Molti stati si rivolgono alla medicina alternativa per combattere il coronavirus

Un medico produce pillole omeopatiche a Nuova Delhi, in India. (Manish Swarup / Associated Press) 
 Senza farmaci approvati per il nuovo coronavirus, alcune persone si rivolgono a medicine alternative, spesso su consiglio dei loro governi.

Ciò è più evidente in Cina e in India, entrambi paesi densamente popolati con una storia e una tradizione profonde di propagandare tali trattamenti, e dove a volte c'è un accesso limitato alla medicina convenzionale, scrive yahoo news

In Cina, dove è iniziata la pandemia, i funzionari hanno affermato senza fondamento che la medicina tradizionale era la chiave per combattere il virus. In India, dove è in corso un blocco dei suoi 1,3 miliardi di residenti, il governo ha subito critiche dopo aver sostenuto che alcuni trattamenti potrebbero aiutare a prevenire le infezioni. E in Venezuela, dove il sistema sanitario è fortemente ridotto, il presidente Nicolas Maduro ha iniziato a bere tè alle erbe.

L'Organizzazione mondiale della sanità aveva sconsigliato sul suo sito web di prendere "rimedi erboristici tradizionali". In seguito ha riconosciuto che alcuni si stavano rivolgendo alla medicina alternativa "per alleviare alcuni dei sintomi più lievi di COVID-19", ha detto il portavoce dell'OMS Tarik Jasarevic.

Dr. Mike Ryan, le principali emergenze dell'OMS, ha accolto con favore studi rigorosi su trattamenti alternativi "come faremmo con qualsiasi farmaco". Ha detto che numerosi studi sono stati utili in Cina, molti test delle terapie tradizionali.

I lavoratori riempiono le prescrizioni in una clinica di medicina tradizionale cinese a Pechino. (Mark Schiefelbein / Associated Press)
"Spetta alle persone che affermano di fornire le prove", ha affermato il dott. Stephen Barrett, uno psichiatra in pensione che gestisce Quackwatch, un sito Web su terapie mediche non provate.

Giovedì, Il Istituto Nazionale della Salute degli Stati Uniti ha messo in guardia contro la medicina alternativa - comprese alcune terapie a base di erbe e tè - per il trattamento o la prevenzione di COVID-19, dicendo che non ci sono prove che funzionino e che alcuni potrebbero non essere sicuri.

Il governo cinese ha affermato che la combinazione della fitoterapia con la medicina convenzionale ha aiutato il paese ad affrontare l'epidemia.

Il mese scorso, la National Health Commission cinese ha pubblicato un documento sul trattamento dei pazienti con COVID-19 che includeva diversi medicinali a base di erbe che affermavano di alleviare i sintomi tra cui debolezza e febbre.

Per i pazienti infetti, viene prescritto, tra gli altri rimedi, una "zuppa per schiarire e disintossicare i polmoni" e raccomandare una valutazione caso per caso.

Funzionari cinesi e media statali hanno propagandato il trattamento di pazienti con medicina alternativa. Zhong Nanshan, un epidemiologo che consiglia il governo, ha dichiarato all'inizio di quest'anno che stava testando le erbe medicinali cinesi.

Ma alcuni rapporti pubblicati su importanti riviste mediche di un gran numero di pazienti trattati in Cina non menzionano la medicina alternativa. Invece, notano che il trattamento ruota attorno a metodi consolidati come supporto respiratorio, farmaci per aiutare a prevenire ulteriori infezioni come la polmonite batterica e altre terapie ampiamente accettate.

Alcune delle pratiche altneative esistono da secoli. Ma con prove scientifiche scarse o nulle sul fatto che lavorano contro COVID-19, sono state fatte prove per inquadrarle come un problema culturale e non scientifico.

Promuovere i trattamenti "senza un'adeguata base scientifica" è preoccupante, ha affermato il dott. Daniel Kuritzkes di Brigham e Women's Hospital di Boston.

Alcuni di questi preparati possono essere tossici, danneggiare il fegato o interferire con altri farmaci e "devi fare il duro lavoro" per dimostrarli sicuri, ha detto.

L'India è un paese arido dell'Ayurveda, un sistema di medicina indù che ruota attorno alle erbe medicinali e alle restrizioni dietetiche.

Mentre l'epidemia si diffondeva fuori dalla Cina all'inizio di quest'anno, il braccio sanitario indiano che promuove la medicina alternativa ha spinto rimedi non dimostrati a "rafforzare il sistema immunitario", secondo un post online del Ministero di AYUSH.

Le critiche hanno spinto il governo a chiarire che questi rimedi non erano una cura. All'inizio di questa settimana, il Primo Ministro Narendra Modi ha esteso il blocco dell'India e ha chiesto ai cittadini di "seguire le istruzioni impartite dal ministero AYUSH per rafforzare l'immunità".

Il governo ha anche raccomandato una singola dose di un farmaco omeopatico, secondo Anu Kapoor, che dirige un ospedale omeopatico gestito dal governo a Nuova Delhi.

Ma questo non ha dimostrato di funzionare, ha detto il Dr. Anant Bhan, uno specialista della salute pubblica. “Dovrebbero essere applicati gli stessi standard. Soprattutto per momenti come questo ", ha detto.

La spinta del governo indiano verso trattamenti alternativi per COVID-19, combinata con affermazioni bizzarre da parte dei rappresentanti eletti del partito al potere Bhartiya Janta secondo cui l'urina di mucca o lo sterco potrebbe offrire cure, ha anche portato a una disinformazione.

Il mese scorso, Modi ha parlato con i professionisti della medicina alternativa sulla necessità di contrastare affermazioni non comprovate che potrebbero curare COVID-19. Il ministero AYUSH in seguito ha emesso ordini a tutti gli stati "di fermare e prevenire publicamente la pubblicità" delle cure promesse.
Molti stati si rivolgono alla medicina alternativa per combattere il coronavirus Molti stati si rivolgono alla medicina alternativa per combattere il coronavirus 04:37 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.