Ragioni perché il Coronavirus dovrebbe terrorizzarci

 
 Negli ultimi 200 anni circa, abbiamo lavorato tutti insieme e siamo riusciti a trovare modi ancora più innovativi per porre fine alla vita sulla Terra come la conosciamo. L'invenzione dello stesso cannoneggiamento è stato un'innovazione senza precedenti nel massacro - i conteggi di morte di alcune guerre hanno portato via interi pezzi della nostra popolazione - anche se le invenzioni dei prossimi secoli avrebbero reso questo aspetto domato in confronto.

Una minaccia, tuttavia, è rimasta invariata da quando possiamo ricordare, e ancora non la prendiamo troppo sul serio. La storia del coronavirus si sta spezzando mentre scriviamo, con casi segnalati in paesi di tutto il mondo. Ha servizi completamente distrutti in Cina e nei paesi vicini, catturando di sorpresa uno dei paesi più tecnologicamente sviluppati - e il resto del mondo - La ragione per cui questo recente scoppio ha scioccato tutti è che abbiamo dimenticato che la più grande minaccia per la vita umana non sono armi nucleari o nient'altro, ma pandemie. Anche con tutta la nostra tecnologia avanzata - alcune delle quali potrebbero persino funzionare contro di noi durante le epidemie - la minaccia di un virus che viene dal nulla e pone fine alla civiltà umana come sappiamo è ancora reale come sempre.

La globalizzazione rende le cose peggiori, non migliori

Si potrebbe pensare che a causa del mondo connesso come lo è oggi, le malattie infettive hanno molte meno possibilità rispetto a qualsiasi altra volta nella storia. È vero fino a un certo punto, poiché la nostra connessione avanza la nostra conoscenza collettiva in vari campi, in particolare la medicina. Se riesci a ottenere informazioni su una malattia in una parte isolata del mondo, i biologi di tutto il mondo possono studiarla e costruire difese contro di essa. Il problema è, tuttavia, che quando si verifica un focolaio davvero grave - come il 2019-nCoV - , tutti quei vantaggi delle reti globali lavorano contro di noi. Il più delle volte, semplicemente non abbiamo alcun modo di rilevare i virus, in quanto sono quasi sempre ceppi sconosciuti che nessuno ha mai visto prima (ne parleremo tra poco). Quindi ora, con vaste reti interconnesse per trasportare persone in tutto il mondo, ma non c'è modo di sapere se sono infette, le epidemie possono raggiungere molto di più e sviluppare difese prima ancora di poterle rilevare. L'epidemia di influenza aviaria, ad esempio, era un ceppo più forte, precedentemente sconosciuto di un virus trovato solo negli uccelli, ed è probabilmente una malattia antica che non era una minaccia seria.

Le pandemie hanno ucciso molte più persone di qualsiasi altra cosa

Il motivo per cui non consideriamo le pandemie una minaccia abbastanza grave è dovuto alla nostra convinzione che ora siamo più immuni a loro, o che non uccidono tante persone come altrecose, come armi nucleari. Mentre è vero che i recenti progressi nel rilevamento e nel trattamento dei patogeni ci hanno reso migliori nel combatterli, ce ne sono anche molti altri ora, compresi ceppi che non hanno mai contagiato l'uomo prima. Per il conteggio delle morti, le morti per pandemia superano di gran lunga qualsiasi altro evento di disastro nella storia. Non hai nemmeno bisogno di andare nel passato; siamo attualmente nel bel mezzo di alcune pandemie gravi. Ormai il virus dell'AIDS ha ucciso circa 40 milioni di persone. L'influenza provoca circa 80.000 - 100.000 decessi annuali solo negli Stati Uniti, che è solo una frazione del numero di decessi globali di 650.000. Anche nella storia, le pandemie globali sono di gran lunga i maggiori agenti di distruzione di massa che abbiamo mai visto. Basta prendere la peste di Giustiniano, che ha ucciso circa cento milioni di persone nell'arco di molti secoli. Al suo apice quando scoppiò per la prima volta, si dice che circa 10.000 persone morivano ogni giorno proprio a Costantinopoli. L'influenza spagnola ha ucciso oltre 100 milioni nel giro di pochi mesi, che è iniziata durante i quattro anni della prima guerra mondiale - la guerra con il secondo numero di decessi più alto mai registrato di 40 milioni. I motivi per cui questi virus non sono riusciti a uccidere tutti sono molti. L'influenza spagnola, per esempio, ha deciso di diventare più mite col passare del tempo, guardandoci negli occhi e dicendo che sceglie di risparmiarci. Nemmeno il mondo era interconnesso come oggi durante queste piaghe. Se ritorna una tensione rafforzata di una di quelle piaghe, puoi essere sicuro che avrebbe un impatto molto più grande al giorno d'oggi.

Ogni nuova epidemia richiede di lavorare da zero

Al momento della stesura di questo articolo, molti paesi - inclusa l'Italia - hanno imposto procedure di quarantena obbligatorie nei loro principali aeroporti. Paesi di tutto il mondo hanno anche imposto allarmi di emergenza sanitaria per tenere fuori 2019-nCoV, anche se i casi stanno sorgendo di giorno in giorno. La Cina sembra essere in modalità di blocco, poiché sono morte oltre 200 persone e 10.000 infettate dal coronavirus. Sorge la domanda; perché ci troviamo così impreparati alle epidemie ogni pochi anni? È semplice, la nostra tecnologia medica non è ancora abbastanza avanzata per rilevare e trovare cure per nuovi focolai. Le conoscenze mediche precedenti non si applicano ai nuovi ceppi, che richiedono nuove valutazioni e diagnosi. Anche questo perde tempo prezioso. Nella maggior parte delle peggiori pandemie della storia, la maggior parte delle morti è avvenuta nei giorni iniziali, prima che le persone potessero trovare il modo di contenerle. Certo, era semplice come forse non dormire vicino a dove fai la cacca nel Medioevo, ma anche le pestilenze moderne - come l'influenza spagnola - sono state le più mortali nei loro primi giorni. Ogni nuovo focolaio richiede ancora la comprensione del patogeno da zero, che a sua volta influisce sulla nostra capacità di rispondere efficacemente alla crisi.

Stanno diventando più potenti (e ad un ritmo spaventoso)

Se leggi alcuni dei più gravi focolai negli ultimi tempi - incluso il coronavirus - i dettagli più preoccupanti sembrano essere quelli cruenti. Prendi l'Ebola. La maggior parte delle persone era inorridita dalle tute ignifughe e dalle storie di professionisti medici che morivano orribilmente a causa di infezione durante il trattamento dei locali. È un'immagine straziante, sebbene difficilmente la parte spaventosa. Al di fuori del campo di applicazione delle telecamere per la prima serata, molte altre malattie uccidono in modi molto più terrificanti. La parte peggiore, tuttavia, non è che è una tensione contro la quale non abbiamo difese. È ogni volta che studiamo un nuovo focolaio di Ebola - poiché è ancora in corso - si rivela una versione più forte di una varietà precedentemente trovata. Ciò significa che i virus stanno rapidamente migliorando nel non morire, oltre a evolversi più velocemente di quanto chiunque si aspettasse (o addirittura sapesse). Anche l'attuale focolaio di coronavirus è dovuto a una tensione che non può influenzare intrinsecamente l'uomo, ma è mutata per poterlo fare. È anche più forte e più virulento di qualsiasi varietà trovata prima, motivo per cui è una crisi così grande in Cina.

Questi focolai dimostrano ciò che i biologi dicono da anni. I ceppi di virus più recenti e più potenti che si evolvono contro i nostri farmaci sono una delle maggiori minacce alla vita umana.

Vengono visualizzati molti nuovi virus precedentemente sconosciuti

Per quanto riguarda i cambiamenti climatici che colpiscono i patogeni, la relazione è discutibile. Naturalmente, non vi è dubbio che temperature più calde li farebbero diffondere in molti più paesi rispetto a prima, anche se ciò potrebbe essere risolto facilmente se i governi lavorassero insieme. Una relazione più pressante tra i cambiamenti climatici e un evento di estinzione legato al virus si trova da qualche parte nel in cima alla mappa del mondo. Si ritiene che il permafrost situato in tutto l'Artico - in particolare in Siberia - ospiti una serie di malattie dormienti e pericolose. Molti scienziati ritengono che alcuni dei nostri recenti ceppi di virus - come l'Ebola - provengano dal permafrost che si è già sciolto e non ci sembra troppo inverosimile. , incluso il coronavirus, sono stati scoperti negli ultimi anni, un fenomeno che molti non sono stati in grado di spiegare correttamente. Se si credono gli esperti, il permafrost che si scioglie darebbe anche il posto a malattie che potremmo non aver mai nemmeno visto, e tanto meno affrontate.

I microbi sono misteriosi e impossibili da studiare

Se ti chiedessimo il tipo di vita più dominante sulla Terra dopo gli umani, probabilmente diresti mammiferi o qualcosa del genere. Se guardi i numeri o chiedi a un biologo, però, ti accorgeresti che nessun'altra creatura è paragonabile ai microbi in numero, diversità, tipi di habitat in cui vivono ecc. Troveresti microbi che vivono ovunque tu possa immaginare; dalle profondità più inospitali dell'oceano allo spazio. Sebbene non ci siano dubbi sul fatto che abbiano fatto da soli, la loro diversità rende loro difficile studiare e contrastare per noi. Semplicemente non abbiamo idea di quanti tipi di microbi esistano sulla Terra. Dimentica la Terra, hanno recentemente trovato un tipo di batteri nell'intestino umano che gli scienziati non avevano mai visto prima. Era così alieno che dovevano creare un ramo della vita completamente separato, che doveva essersi separato dal nostro nei primi anni dell'evoluzione. È solo uno degli esempi di molti modi in cui non comprendiamo e non capiremo mai completamente il mondo quasi alieno dei microbi, che è cruciale per combattere gravi pandemie che minacciano la civiltà.

La prossima pandemia è dietro l'angolo e non siamo pronti

Se c'è una cosa che dimostra l'epidemia di coronavirus, è che siamo ancora fortemente dipendenti dalla misericordia della natura per tenerci in vita. I nostri sistemi non sono ancora attrezzati per affrontare un focolaio di virus, anche se la scienza sostiene che siamo a rischio acuto e urgente di una pandemia globale. Uno studio ha scoperto che se un focolaio globale dovesse accadere in questo momento, ucciderebbe oltre 80 milioni persone a causa di situazioni di crisi sanitaria accresciute in molti paesi del mondo. I biologi stanno anche trovando molti nuovi ceppi di virus - ceppi che non hanno mai visto prima - negli animali a un tasso allarmantemente più alto di prima, in particolare tra il bestiame. Altri studi hanno affermato che il prossimo virus sta per arrivare presto - se non è già qui con 2019-nCoV - e siamo ridicolmente preparati per questo.

Siamo responsabili anche per renderli più forti

In tutte le pandemie devastanti della storia, non c'era molto che potessimo fare. Ancora oggi, i virus stanno diventando più forti come effetto collaterale degli antibiotici e di altre misure necessarie per vivere una vita confortevole sulla Terra. Non c'è molto che possiamo fare al riguardo se non rafforzare la nostra infrastruttura medica e sperare per il meglio, poiché non sembra essere colpa nostra. Se osserviamo alcune decisioni storiche dei principali governi e istituzioni scientifiche, almeno alcune è sicuramente colpa nostra. Esistono alcune teorie del complotto su alcuni recenti focolai originari di laboratori militari e non vediamo alcun motivo per cui alcuni di essi non possano essere veri. La ricerca biologica e chimica è sempre stata una parte enorme dei budget militari e, considerando la possibilità che possano causare pandemie nel mondo civile, potrebbe non essere la migliore idea. Abbastanza sorprendentemente, il governo degli Stati Uniti ha recentemente rimosso i controlli dal tipi di agenti patogeni che si possono creare in laboratorio, dando effettivamente ai laboratori privati ​​e governativi in ​​tutto il paese una licenza per creare ceppi di virus più nuovi e mortali. Naturalmente, la ricerca ha anche lo scopo di aiutare a combattere queste malattie, sebbene la possibilità che vengano utilizzate in modo improprio per ragioni monetarie o di altro tipo è troppo evidente per essere ignorate. Ci sono stati rari casi di veri e propri errori umani che hanno portato anche a perdite di virus, come il ultimo focolaio del virus H1N1. Quando gli scienziati hanno scoperto che si trattava di un ceppo che non si era più visto dagli anni '50 e hanno deciso di esaminare la questione, hanno scoperto che era a causa della cattiva gestione del campione da parte di un tecnico di laboratorio.

Alcuni virus là fuori sono molto piu pericolosi di 2019-nCoV

L'influenza spagnola e la morte nera sono ricordate per il numero di morti e gli effetti sul mondo. Ecco perché sembrano così spaventosi, poiché hanno ucciso milioni di persone e causato profondi cambiamenti nella società. Se confrontiamo i loro effetti con alcuni degli altri episodi più spaventosi di focolai ma con un conteggio inferiore, tuttavia, non hanno alcuna possibilità . Ci sono stati molti focolai nella storia molto peggiori di qualsiasi altra cosa vista durante l'influenza spagnola - come l'incantesimo del 15 ° secolo dell'inglese Sweating Sickness - che ha ucciso le loro vittime in modo molto più orribile. L'unica ragione per cui non sentiamo parlare di loro è che si sono calmati da soli e hanno tenuto basso il numero di uccisioni. Se dovessero tornare per restare, avremmo un tempo ancora più difficile da affrontare con loro anche dei peggiori focolai della nostra storia. Ancora più importante, alcune di queste malattie appartengono a misteriose famiglie di virus che non sappiamo come affrontare. Perfino l'influenza spagnola era una forma mutata di influenza precedentemente nota a noi. Secondo molti biologi, la vera minaccia per la vita umana proviene da agenti patogeni che potrebbero essere completamente diversi da qualsiasi cosa abbiamo visto prima.
Ragioni perché il Coronavirus dovrebbe terrorizzarci Ragioni perché il Coronavirus dovrebbe terrorizzarci 07:15 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.