Sintomi gastrointestinali comuni nei pazienti COVID-19, riporta uno studio di Stanford Medicine

Donna che mette la mano sull'addome a causa del dolore (archivio)
 Donna che mette la mano sull'addome a causa del dolore (archivio)
 In uno dei primi studi su pazienti statunitensi con coronavirus, i ricercatori hanno scoperto che un terzo dei pazienti ha riportato sintomi come perdita di appetito, nausea e diarrea.

Febbre, tosse e mancanza di respiro sono i classici sintomi di COVID-19, ma potrebbero esserci sintomi gastrointestinali, come nausea e diarrea, che si stanno perdendo, secondo un nuovo studio della Stanford Medicine.

I ricercatori hanno scoperto che, oltre ai sintomi respiratori superiori, un numero significativo di malati con il nuovo virus soffriva anche di perdita di appetito, nausea, vomito e diarrea.

Lo studio, uno dei primi su pazienti statunitensi con coronavirus, è stato pubblicato online il 10 aprile in Gastroenterologia. I compagni di gastroenterologia George Cholankeril, MD, e Alexander Podboy, MD, condividono la paternità principale. Aijaz Ahmed, MD, professore di gastroenterologia ed epatologia, è l'autore principale.

"Probabilmente COVID-19 non è solo sintomi respiratori come una tosse", ha detto Podboy. “Un terzo dei pazienti che abbiamo studiato presentava sintomi gastrointestinali. È possibile che ci manchi una parte significativa di pazienti malati di coronavirus a causa delle nostre attuali strategie di test incentrate sui soli sintomi respiratori".

Situazione unica

Quando la pandemia di coronavirus colpì la Baia di San Francisco all'inizio di marzo, gli ospedali iniziarono a cancellare gli interventi chirurgici elettivi e rimandare le visite dei pazienti senza emergenza per fare spazio a un'ondata di pazienti con coronavirus. Con le loro cliniche chiuse e altri progetti in sospeso, un gruppo di colleghi di gastroenterologia ha avuto il tempo di lavorare insieme su un progetto, ha detto Podboy.

"George ha riconosciuto presto che, dato che Stanford è stato tra i primi ospedali a ricevere pazienti COVID-19 negli Stati Uniti, qualsiasi tipo di esperienza iniziale sarebbe importante", ha detto. "Eravamo in una posizione unica per esaminare questo argomento di sintomi gastrointestinali tra i pazienti con coronavirus a Stanford."

I ricercatori erano a conoscenza di un corpus crescente di ricerche provenienti dalla Cina e da Singapore che hanno mostrato una prevalenza dei sintomi gastrointestinali nei pazienti COVID-19, ma non sono riusciti a trovare dati sull'argomento da pazienti negli Stati Uniti. Decisero di condurre il proprio studio esaminando i grafici del primo gruppo di pazienti trattati per il virus presso la Stanford Health Care.

Risultati dello studio

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da 116 pazienti che sono risultati positivi al coronavirus presso Stanford Health Care dal 4 al 24 marzo. La maggior parte è stata curata e rilasciata da un pronto soccorso di un ospedale o da una clinica. Un totale di 33 sono stati ricoverati in ospedale, otto dei quali in un'unità di terapia intensiva. L'età media dei pazienti era di 50 anni e il 53% di essi erano uomini. Nel gruppo è stata segnalata una sola morte.

I sintomi gastrointestinali sono stati segnalati dal 31,9% dei pazienti. La maggior parte di quel gruppo ha descritto i sintomi come lievi. Il 22% ha dichiarato di aver sperimentato perdita di appetito, il 22% aveva nausea e vomito e il 12% aveva diarrea, secondo lo studio.

"Abbiamo notato anche che il 40% dei pazienti presentava livelli elevati di un enzima epatico anormale e che quelli con livelli elevati richiedevano un maggiore ricovero", ha affermato Cholankeril.
Sintomi gastrointestinali comuni nei pazienti COVID-19, riporta uno studio di Stanford Medicine  Sintomi gastrointestinali comuni nei pazienti COVID-19, riporta uno studio di Stanford Medicine 05:26 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.