Drini Mulla, ingegnere albanese a capo di un'azienda australiana di successo operante in Italia

Drini Mulla, ingegnere albanese a capo di un'azienda australiana di successo operante in Italia
Mulla in piedi accanto a un controller di insegne di nuova generazione sviluppato per un'iniziativa "sicurezza intorno alle scuole" del NSW.  
 Quando Drini Mulla ha fondato una società di ingegneria a Melbourne nel 1999 insieme a due dei suoi amici, non pensava che sarebbe diventata così grande. Progettista di chip, ha sempre operato in base al principio che, poiché era un ingegnere e dirigeva una società di ingegneria, avere un grande profilo pubblico non sarebbe mai stato necessario.

E la sua storia è una storia di emigrazione. I suoi antenati del villaggio di Baban, a Devoll, Korça, appartengono alla prima ondata di albanesi emigrati in Australia. Discendente della tribù Agastra, che si stabilì per la prima volta nella Mareeba, Mullai sottolinea con modestia che i suoi genitori sono agricoltori che coltivano avocado e manghi. E che nella loro fattoria ha imparato i valori che ha messo in pratica oggi e ha raggiunto il suo successo.

Drini Mulla e il personale dell'ufficio vietnamita di DEK Technologies festeggiano il ricevimento di un premio fornitore Ericsson.

Ma ora le cose sono cambiate. DEK Technologies, la società fondata da Mulla e i suoi amici - Eddie Yim e Kerim Tanovic - sta ora cercando di aumentare la sua base di dipendenti da poco più di 500 a 1000. E ha capito che uno dei modi migliori per attirare le persone è per far conoscere la sua storia.

C'è molto di Mulla che è vecchia scuola. Gli si è parlato solo per un po '- e dato il blocco del COVID-19 a Melbourne ho parlato con lui durante una chiamata Zoom - per rendersi conto che è quasi imbarazzato a parlare di se stesso. In effetti, è una persona molto diversa dall'imprenditore medio che si incontra in Australia, o in qualsiasi altro paese per quella materia.

Per prima cosa, è molto preciso e non continua a parlare quando gli viene posta una domanda; risponde con i fatti e poi si ferma. Nell'era del narcisismo, sembra essere una di quelle rare anime che non è piena di sé. Si potrebbe definirlo un nerd e non essere lontani dal segno. In qualche modo, quando gli parlavo, continuavo a ricordare lo sviluppatore principale del kernel di SUSE Linux, un uomo di nome Vojtěch Pavlík.

"Sono cresciuto in una piccola città agricola nel lontano Nord Queensland chiamata Mareeba", ha detto a iTWire Mulla, che è l'amministratore delegato di DEK. "I miei genitori sono coltivatori di avocado e mango. Da ragazzo / adolescente ho fatto quello che facevano la maggior parte dei figli dei contadini: aiutare i nostri genitori nella fattoria, socializzare con i nostri cugini e vicini e andare in moto. Non avevamo telefoni cellulari o il Internet, quindi l'intrattenimento era principalmente tramite TV e radio.

"I miei genitori sono stati i miei modelli e sono stati determinanti nel plasmare [me per essere] la persona che sono oggi. Hanno instillato in me valori come l'importanza della famiglia, il duro lavoro, l'onestà, la lealtà e l'etica; valori a cui tengo molto e utilizzarli per fare affari".

Alcuni di questi sembrano quasi bizzarri al giorno d'oggi in cui si guadagna un sacco di soldi, e velocemente, sembra essere l'unico obiettivo per qualcuno che avvia un'attività o che sta cercando di espanderla. Ma poi, come ho detto, è diverso.

L'hobby di Mulla quando era bambino era costruire kit elettronici di Dick Smith. "Questo è ciò che principalmente mi ha influenzato a interessarmi all'elettronica", ha detto. "Questo alla fine mi ha portato a fare un corso di ingegneria elettronica presso il Queensland Institute of Technology (ora Queensland University of Technology)", ha detto.

"Nel mio ultimo anno, Ericsson a Melbourne era in una campagna di reclutamento per assumere 50 laureati provenienti da tutta l'Australia ed è venuto all'università per condurre colloqui. Ho avuto la fortuna di essere selezionato come laureato e mi sono trasferito a Melbourne al termine della mia finale anno."

Il team di DEK Technologies agli Hume Business Awards nel 2017, dove l'azienda ha vinto tre premi (da sinistra): Eddie Yim, direttore, Steve Dawkins, project manager, Drew Jessop (ex sindaco di Hume City), Drini Mulla, CEO e direttore, Bahar Noble, marketing, Robert Bunn, direttore generale e Patrick Klovekorn
Ericsson è stato una parte enorme e importante della sua vita. "Ho lavorato con loro sia come dipendente che come appaltatore per tutta la mia vita lavorativa", è come dice Mulla. La sua azienda ha sedi in Svezia, Italia e Vietnam oltre a Melbourne e ora sta aprendo una filiale a San Jose, in California.

Non ha nemmeno parole fantasiose per descrivere ciò che fa la sua azienda. Non usa parole come sinergia e incentivazione. "Siamo una società di outsourcing tecnologico che fornisce servizi di sviluppo software e hardware. Aiutiamo le aziende a sviluppare e mantenere i loro prodotti hi-tech", ha affermato. "In questa fase, non abbiamo intenzione di diventare pubblici".

Finora, DEK Technologies non ha cercato di mantenere un alto profilo in quanto non aveva bisogno di essere ben nota per attrarre affari. "DEK è una società di ingegneria, gestita da ingegneri per ingegneri", ha spiegato Mulla. "Quindi avere un alto profilo pubblico non è mai stata una priorità per noi. Abbiamo spesso scoperto che quando parliamo di DEK alle persone, siamo rimasti piuttosto sorpresi dal nostro successo e dal fatto che abbiamo una bella storia che vale la pena condividere.

"Finora, la nostra storia è stata pubblicata su una rivista del consiglio locale che promuove attività commerciali locali e articoli relativi ai nostri vari premi. Ad esempio, siamo stati finalisti per i Telstra Business Awards ogni volta che abbiamo presentato domanda. Abbiamo vinto il premio Northern Business of the Year 2018, premio Hume City Business of the Year 2017 e premio Ericsson Global Supplier of the Year 2016, solo per citarne alcuni".

Alla domanda se avrebbe favorito un nuovo cliente che ha mantenuto la promessa di molti soldi o un vecchio cliente con cui aveva già trattato con successo, Mulla non ha esitato a scegliere quest'ultimo. "Siamo un'azienda molto fedele e scegliamo di lavorare con clienti che condividono valori simili a noi", ha affermato. "In questo caso, resteremmo con il nostro cliente esistente poiché abbiamo già stabilito un rapporto basato sulla fiducia, sui modi di lavorare e sui valori fondamentali.

"Con un nuovo cliente rischieremmo valori e modi di lavorare disallineati che a volte possono diventare più costosi rispetto a mantenere un cliente esistente. Inoltre, siamo un'azienda basata principalmente sulle relazioni e non siamo guidati solo dai profitti. Detto questo Ovviamente vorremmo garantire entrambi i progetti ".

Mulla non cerca di essere politicamente corretto. Alla domanda su cosa guida la sua politica di assunzione, ha risposto: "Assumiamo principalmente in base al merito. Anche se l'ingegneria è un settore fortemente dominato dagli uomini, vorremmo sicuramente avere più donne nella nostra azienda.

"Tuttavia, questo è stato difficile da raggiungere a causa della mancanza di ingegneri donne. Ci auguriamo che la spinta del governo per l'istruzione STEM, in particolare tra le ragazze, aiuti a cambiare questo nel tempo. In ogni caso, siamo un luogo di lavoro molto diversificato come noi impiegare persone indipendentemente da sesso, razza, religione e persone con disabilità".

Un altro modo in cui Mulla si distingue è che trova immensa soddisfazione in quello che sta facendo. "Sono estremamente soddisfatto di quello che sto facendo ora. È qualcosa che mi piace e in cui trovo molto appagamento", ha detto.
Drini Mulla, ingegnere albanese a capo di un'azienda australiana di successo operante in Italia Drini Mulla, ingegnere albanese a capo di un'azienda australiana di successo operante in Italia 14:30 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.