Un traditore della nazione albanese

Di Harry Bajraktari
 Il nuovo vertice regionale tra Albania, Macedonia del Nord e Serbia a Durazzo ha segnato un altro minimo nelle relazioni tra Tirana e Pristina.

La responsabilità di ciò ricade interamente su Edi Rama, primo ministro albanese. E dovrebbe vergognarsi del suo comportamento nei confronti del Kosovo.

Qual è il problema di Edi Rama?

Sembra che non possa ingoiare il rifiuto del Kosovo di unirsi alla nuova mini-Jugoslavia che lui e il nuovo dittatore serbo Alexander Vucic hanno progettato insieme. Hanno trascinato dentro ance Zoran Zaev della Macedonia del Nord, ma tutti gli altri nella regione stanno 'mostrando i piedi freddi'.

Rama assomiglia molto a Vucic di recente. Come il suo amico a Belgrado, ha affrontato l'opposizione e ha affrontato proteste di strada per più di un anno. Il parlamento è il suo giocattolo personale. Le elezioni anticipate sono necessarie per risolvere la crisi, ma amano la situazione in cui l'Albania è praticamente tornata a un sistema a partito unico nei tempi bui del comunismo. La nuova legge sui media è un assalto aperto alla libertà di parola. Non si tratta di qualcuno che non sopporta di sentirsi dire nulla.

Ha preso l'esca di Vucic e ora sta lanciando contro il Kosovo e i suoi leader insulti e falsità che sono stati segnalati con entusiasmo dai media serbi.

Perché il Kosovo non è disposto a unirsi?

Al Kosovo viene chiesto di unirsi a un sindacato e aprire i suoi confini a un paese che non riconosce la sua esistenza, che sta lavorando intensamente per distruggere la nuova repubblica e che ha commesso gravi crimini di guerra contro la sua popolazione civile, per la quale non ha né si è scusato o ha accettato di pagare un risarcimento.

Il Kosovo ha risposto all'aggressiva campagna serba di storno e intrusione negli affari interni imponendo una tariffa del 100% su tutti i prodotti serbi in Kosovo. La misura è stata criticata, ma il Kosovo si sta difendendo solo con uno dei pochi mezzi nelle sue mani. Questo mini-Schengen di Rama-Vucic richiederebbe al Kosovo di annullare la sua tariffa senza costringere la Serbia a rinunciare alla sua campagna e ostili politiche diplomatiche anti-Kosovo. L'unico modo per il Kosovo di sedersi su quel tavolo è come membro a pieno titolo riconosciuto da tutti i paesi, compresa la Serbia.

Inoltre, il Kosovo non è il solo a rifiutare il nuovo mini-Schengen. Il Montenegro e la Bosnia stanno mantenendo le distanze. Perfino la Macedonia del Nord, un membro "fondatore" ha molti funzionari scettici sulla partecipazione del loro paese. Questo rende ancora più sconvolta la sferzata di Edi Rama contro il Kosovo.

I Balcani occidentali vogliono unirsi all'Unione europea, non a un sindacato di livello B, la nuova e minore Jugoslavia che ha scambiato la Slovenia e la Croazia con l'Albania. Edi Rama deve fumare la sua stessa pentola se crede che funzionerebbe.

Ciò che è stato più dannoso è la negazione aperta e pubblica da parte di Edi Rama dei crimini contro l'umanità che la Serbia ha commesso in Kosovo.

Solo pochi giorni fa, Vucic ha liquidato il massacro di Reçak come falso. Ha aggredito l'integrità dell'ambasciatore dell'OSCE William Walker e degli osservatori che hanno assistito al crimine. Più di mille albanesi sono ancora dispersi in fosse comuni nascoste in Serbia. Lo stesso Vucic è stato un leader del partito radicale serbo fascista negli anni '90. Il suo ministro degli Esteri era il portavoce personale della guerra criminale di dittatore Slobodan Milosevic. Hanno dimostrato zero empatia nel corso degli anni e invece di presentare scuse formali hanno continuato a ridicolizzare la tragedia del popolo kosovaro.
Alla domanda sui dolorosi ricordi della guerra che sono ancora freschi come una buona ragione per cui il Kosovo non ha aderito alla Serbia in una tale iniziativa, Edi Rama dell'Albania ha definito "patetica" la domanda del giornalista.

Invece di sfruttare l'occasione per difendere le verità storiche, si unì a Vucic per respingerne l'importanza.

Edi Rama dovrebbe essere applaudito per questa risposta e per essersi scagliato contro i leader del Kosovo in un crollo pubblico che non sarà dimenticato. Si comporta come uno statista, ma come un dittatore dalla pelle sottile che affronta solo la verità.

È arrabbiato perché ora sa che non parla per il Kosovo. E onestamente, non parla nemmeno per l'Albania. Non fino a quando non vincerà una nuova elezione, in cui tutti i partiti politici parteciperanno a un clima politica libera ed equa.

Cosa pensa Rama? Che il Kosovo dimenticherà migliaia di civili uccisi, fosse comuni, 20.000 donne violentate, più della metà della popolazione espulsa con la forza dal paese, carceri, torture, negazione dei servizi sanitari, incendi e saccheggi, lunghi anni di legge marziale e dittatura, i loro pacifici carri armati e molte altre cose che bruciano nella nostra memoria collettiva? Il Kosovo è ora un paese sovrano. Più di 110 paesi, compresi gli Stati Uniti, hanno riconosciuto la sua indipendenza. E se le principali organizzazioni mondiali come la Banca Mondiale, il FMI, la FIFA, il Comitato Olimpico Internazionale, Facebook, riconoscono il Kosovo come indipendente e uguale ad altri paesi, quindi questo progetto BS che è stato cucinato a Belgrado e servito a Tirana e Skopje.


Harry Bajraktari è fondatore ed editore del quotidiano Illyria (1991-1998), leader della comunità albanese-americana, filantropo e destinatario di numerosi premi, tra cui l'onore della Nation Order da parte del Presidente dell'Albania, Medaglia presidenziale al merito del Kosova e  il premio Call to Service della Presidenza della Casa Bianca.
Un traditore della nazione albanese Un traditore della nazione albanese 06:06 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.