificare che che lo voi stretto. "E dopo 10 minuti con l'autobus è in ufficio. “Sul computer posso vedere i test avviati dai miei vari gruppi di lavoro, consulenti o colleghi. Modifica i contenuti per creare post sui social media e campagne pubblicitarie e poi mi dedico al blog dell'agenzia di cui scrivo ogni settimana. In passato ho anche tenuto corsi di lingua e comunicazione italiana per consulenti, valutando il livello della lingua ", spiega. Tuttavia, in alcuni casi, le differenze con l'Italia sono evidenti. "Vedo che c'è molta arretratezza nel moddo di pensare", afferma Ida. "Mi sono adattato alle tradizioni locali con molta pazienza, rinunciando a pensare a come sono in Italia, domande o cose che non sono in grado di fare o trovare qui."

Rientro in Italia? “Nel mio paese al momento ci sono solo le cose dolci. Lo guardo con nostalgia e mi manca tutto ciò che ho vissuto e amato fino a pochi anni fa. Quando sono pieno di nostalgia, penso a come vivo ora, per la mia indipendenza, lo shopping che posso fare da sola e so benissimo che non avrei avuto l'opportunità di avere le stesse cose se fossi rimasto nella mia città. Tuttavia, sarei costretto a trasferirmi nel Nord Italia ".

Ida spiega la sua posizione e quella della sua generazione, con piena chiarezza. “Entrare nel mondo del lavoro per giovani come noi, 28, 29, 30 è sempre più difficile. Poi arrivano i ventenni che smettono perché si presume che all'età di 30 anni tu abbia le capacità e le competenze. Ci sono molte, forse troppe cose da cambiare in Italia".

Come immagina il suo futuro? Spera di andare dalla sua famiglia e trovare un lavoro stabile in Italia, con un salario decente che le permetterà di pagare l'affitto, le bollette e fare le spese. "Quello che oggi è considerato uno stipendio decente in Italia sembra utopia", conclude.
La trentenne italiana a Tirana: ho trovato uno stipendio decente in Albania e sono indipendente La trentenne italiana a Tirana: ho trovato uno stipendio decente in Albania e sono indipendente 13:07 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.