Coronavirus disperso nell'aria rilevato negli ospedali di Wuhan

Un operatore sanitario spruzza un disinfettante in una stanza che ospitava pazienti affetti da coronavirus all'ospedale della Croce Rossa a Wuhan a marzo

*Kenneth Chang 

Ciò era stato precedentemente dimostrato in esperimenti di laboratorio, ma ora scienziati cinesi che studiano le condizioni del mondo reale riferiscono di aver catturato minuscole goccioline contenenti i marcatori genetici del virus dall'aria in due ospedali di Wuhan, in Cina, dove è iniziato lo scoppio.

I loro risultati sono stati pubblicati lunedì sulla rivista Nature.

Rimane sconosciuto se il virus nei campioni raccolti fosse contagioso, ma goccioline così piccole, che vengono espulse respirando e parlando, possono rimanere in alto ed essere inalate da altri.

"Quelli rimarranno in aria fluttuando in giro per almeno due ore", ha detto Linsey Marr, professore di ingegneria civile e ambientale alla Virginia Tech che non era coinvolta nel lavoro su Nature. "Suggerisce fortemente che esiste un potenziale di trasmissione per via aerea".

Dr. Marr e molti altri scienziati affermano che sta crescendo la prova che il coronavirus viene diffuso da goccioline note come aerosol. L'Organizzazione mondiale della sanità ha finora minimizzato la possibilità, affermando che la malattia è per lo più tollerata attraverso goccioline più grandi che non rimarranno sospese a lungo o attraverso il contatto di superfici contaminate.

Anche con le nuove scoperte, il problema non è risolto. Sebbene l'RNA del coronavirus - il modello genetico del virus - fosse presente negli aerosol, gli scienziati non sanno ancora se i virus rimangono infettivi o se i test hanno appena rilevato frammenti di virus innocui.

"Il pezzo mancante è una valida replica virale", ha affermato Harvey V. Fineberg, che guida il Comitato permanente per le malattie infettive emergenti e le minacce per la salute del 21 ° secolo presso le Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina. "Potresti coltivare questo virus dall'aria?"

A febbraio e marzo, gli scienziati hanno raccolto campioni presso l'ospedale Renmin dell'Università di Wuhan e presso una struttura medica temporanea improvvisata utilizzata per mettere in quarantena e trattare pazienti con sintomi lievi. Hanno anche provato l'aria nelle aree pubbliche intorno a Wuhan, tra cui un edificio residenziale, un supermercato e due grandi magazzini.

È stato rilevato un virus molto piccolo nell'aria dei reparti di isolamento o nelle stanze dei pazienti dell'ospedale, che erano ben ventilati. Ma concentrazioni elevate sono state misurate nelle piccole aree della toilette, di circa un metro quadrato, che non erano ventilate.

"In un certo senso sottolinea l'importanza di evitare piccoli spazi confinati", disse Dr. Marr.

I ricercatori hanno anche scoperto virus nell'aria in luoghi in cui i membri dello staff si sono tolti gli indumenti protettivi, suggerendo che i virus che si erano depositati sugli indumenti potevano essere respinti nell'aria. Queste letture sono state notevolmente ridotte dopo che gli ospedali hanno implementato procedure di pulizia più rigorose.

I dati di Wuhan fanno eco al Centro medico dell'Università del Nebraska, dove altri ricercatori hanno anche trovato l'RNA del coronavirus nell'aria e sulle superfici delle stanze. Quella ricerca, ancora in fase di revisione da parte di altri scienziati prima della pubblicazione in una rivista, non ha determinato la dimensione delle goccioline. Ma la presenza di RNA dal virus in luoghi fuori mano, come sotto un letto e sui davanzali delle finestre, ha suggerito anche che piccole gocce fossero trasportate nelle stanze da correnti d'aria.

Nel loro articolo, i ricercatori del Nebraska hanno scoperto la presenza di RNA del coronavirus, ma non se i virus fossero ancora infettivi. In ulteriori esperimenti, gli scienziati stanno cercando di far crescere il virus nelle culture per determinare se sono in grado di ammalare le persone.

"Abbiamo fatto molti progressi nelle ultime due settimane", ha dichiarato Joshua L. Santarpia, professore di patologia e microbiologia presso il Centro medico dell'Università del Nebraska. "Spero davvero che inizieremo a poter dire qualcosa di più definitivo nella prossima settimana o giù di lì."

Nella ricerca di Wuhan, nessun virus è stato rilevato nella maggior parte dei luoghi pubblici che hanno studiato, compresi edifici residenziali e supermercati, sebbene alcuni livelli siano stati rilevati in aree affollate al di fuori di uno degli ospedali e nei grandi magazzini. Dr. Marr ha detto che ha calcolato che una persona respirerebbe una particella di virus per circa 15 minuti.

"È stato interessante vedere che ci sono stati importi misurabili", disse Dr. Marr. "Penso che aggiunga buone prove per evitare l'affollamento."

Il documento non indicava se le persone che attraversavano quelle aree indossassero maschere, il che avrebbe bloccato gran parte del virus espirato da un malato.
*Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul New York Times
Coronavirus disperso nell'aria rilevato negli ospedali di Wuhan Coronavirus disperso nell'aria rilevato negli ospedali di Wuhan 06:25 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.