Perché ai religiosi piacciono meno i gatti

Perché ai religiosi piacciono meno i gatti
Gatto accarezzato (archivio) 
 Molti studi hanno cercato di comprendere i fattori che influenzano il fatto che le persone possiedano animali domestici. Un recente studio (Perry & Burge, 2020) ha esaminato il ruolo della religione nella proprietà degli animali domestici e ha scoperto che le persone che frequentavano i servizi religiosi più frequentemente tendevano a possedere meno animali domestici. Più specificamente, avevano meno probabilità di possedere gatti rispetto ad altre persone, ma non meno probabilità di possedere cani. Le ragioni di ciò non sono chiare, ma potrebbero riguardare i tratti della personalità di coloro che preferiscono i cani ai gatti.

Per esaminare la relazione tra l'assistenza religiosa e la proprietà degli animali domestici, gli autori (Perry & Burge, 2020) hanno utilizzato i dati del General Social Survey, un sondaggio su larga scala di adulti americani di età pari o superiore a 18 anni che viene condotto ogni pochi anni. L'indagine ha incluso domande su diversi fattori che potrebbero influenzare la proprietà sugli animali domestici degli intervistati, inclusi reddito, istruzione, appartenenza a un partito politico, residenza urbana o rurale, numero di bambini, frequenza in chiesa e opinioni sul fatto che la Bibbia sia letteralmente vera o no, che è stato trattato come una misura del conservatorismo religioso. Dopo essersi adattati per tutti gli altri fattori, hanno scoperto che le persone che frequentavano la chiesa o le funzioni religiose tendevano più spesso ad avere meno animali domestici in generale. Tuttavia, quando hanno esaminato specificamente la proprietà del gatto e la proprietà del cane, hanno scoperto che i frequentatori di chiesa avevano meno probabilità di possedere un gatto rispetto ad altri, ma non meno probabilità di possedere un cane. La maggior parte degli altri fattori considerati, come l'età, l'istruzione, l'appartenenza al partito politico e il letteralismo biblico non ha fatto la differenza, anche se le persone che vivevano nelle aree urbane avevano meno probabilità di possedere un cane o un gatto. Vale la pena sottolineare che l'effetto della presenza della chiesa sulla proprietà dei gatti è ancora presente anche quando si controlla la residenza urbana, quindi quest'ultimo fattore non ha spiegato perché i frequentatori più frequenti avessero meno probabilità di possedere gatti.

La spiegazione proposta da Perry e Burge per la loro scoperta è stata che le persone che frequentano frequentemente la chiesa possono avere ulteriori aspettative sociali che pongono richieste sul loro tempo e quindi possono sentire meno bisogno di compagnia animale o semplicemente avere meno tempo per farlo. Al contrario, le persone a cui piacciono i gatti potrebbero trovare sgradevoli le situazioni sociali che incontrano in chiesa e considerare i gatti come compagni relativamente poco impegnativi, mentre vanno e vengono a loro piacimento, essendo piuttosto creature indipendenti. Tuttavia, questa spiegazione proposta non ha davvero senso. Se i frequentatori di chiese frequenti hanno meno bisogno di compagnia animale o mancano di tempo per loro, allora avrebbero anche meno probabilità di possedere cani, ma non era così. Inoltre, i gatti richiedono meno manutenzione rispetto ai cani e quindi potrebbero essere meno impegnativi al momento, e quindi potrebbero essere compagni più adatti per le persone altrimenti occupate rispetto ai cani. Tuttavia, questo ovviamente non si applicava. Pertanto, potrebbe essere utile esaminare alcune delle caratteristiche della personalità delle persone a cui piacciono i gatti più dei cani e come questi potrebbero essere rilevanti per le persone che fanno o non frequentano spesso servizi religiosi.

Numerosi studi hanno trovato differenze nei tratti di personalità tra le persone che si identificano come "persone canine", cioè qualcuno che ha una particolare affiliazione con i cani, rispetto a coloro che si identificano come "persone gatto". Ad esempio, uno studio (Gosling et al., 2010) che utilizzava il modello della personalità dei Cinque Grandi, che ho esaminato in un precedente articolo, ha scoperto che le persone cane identificate erano più estroverse, gradevoli e coscienziose rispetto alle persone "identificate gatto", mentre questi ultimi erano più nevrotici e aperti all'esperienza rispetto ai cani. Uno studio più recente (Guastello et al., 2017) che utilizza tratti di personalità più specifici rispetto ai Big Five (il modello 16 PF), ha anche riscontrato differenze distinte, in modo che le persone con cani fossero più alte in termini di calore, coscienza delle regole, audacia sociale e vivacità, mentre i gatti erano più elevati nel ragionamento (intelligenza), nell'astrattismo (immaginativo, ecc.), nella sensibilità emotiva (sensibile e intuitiva piuttosto che utilitaristica e pratica) e nell'autosufficienza (solitaria, individualistica). Gli autori di questo studio hanno scoperto che le differenze più importanti in questi tratti della personalità erano che le persone cani erano particolarmente più alte nella coscienza delle regole, nella vivacità, nella mentalità dura (cioè, essendo pragmatiche piuttosto che idealistiche), ed estroversione, mentre i gatti erano particolarmente maggiore nel ragionamento e nella sensibilità emotiva. Sulla base di questo, gli autori hanno suggerito che le persone gatto sembravano avere un profilo di personalità associato ad essere più creativo, non conforme e non convenzionale, a causa della loro maggiore immaginazione, intelligenza e sensibilità emotiva, nonché alla loro volontà di ignorare le norme sociali.

Ricerche precedenti hanno scoperto che le persone religiose tendono ad apprezzare fortemente la conformità e l'adesione alla tradizione (Saroglou et al., 2004). Quindi, le persone che frequentano la chiesa tendono spesso ad essere convenzionali e tradizionali, e quindi molto preoccupate di adattarsi alle proprie comunità religiose e non amano mettere in discussione l'autorità. Sotto questi aspetti, sembrerebbero essere più vicini al profilo tipico dei cani rispettosi delle regole rispetto ai gatti non convenzionali. Pertanto, potrebbero trovare la proprietà del cane un'esperienza più soddisfacente rispetto al possesso di un gatto. Al contrario, le persone che non sono conformi e preferiscono fare le proprie cose hanno meno probabilità di trovare servizi religiosi secondo i propri gusti, e quindi potrebbero avere un maggiore apprezzamento per gli stili di vita indipendenti a ruota libera dei felini. Certo, questo è piuttosto speculativo e sarebbero necessarie ulteriori ricerche per confermare queste congetture.
Questo articolo è stato originariamente pubblicato qui.
Perché ai religiosi piacciono meno i gatti Perché ai religiosi piacciono meno i gatti 14:11 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.