Scienziati scoprono per caso il primo "animale" in assoluto che respirara senza ossigeno

Scienziati scoprono per caso il primo "animale" in assoluto che respirara senza ossigeno
Henneguya salminicola è un organismo pluricellulare, ma non ha bisogno di ossigeno per respirare, affermano gli scienziati. 
 Ha meno di 10 cellule, vive all'interno dei muscoli del salmone e non ha mitocondri. Sembra fantascienza, ma i ricercatori affermano di aver recentemente scoperto il primo "animale" in assoluto che non richiede ossigeno per vivere.

Un piccolo parassita chiamato Henneguya salminicola è il primo animale multicellulare conosciuto che può sopravvivere senza ossigeno, secondo uno studio pubblicato martedì sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences dai ricercatori dell'Università di Tel Aviv. In realtà, non poteva respirare ossigeno anche se voleva - ha rinunciato al processo mentre si evolveva.

H. salminicola - un parente di meduse e coralli - vive nel tessuto muscolare del salmone, ma è relativamente innocuo. Causa la "carne lattea" o la malattia della "tapioca", chiamata per le cisti piene di liquido bianco che provoca nei pesci, secondo il Dipartimento per i pesci e la selvaggina dell'Alaska.

I ricercatori hanno effettuato la scoperta accidentalmente durante il sequenziamento del genoma di "Henneguya". I mitocondri, noti anche come i propulsori della cellula, catturano l'ossigeno per produrre energia attraverso la respirazione aerobica, ma i ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che H. salminicola manca di geni mitocondriali.

Tuttavia, è ancora sconosciuto esattamente come esattamente il parassita produce energia.

"Non è ancora chiaro per noi come il parassita generi energia", ha detto la professoressa e autrice principale dell'Università di Tel Aviv Dorothee Huchon in un comunicato stampa. "Potrebbe attingerlo dalle cellule di pesce circostanti o potrebbe avere un diverso tipo di respirazione come la respirazione senza ossigeno, che caratterizza tipicamente organismi non animali anaerobici."

La scoperta cambia radicalmente il modo in cui gli scienziati vedono il regno animale, ampliando la definizione di ciò che un "animale" può essere.

"Si pensava che la respirazione aerobica fosse onnipresente negli animali, ma ora abbiamo confermato che non è così", ha detto Huchon. "La nostra scoperta mostra che l'evoluzione può andare in strane direzioni. La respirazione aerobica è una delle principali fonti di energia, eppure abbiamo trovato un animale che ha rinunciato a questo percorso critico."

Gli scienziati hanno affermato che alcuni organismi monocellulari, tra cui funghi e amebe, hanno anche perso la necessità di respirare nel tempo, ma questa è la prima volta che è stato documentato in un animale. Il parassita vive in un ambiente anaerobico - una spiegazione per la sua peculiare evoluzione.

"Si ritiene generalmente che durante l'evoluzione, gli organismi diventino sempre più complessi e che i semplici organismi monocellulari siano gli antenati di organismi complessi", conclude Huchon. "Ma qui, proprio davanti a noi, c'è un animale il cui processo evolutivo è l'opposto. Vivendo in un ambiente privo di ossigeno, ha liberato geni non necessari responsabili della respirazione aerobica e è diventato un organismo ancora più semplice."
Scienziati scoprono per caso il primo "animale" in assoluto che respirara senza ossigeno Scienziati scoprono per caso il primo "animale" in assoluto che respirara senza ossigeno 11:08 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.