Lo studio trova la chiave per la longevità - ed è nell'intestino

Lo studio trova la chiave per la longevità - ed è nell'intestino

 Avere un intestino sano dovrebbe sempre essere una priorità quando si affrontano problemi di salute. È collegato a vari problemi come IBS, asma, disturbi della tiroide e persino diabete. Un nuovo studio, tuttavia, ci sta dando un altro motivo per promuovere la salute dell'intestino - e ne siamo entusiasti.

Usando i topi, un gruppo internazionale di ricerca ha scoperto un microrganismo specifico che vive nell'intestino e che può influenzare il processo di invecchiamento.

Neurogenesi crescente nei topi giovani.

Il team di ricerca è stato in grado di estrarre e trapiantare microbi intestinali da topi di 24 mesi in topi di sei settimane. I ricercatori hanno studiato topi più giovani per vedere come questi nuovi batteri potrebbero influenzarli e hanno scoperto che era benefico. Dopo otto settimane, i giovani topi hanno mostrato un aumento della crescita intestinale e della produzione di neuroni nel cervello, entrambi componenti essenziali dell'invecchiamento in buona salute.

I ricercatori hanno scoperto che la ragione di questa crescita era dovuta al butirrato, uno specifico acido grasso a catena corta prodotto dai microbi intestinali.

Ma perché butirrato?

Il butirrato viene prodotto nell'intestino inferiore ed è responsabile della produzione di un ormone a lunga durata chiamato FGF21. Aiuta anche con la regolazione dell'intestino e riduce l'infiammazione. Questa ricerca evidenzia l'importanza dell'acido grasso e mostra come i microbi intestinali possono influenzare positivamente il processo di invecchiamento.

Mentre siamo consapevoli dell'importanza della salute dell'intestino, identificare il butirrato come componente fondamentale è fondamentale, soprattutto a causa dei suoi potenziali effetti sulla longevità.

Dario Riccardo Valenzano, Ph.D., afferma dello studio, "Questi risultati sono entusiasmanti e sollevano molte nuove domande aperte sia per la biologia dell'invecchiamento che per la ricerca sul microbioma".

Qual è il prossimo?

I risultati di questo studio indicano una direzione verso più trattamenti a base alimentare per rallentare l'invecchiamento. Il team di NTU Singapore prevede di effettuare ulteriori ricerche per testare gli effetti dei prodotti alimentari contenenti butirrato sull'invecchiamento e esplorare ulteriormente il cibo come metodo di guarigione.

Secondo il leader dello studio Sven Peterson, Ph.D., "Questa è un'osservazione sorprendente e molto interessante, soprattutto perché possiamo imitare l'effetto neuro-stimolante dell'uso del solo butirrato. Questi risultati ci porteranno ad esplorare se il butirrato potrebbe supportare riparazione e ricostruzione in situazioni come ictus, danno alla colonna vertebrale e per attenuare l'invecchiamento accelerato e il declino cognitivo ".

È sempre utile conoscere i modi per promuovere la salute generale e questa scoperta offre molte possibilità per i metodi futuri di aumentare la longevità. Qualsiasi modo semplice per un invecchiamento sano è quello che ci piacerebbe sentire!
Lo studio trova la chiave per la longevità - ed è nell'intestino Lo studio trova la chiave per la longevità - ed è nell'intestino 02:51 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.