Il pericolo silenzioso di malattie gengivali profonde

Il pericolo silenzioso di malattie gengivali profonde
 
 Affollati, disallineati e crivellati di carie e gengive infiammate, i nostri denti sono famosi per i difetti. L'essere umano moderno è unico nel livello di scrupoloso intervento quotidiano di cui abbiamo bisogno per assicurarci che denti e gengive non si ammalino.

Lungi dall'essere confinata al mal di denti e alle gengive indolenzite, la nostra salute orale influisce su tutto, dalla nostra dieta al nostro benessere generale e al rischio di morte per qualsiasi causa in un determinato anno, riporta BBC.

Questo perché le malattie della bocca non rimangono sempre in bocca. Sta emergendo uno stretto legame tra la salute orale e alcune delle malattie più urgenti del mondo, comprese le malattie cardiovascolari, il diabete e l'Alzheimer, sottolineando il ruolo della bocca come specchio della salute e della malattia e una sentinella per il nostro benessere generale.

turismo dentale albania, prezzi bassi

Sfortunatamente, forse la caratteristica più significativa della salute orale è quella più frequentemente ignorata. La parodontite o malattia gengivale profonda, la seconda malattia orale più diffusa dopo la carie, colpisce più del 47% degli adulti di età superiore ai 30 anni. A partire dai 65 anni di età, il 64% ha una parodontite moderata o grave. A livello globale, è l'undicesima malattia più comune al mondo.

La presenza a lungo termine di batteri patogeni nelle gengive e nel flusso sanguigno modella la nostra salute ben oltre la bocca

La parodontite è un'infezione non nella superficie gengivale che puoi vedere quando sorridi, ma in profondità sotto la superficie. Dopo una fase iniziale di infiammazione superficiale nella parte visibile della gengivite, i batteri si spostano al di sotto del bordo gengivale nelle tasche vicino alla radice del dente dove erodono le strutture che tengono il dente in posizione. A causa della natura nascosta della parodontite, molte persone che ne sono affette non sanno che è presente fino alle sue fasi molto avanzate. La malattia ha una componente genetica ed è influenzata anche dall'igiene orale.

Per la maggior parte, la malattia non diventa evidente fino all'età di 40 o 50 anni, afferma Sim K Singhrao, ricercatore presso la scuola di odontoiatria presso l'Università del Central Lancashire nel Regno Unito. A questo punto, gravi danni potrebbero già aver minato l'architettura del dente, rischiando la perdita dei denti. Nel frattempo, l'infezione ha inviato per decenni una goccia costante di batteri, come Treponema denticola e Porphyromonas gingivalis, nel flusso sanguigno.

È questa presenza a lungo termine di batteri patogeni nelle gengive e nel flusso sanguigno che modella la nostra salute ben oltre la bocca.

"Se immagini il flusso sanguigno come un autobus, trasporterà i passeggeri - cose come i batteri nella bocca - e andrà ovunque nel corpo", afferma Singhrao. "Alcuni scendono nel cervello, altri nelle arterie, altri nel pancreas o nel fegato".

Laddove ci sono vulnerabilità in questi organi, o quando i microbi non vengono eliminati efficacemente, causano infiammazioni e iniziano o esacerbano altre malattie infiammatorie.

La parodontite, infatti, è legata all'appello di alcune delle malattie non trasmissibili più diffuse al mondo: malattie cardiovascolari, diabete, Alzheimer, obesità, una serie di tumori, artrite reumatoide, Parkinson, polmonite e complicazioni in gravidanza.

Per molte di queste condizioni, è una relazione a doppio senso. Ad esempio, la parodontite può peggiorare condizioni come l'aterosclerosi, l'indurimento delle pareti delle arterie e la presenza di aterosclerosi predispone anche i pazienti alla parodontite. Non ci sono stati studi randomizzati e controllati, considerati il ​​"gold standard" della ricerca medica, che hanno approfondito questa relazione (questi sarebbero difficili da condurre eticamente, negando un trattamento di gruppo della loro parodontite per un periodo prolungato per vedere come ha influenzato la loro aterosclerosi). Tuttavia, i batteri che causano la parodontite di solito trovati solo in bocca sono stati scoperti incorporati nelle placche aterosclerotiche.

Di tutte queste condizioni di salute croniche, il diabete ha il più forte legame bidirezionale con la parodontite. Le persone con diabete di tipo 2 hanno un rischio tre volte maggiore di sviluppare parodontite rispetto alle persone senza. Per le persone che hanno il diabete di tipo 2 e la parodontite, l'infezione peggiora la capacità del loro corpo di controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Ma cosa c'è dietro questo collegamento?

Ritorna al flusso costante di batteri dalle tasche profonde delle gengive nel flusso sanguigno. Laddove il sistema immunitario rileva batteri o altri agenti patogeni, le cellule immunitarie rilasciano una raffica di molecole di messaggistica cellulare note come marcatori infiammatori. Questi marcatori infiammatori aiutano il sistema immunitario ad attaccare e uccidere i patogeni invasori. Il gonfiore e il rossore che compaiono in pochi istanti attorno a una ferita sono il risultato di questa efficiente risposta infiammatoria. A breve termine, i marcatori infiammatori fungono da guide eccellenti per il sistema immunitario verso il sito della probabile infezione. Ma quando queste sentinelle indugiano nel corpo, causano una serie di problemi.

turismo medicale albania, prezzi bassi degli denti

La maggior parte delle condizioni legate alla parodontite hanno un elemento infiammatorio ben consolidato. Ad esempio, quasi 30 anni fa, è stato rivelato che un marcatore infiammatorio chiamato fattore alfa di necrosi tumorale aumenta la resistenza all'insulina nei diabetici. Questo è stato subito seguito dalla scoperta di un'ondata di altri marcatori infiammatori che esacerbano sia l'obesità che il diabete di tipo 2. Questa fitta rete di marcatori infiammatori ha portato a ricerche volte a curare il diabete attenuando l'infiammazione cronica.

Ma il continuo gocciolamento di batteri da un'infezione nascosta nelle gengive fa esattamente il contrario.

"Tutte le malattie infiammatorie sono collegate, hanno un'influenza l'una sull'altra", afferma Palle Holmstrup, professore emerito nel dipartimento di odontoiatria dell'Università di Copenaghen. "La parodontite è una delle malattie infiammatorie più comuni, se non la più comune, del corpo umano.

"Sono gli stessi mediatori infiammatori attivi in ​​diversi tipi di malattie infiammatorie: artrite reumatoide, malattie cardiache, diabete e così via. Se hai la parodontite, avrai un livello aumentato di infiammazione sistemica di basso grado".

Negli esseri umani, è difficile indagare direttamente come il trattamento della parodontite possa alleviare condizioni come il diabete, per le stesse ragioni etiche dell'aterosclerosi: non si può negare a un paziente il trattamento della sua malattia, soprattutto se si sospetta che possa peggiorare le altre condizioni. Rende particolarmente difficile lo studio di questo complesso nodo di malattie infiammatorie connesse e le relazioni causali difficili da definire.

È molto facile ridurre il rischio di contrarre la parodontite o trattarla per ridurre l'infiammazione se ce l'hai già

Il gruppo di Holmstrup ha, tuttavia, misurato l'effetto della parodontite sul diabete nei ratti. Il suo gruppo ha studiato la differenza nella risposta della glicemia tra ratti diabetici a cui era stata data una condizione simile alla parodontite e ratti diabetici senza. La parodontite ha portato a un aumento del 30% della glicemia dopo un pasto.

La conclusione finale della parodontite, se aggressiva e non trattata, è la perdita dei denti. Oltre a decenni di infiammazione cronica, la perdita dei denti si accompagna a una nuova serie di rischi per la salute, tra cui il declino cognitivo e la demenza.

Bei Wu, professore di salute globale al Rory Meyers College of Nursing della New York University, ha scoperto una relazione dose-dipendente: più denti perdi, maggiore è il rischio di declino cognitivo e demenza. Nel più grande studio del suo genere, Wu ha studiato i dati sanitari di 34.000 pazienti negli Stati Uniti per scoprire che per ogni dente che qualcuno perde, hanno un aumento dell'1,4% del rischio di deterioramento cognitivo e dell'1,1% di demenza. Complessivamente, coloro che avevano perso i denti avevano un rischio aumentato del 48% di deterioramento cognitivo e un rischio aumentato del 28% di demenza, rispetto a individui simili che avevano tutti i denti.

La perdita dei denti è stata ampiamente trascurata come fattore di rischio per la demenza e Wu dice che di solito viene accolta con sorpresa quando sottolinea la relazione tra i due. "La salute orale è un pezzo mancante", afferma Wu. "Stiamo cercando di fornire le prove per dimostrare che dovrebbe far parte dell'equazione".

Sebbene la parodontite possa essere una causa comune di perdita dei denti, potrebbero esserci altri colpevoli di questi effetti oltre all'infiammazione. Finora gli studi di Wu sulla perdita dei denti hanno studiato solo le correlazioni e non la causalità, ma lei vuole indagare il ruolo della nutrizione in questa relazione, tra gli altri fattori.

"Una buona protesi potrebbe migliorare l'apporto nutritivo e anche la masticazione", afferma Wu. "Ciò può potenzialmente aumentare il flusso sanguigno, che potrebbe avere un impatto sulla funzione cognitiva, ma questa è ancora solo un'ipotesi".

I legami emergenti tra la nostra salute orale e questa miriade di altre condizioni hanno un risultato molto significativo: è facile ridurre il rischio di contrarre la parodontite e trattarla efficacemente se la si soffre già.

"Se ci laviamo i denti correttamente e abbiamo una buona igiene orale, allora potenzialmente possiamo prevenire l'insorgenza della parodontite", afferma Wu.

Se la malattia si manifesta, nelle prime fasi può essere trattata con il ridimensionamento e la levigatura radicolare, che raschia i microbi dalla superficie del dente inferiore sopra e appena sotto il bordo gengivale. Se hai una parodontite grave, la soluzione può includere un trattamento chirurgico, "il che significa che allenti i tessuti molli delle gengive e pulisci le superfici delle radici e rimetti il ​​tessuto", afferma Holmstrup.

Il problema è il rilevamento, a causa della natura spesso asintomatica della malattia unita all'idea sbagliata comune che, a meno che non si abbia un forte dolore ai denti, non sia necessario andare dal dentista. La soluzione è ancora una volta semplice: se hai un appuntamento in scadenza, non tardare.
Il pericolo silenzioso di malattie gengivali profonde Il pericolo silenzioso di malattie gengivali profonde 7/10/2022 12:34:00 AM Rating: 5
Powered by Blogger.
f