Incontra l'eroina dottoressa albanese-britannica che combatte il coronavirus



 Anxhela è una dottoressa di 25 anni che lavora in un ospedale di North London. È anche rifugiata dall'Albania. Attualmente lavora in un reparto respiratorio per curare i pazienti con coronavirus, Anxhela non si aspettava mai che il introduzione al suo professione sarebbe stata una pandemia globale.

“All'inizio, era estenuante fisicamente, ma anche emotivamente, perché c'erano molte persone che erano molto malate e molte persone che si deterioravano. Volevamo fare di più per loro. Volevamo essere in grado di offrire più medicine e altri trattamenti, ma non c'era nient'altro che potessimo fare.

"I DPI rendono difficile connettersi con i pazienti, poiché non riescono a vedere i nostri volti. Porto una mia foto in modo che almeno sappiano come sembro al di sotto di tutto.

"Oggi sto lavorando al reparto respiratorio, dove la maggior parte dei miei pazienti si sta riprendendo da COVID-19, essendo usciti dai ventilatori in terapia intensiva. In un certo senso, sono fortunata ora perché spesso vediamo i pazienti tornare a casa.

Incontra l'eroina dottoressa albanese-britannica che combatte il coronavirus
Anxhela lavorando
“La mia esperienza di rifugiato influisce sul modo in cui svolgo il mio lavoro di medico per il SSN. Mi aiuta a vedere le persone oltre le loro condizioni mediche e pensare alle loro vite nel loro insieme. Non credo che apprezzerei tanto per tutto ciò se non fosse per il mio passato.

"Spesso le persone sono sorprese quando dico loro che sono un rifugiato. Lo dico con orgoglio. Voglio che mettano in discussione i loro stereotipi. Voglio che sappiano quanto i rifugiati contribuiscono alla società.”.
Incontra l'eroina dottoressa albanese-britannica che combatte il coronavirus Incontra l'eroina dottoressa albanese-britannica che combatte il coronavirus 05:54 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.