Il Kosovo segna l'undicesimo anniversario dell'indipendenza

Il Kosovo segna l'undicesimo anniversario dell'indipendenza
 

 Il Kosovo celebra l'undicesimo anniversario della dichiarazione di indipendenza in un periodo di pressione per un accordo definitivo sulla normalizzazione delle relazioni con la Serbia.

I capi delle istituzioni hanno alzato la bandiera dello stato, incoronato i pilastri dell'ex leader politici e militari di Kosovo  e onorato i caduti durante la recente guerra. La Forza di sicurezza del Kosovo sorpassa per la prima volta il centro di Pristina con un mandato modificato, ora come un esercito.

L'anniversario viene spinto attraverso le chiamate per alzare le tariffe imposte dal governo sui beni serbi e per spianare la strada al processo negoziale per un accordo finale con la Serbia.

Il presidente del parlamento del Kosovo, Kadri Veseli, ha usato la solenne celebrazione dell'anniversario per inviare il messaggio sulla sospensione delle tariffe e mantenere i rapporti con gli alleati. Ha detto che la Serbia ha meritato le tariffe e ha chiesto decisioni statali e non individuali di fronte alla situazione creata.

"Nel processo decisionale statale nulla dovrebbe essere personale quindi questa decisione come ogni altra decisione per il Kosovo dovrebbe essere statale e istituzionale. Dobbiamo valutare gli interessi strategici del nostro paese di fronte alla Serbia, tenendo conto dei principali fattori del mondo che ci circonda; La Russia con i suoi alleati da una parte e gli Stati Uniti e l'Unione europea dall'altra. Con gli Stati Uniti e la parte europea, il Kosovo è migliore e più sicuro. Gli interessi geostrategici e geopolitici occidentali e americani nei Balcani sono pienamente in linea con gli interessi del Kosovo e della nostra nazione".

Ha detto che il parlamento e il governo dovrebbero sostenere gli impegni e gli interessi comuni degli amici del Kosovo.

Il primo ministro del Kosovo, Ramush Haradinaj, ha dichiarato che il paese è pronto per un accordo con la Serbia che non tocchi i confini.

"Siamo interessati a un accordo, ora conosciuto e chiamato giuridico vincolante per il riconoscimento reciproco dei confini esistenti in Serbia e siamo interessati a progressi del Kosovo verso l'adesione alla NATO e l'Unione Europea anche," ha detto il primo ministro Haradinaj.

Il Kosovo ha dichiarato la sua indipendenza il 17 febbraio 2008, nove anni dopo che l'intervento della NATO ha messo fine alla guerra di quasi due anni che ha lasciato dietro di sé più di diecimila morti e migliaia di dispersi.

L'indipendenza del Kosovo è stata riconosciuta da oltre 100 paesi e continua ad essere contraria dalla Serbia, che è coinvolta in un processo di negoziazione della normalizzazione delle relazioni con il Kosovo come condizione per l'integrazione nelle strutture europee.

Ma questo processo rimane sospeso a causa del rifiuto della Serbia di riprendere i colloqui senza togliere le tariffe dal governo del Kosovo stabilito quasi tre mesi fa.

I leader di Kosovo e Serbia dicono che un accordo di normalizzazione fra le parti è possibile, ma molto difficile a causa di radicalmente diversi di punti di vista su di esso, mentre i due presidenti Hashim Thaci e Aleksandar Vucic hanno portato avanti le loro idee per una correzione confine come soluzione tra i due paesi.

Questa idea viene contrastata dalla maggior parte dei leader politici in Kosovo poiché sono stati messi in atto fattori internazionali per raggiungere prima un accordo tra Kosovo e Serbia, che è una condizione per l'integrazione di entrambe le parti nell'Unione europea.

Ma anche l'undicesimo anniversario dell'indipendenza trova Kosova nella regione nei processi di integrazione, ei suoi cittadini sono gli unici nell'Europa sudorientale che non possono viaggiare senza visto nello spazio Schengen.
Il Kosovo segna l'undicesimo anniversario dell'indipendenza Il Kosovo segna l'undicesimo anniversario dell'indipendenza 12:14 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.