Hanno i gatti ansia da separazione?

Hanno i gatti ansia da separazione?
 Gatto grigio che si siede sulle ginocchia del padrone (archivio)
 I gatti si sentono soli o ansiosi quando i loro umani se ne sono andati? Puoi scommettere.

Uno studio pubblicato la scorsa settimana, "Identificazione dei problemi legati alla separazione nei gatti domestici", sulla rivista PLOS ONE, toglie un altro morso al mito secondo cui i gatti non sono infastiditi se lasciati soli per lunghi periodi di tempo. Secondo lo studio, oltre 1 su 10 gatti mostra attrazione che può indicare ansia correlata alla separazione.

Questo è molto simile all'incidenza dei problemi correlati alla separazione per i cani. Alcuni dei problemi comportamentali legati alla separazione riscontrati nei gatti sono presenti anche nei cani, come comportamenti distruttivi, vocalizzazione eccessiva e pipì in luoghi inappropriati.

L'ansia da separazione nei cani è stata ben studiata ed è uno dei problemi comportamentali più comuni che spingono le persone a chiedere aiuto a un comportamentista, un istruttore o un veterinario. Se i gatti provino ansia legata all'essere separati dai loro compagni umani, ha ricevuto molta meno attenzione. In effetti, ci sono state pochissime ricerche sul comportamento e sul benessere dei gatti domiciliati e sulle loro interazioni con i loro umani nell'ambiente familiare. Fortunatamente, questo sta iniziando a cambiare e i ricercatori stanno rivolgendo attenzione al comportamento e al benessere dei gatti domestici.

Nel recente studio pubblicato su PLOS ONE, Daiana de Souza Machado e i suoi colleghi hanno cercato di comprendere meglio la prevalenza dei problemi legati alla separazione nei gatti da compagnia. Si stavano basando su due studi precedenti che suggerivano che i gatti soffrivano di ansia da separazione (Schwartz, di seguito citata), così come il database crescente sulle interazioni uomo-gatto.

I ricercatori hanno esaminato un gruppo di proprietari di animali domestici in Brasile su problemi comportamentali del gatto osservati dai proprietari, nonché dati sulle pratiche di gestione del gatto. E dati demografici del proprietario. Tra i loro gatti campionati, il 13% ha incontrato almeno uno dei criteri comportamentali per i problemi legati alla separazione. Questi criteri includono comportamento distruttivo, eccessiva vocalizzazione, minzione in luoghi inappropriati, depressione / apatia, aggressività, agitazione / ansia e defecazione in luoghi inappropriati.

L'idea che i gatti possano sentirsi angosciati quando separati dal loro compagno umano si basa su un più ampio ripensamento della relazione uomo-gatto. Una ricerca pubblicata negli ultimi dieci anni ha scoperto che i gatti possono e spesso diventano fortemente legati ai loro umani. I gatti mostrano i cosiddetti "comportamenti di attaccamento" come la ricerca di prossimità, i comportamenti di affiliazione e affetto nei confronti dei loro umani e i comportamenti di riunione. I gatti mostrano anche una maggiore frequenza di attrazioni esplorative e ludiche alla presenza del loro proprietario, segno che si sentono sicuri e a loro agio.

Ne consegue che i gatti che sono fortemente legati possono anche provare angoscia quando l'oggetto del loro affetto è assente, e diversi studi hanno sostenuto questo usando alcuni degli stessi modelli che sono stati impiegati per comprendere i problemi legati alla separazione nei cani. I gatti, ad esempio, mostrano reazioni comportamentali e fisiologiche all'assenza del loro proprietario, tra cui un aumento dei comportamenti di affiliazione quando i loro ritorni umani.

I ricercatori hanno identificato vari fattori che sembrano influenzare i problemi di separazione nei gatti. Questi includono le caratteristiche del gatto e del proprietario del gatto, l'ambiente domestico del gatto e la "gestione" (come vengono curati i gatti). Alcuni dei risultati più interessanti sono quelli relativi all'ambiente domestico e alle pratiche di gestione. I gatti avevano maggiori probabilità di mostrare problemi legati alla separazione se non avevano accesso ai giocattoli, non avevano accesso a tutta la casa, non avevano altri animali in casa, non avevano accesso all'esterno o erano lasciati soli in casa da 5 a 7 volte a settimana e più di 6 ore al giorno.

In altre parole, i gatti che stavano ricevendo maggiore attenzione e arricchimento avevano meno probabilità di soffrire di problemi legati alla separazione. La mia opinione su questo è che i gatti con vite interessanti hanno un benessere mentale generale migliore, il che consente loro di gestire con maggior successo lo stress temporaneo di essere lasciati soli.

Questa ricerca ha importanti limiti, che gli autori riconoscono in anticipo. Il sondaggio ha ipotizzato che i proprietari di gatti stessero osservando attentamente il comportamento dei loro gatti e riferissero accuratamente. Tuttavia, tali sondaggi sono uno dei pochi metodi disponibili per i ricercatori che cercano di comprendere il comportamento degli animali da compagnia nell'ambiente domestico. Questo studio si basava anche su osservazioni fatte dai proprietari di gatti quando erano a casa con i loro gatti, e quindi i comportamenti osservati relativi alla separazione erano o segnalazioni di cose che accadevano mentre il proprietario era assente (comportamento distruttivo) o cose che accadevano quando dicevano casa (vocalizzazioni eccessive). Ancora più interessante sarebbe scoprire cosa stanno facendo e provano i gatti mentre i loro proprietari sono andati, ma questi dati sarebbero davvero difficili da raccogliere.

L'ansia da separazione è spesso identificata come un problema sofferto dal proprietario umano di un gatto o di un cane. Un proprietario può essere stufo di atteggiamenti "inappropriati" e quindi cercare aiuto per risolvere il problema. Ma l'ansia da separazione è, soprattutto, un problema per gli animali. Sono quelli che si sentono in difficoltà.

Questo studio e altri simili possono essere di grande beneficio per i gatti e le loro persone. Possiamo continuare a sgretolare il mito secondo cui i gatti sono animali solitari che stanno bene trascorrendo molto tempo da soli. Comprendere le cause alla radice dei problemi comportamentali nei gatti può aiutarci a essere più attenti a ciò che i nostri gatti hanno bisogno da noi e a ciò che potrebbe mancare nella loro vita. Un gatto felice rende felice un guardiano umano.
Hanno i gatti ansia da separazione? Hanno i gatti ansia da separazione? 03:23 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.