Ecco come fai a sapere quando qualcuno ti sta mentendo in faccia

Ecco come fai a sapere quando qualcuno ti sta mentendo in faccia

 Mentire uno contro uno è difficile se fatto correttamente. Alcune persone mentono compulsivamente, senza preoccuparsi di essere scoperte: per loro è un gioco da ragazzi. Ma inventare una bugia credibile, venderla e mantenerla senza inciampare inavvertitamente richiede uno sforzo. Secondo un nuovo studio, ci vuole un po 'troppo impegno: il tuo cervello è così occupato dalla bugia che il tuo corpo rischia di emettere un "racconto" universale a chiunque sappia cercarlo.

Il racconto

È probabile che qualcuno che ti sta mentendo in faccia copi i tuoi movimenti. Più complicata è la bugia, più vero è, secondo gli esperimenti descritti nello studio.

I ricercatori offrono due possibili spiegazioni, che hanno entrambe a che fare con il carico cognitivo. In un comunicato stampa, gli autori sottolineano che "Mentire, soprattutto quando si fabbricano resoconti, può essere più impegnativo dal punto di vista cognitivo che dire la verità".

La prima ipotesi è che quando qualcuno sta mentendo, il suo cervello è semplicemente troppo impegnato con il sotterfugio per prestare attenzione al controllo dei movimenti fisici. Di conseguenza, la parte inconscia del cervello del bugiardo che controlla i movimenti assume per impostazione predefinita la linea di azione più semplice disponibile: imita semplicemente i movimenti della persona a cui sta mentendo.

La seconda possibilità è che il carico cognitivo del bugiardo priva un bugiardo di larghezza di banda sufficiente per ideare una strategia fisica intelligente ed efficace. Invece, mentre mente, la loro attenzione è così focalizzata sulla reazione dell'ascoltatore che il bugiardo inconsciamente la ripete a pappagallo.

Whoppers sperimentali

Il fenomeno è indicato come "coordinazione non verbale" e nella ricerca sull'inganno esistono alcune prove che si verificano quando qualcuno è sottoposto a un carico cognitivo pesante. Tuttavia, tale prova si basa sull'osservazione di parti specifiche del corpo e non acquisisce in modo completo il comportamento dell'intero corpo e poche ricerche hanno tracciato reciprocamente i movimenti di entrambe le parti in uno scenario di menzogna.

Tuttavia, affermano gli autori, "la coordinazione non verbale è un indizio particolarmente interessante per l'inganno perché il suo verificarsi si basa su processi automatici ed è quindi più difficile da controllare deliberatamente".

Per tenere traccia della coordinazione non verbale, le coppie di partecipanti ai due esperimenti dello studio sono state dotate di dispositivi di acquisizione del movimento fissati con velcro ai polsi, alle teste e ai torsi prima di sedersi l'uno di fronte all'altro su un tavolo basso.

Nel primo esperimento, un algoritmo dinamico di time-warping ha analizzato i movimenti dei partecipanti mentre eseguivano esercizi in cui un individuo diceva la verità e poi diceva bugie sempre più difficili. Nel secondo esperimento, agli ascoltatori sono state date istruzioni che hanno influenzato la quantità di attenzione che hanno prestato ai movimenti del bugiardo.

I ricercatori hanno scoperto che "la coordinazione non verbale aumenta con la difficoltà di menzogna". Hanno anche visto che questo aumento "non è stato influenzato dal grado in cui gli intervistati hanno prestato attenzione al loro comportamento non verbale, né dal grado di sospetto dell'intervistatore. I nostri risultati sono coerenti con l'affermazione più ampia che le persone si affidano a processi automatizzati come la mimica quando sono sotto carico cognitivo".

Mirroring

C'è, va detto, una terza possibile ragione per cui un bugiardo copia il comportamento del bersaglio: forse i bugiardi stanno inconsciamente rafforzando la loro credibilità con le loro vittime usando il "mirroring".

Come sanno i lettori di Oculus News e chiunque abbia familiarità con l'arte della persuasione, copiare le azioni di un'altra persona è chiamato "rispecchiare" ed è un modo per far piacere a qualcun altro. Il nostro cervello ha "neuroni specchio" che rispondono positivamente quando qualcuno imita le nostre azioni. Il risultato è qualcosa chiamato "sincronia limbica". Rispecchiare deliberatamente i movimenti di un compagno è una tecnica di vendita riconosciuta.

Quindi, come puoi dire quando il mirroring significa una bugia e non una benigna abilità di vendita interpersonale? Naturalmente c'è una sovrapposizione: mentire è una forma di persuasione, dopotutto. Forse la risposta più intelligente è semplicemente prendere il mirroring come un segnale che è necessaria una grande attenzione. Non c'è bisogno di gridare automaticamente "bugiardo!" quando qualcuno ti copia. Basta fare un passo indietro mentalmente e ascoltare un po 'più attentamente ciò che sta dicendo il tuo compagno.
Ecco come fai a sapere quando qualcuno ti sta mentendo in faccia Ecco come fai a sapere quando qualcuno ti sta mentendo in faccia domenica, gennaio 24, 2021 Rating: 5
Loading...

 


Powered by Blogger.
f