Il ministro degli Esteri russo respinge il suggerimento di usare la pandemia per espandere l'influenza politica

Il ministro degli Esteri russo respinge il suggerimento di usare la pandemia per espandere l'influenza politica
 Sergey Lavror
 Martedì il ministro degli Esteri russo ha respinto con rabbia le affermazioni occidentali secondo cui Mosca ha usato la crisi del coronavirus per espandere la sua influenza politica, affermando che il mondo ha bisogno di unità per superare la pandemia.

Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha affermato che alcuni suggerimenti in occidente secondo cui la Russia aveva motivi opachi per aiutare l'Italia a rispondere al virus derivavano dalla "russofobia".

La Russia ha inviato medici militari e esperti di disinfezione in Italia mentre i morti sono aumentati lì il mese scorso. Una squadra russa simile è stata successivamente inviata in Serbia.

Durante una teleconferenza con i giornalisti, Lavrov ha respinto le affermazioni occidentali secondo cui il Cremlino ha fornito l'assistenza sperando che avrebbe aiutato a convincere l'Unione europea a revocare le sanzioni contro la Russia.

Le sanzioni statunitensi e dell'UE, imposte in risposta all'annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 e al sostegno di un'insurrezione separatista nell'Ucraina orientale, hanno limitato l'accesso della Russia ai mercati finanziari globali e bloccato i trasferimenti di tecnologie occidentali. La Russia ha risposto vietando le importazioni della maggior parte dei prodotti agricoli occidentali.

Alla domanda se Mosca spingesse l'UE a revocare le restrizioni, Lavrov ha affermato che la Russia non lo chiederebbe.

"Se l'UE si renderà conto che questo metodo si è esaurito e rinuncia alle decisioni prese nel 2014, saremo pronti a rispondere in natura", ha aggiunto.

Lavrov ha anche criticato coloro che in Occidente hanno suggerito che la Cina dovrebbe pagare un risarcimento per presunta mancata fornitura di avvisi abbastanza precoci sui casi di virus del paese, che sono stati segnalati a dicembre.

"Le affermazioni secondo cui la Cina deve pagare tutti per lo scoppio e il presunto fallimento nel fornire informazioni tempestive al riguardo superano tutti i limiti e vanno oltre ogni norma di decenza", ha affermato Lavrov, sottolineando che la Cina ha offerto assistenza a molte nazioni.

Senza menzionare gli Stati Uniti per nome, il miglior diplomatico russo ha anche contrastato le critiche di Washington all'Organizzazione mondiale della sanità.

La scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha accusato l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite di essere “incentrato sulla Cina” e ha affermato che i funzionari dell'OMS avevano “criticato” il suo divieto di viaggiare dalla Cina mentre il nuovo virus si diffondeva dalla città cinese centrale di Wuhan.

"Vorrei mettere in guardia contro i tentativi di politicizzare l'epidemia di coronavirus, e ciò si riferisce non solo al ruolo dell'OMS", ha detto Lavrov, aggiungendo che gli sforzi di risposta internazionale dovrebbero essere messi in comune.

"È importante astenersi dal puntare il dito e rendersi conto che affrontiamo un pericolo comune e possiamo solo combatterlo insieme", ha aggiunto.

All'inizio di questo mese, Lavrov ha indicato la spedizione di forniture mediche negli Stati Uniti da parte della Russia e ha dichiarato che Mosca era pronta a inviarne altre, se necessario.

Ha osservato che Trump ha detto al presidente russo Vladimir Putin in una recente telefonata che gli Stati Uniti potrebbero fornire attrezzature mediche alla Russia una volta che le scorte sono state costruite, elogiando l'offerta come "approccio simile a un partner".
Il ministro degli Esteri russo respinge il suggerimento di usare la pandemia per espandere l'influenza politica Il ministro degli Esteri russo respinge il suggerimento di usare la pandemia per espandere l'influenza politica 13:28 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.