La Svizzera consentirà agli stupratori di minorenni di uccidersi in suicidi assistiti anziché scontare la pena detentiva

 
 Funzionari svizzeri, a seguito della richiesta di morte di un stupratore di bambini imprigionato, hanno confermato che i detenuti potranno essere sottoposti a suicidio assistito.

Michael Robinson, direttore delle comunicazioni SPUC, ha dichiarato: “Se condannato per un crimine, si dovrebbe scontare la pena dovuta. Un bambino stupratore non dovrebbe avere la possibilità di rinunciare al suicidio assistito ".

Peter Vogt fu incarcerato nel 1996 dopo aver trascorso decenni ad aggredire sessualmente ragazze di appena dieci anni. Vogt ora afferma di soffrire di problemi cardiaci e renali e ha chiesto di morire in una clinica svizzera di suicidio assistita.

All'inizio di quest'anno il bambino stupratore ha scritto una lettera per manipolare apparentemente la sua via di uscita da una pena detentiva per tutta la vita attraverso il suicidio assistito. La lettera di Vogt affermava che "Sarebbe meglio essere morti che essere lasciati a vegetare dietro queste mura ... Nessuno dovrebbe suicidarsi solo nella sua cella".

I funzionari della prigione hanno ora confermato che il suicidio assistito dovrebbe essere disponibile per i detenuti, sebbene le procedure operative debbano ancora essere confermate.

Robinson ha dichiarato: "Permettere il suicidio assistito è fondamentalmente sbagliato e crea perversamente uno scenario in cui alcuni prigionieri scelgono di morire mentre le nazioni europee sostengono forti divieti sulla pena di morte per altri prigionieri".
La Svizzera consentirà agli stupratori di minorenni di uccidersi in suicidi assistiti anziché scontare la pena detentiva La Svizzera consentirà agli stupratori di minorenni di uccidersi in suicidi assistiti anziché scontare la pena detentiva 06:50 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.