I farmaci a lungo termine per la schizofrenia sono sicuri, lo studio suggerisce

I farmaci a lungo termine per la schizofrenia sono sicuri, lo studio suggerisce
 
 I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia e i loro colleghi in Germania, Stati Uniti e Finlandia hanno studiato la sicurezza della terapia antipsicotica a lungo termine per la schizofrenia. Secondo lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica World Psychiatry, la mortalità era più alta durante i periodi in cui i pazienti non stavano assumendo farmaci rispetto a quando lo erano.

Le persone con schizofrenia hanno un'aspettativa di vita media da dieci a venti anni al di sotto della norma e c'è da tempo la preoccupazione che una delle cause sia l'uso a lungo termine di farmaci antipsicotici. Complessioni precedenti (meta-analisi) dei risultati di studi randomizzati, tuttavia, hanno indicato che il tasso di mortalità per le persone con schizofrenia in terapia antipsicotica era inferiore del 30-50% rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo, scrive Science Daily.

Tuttavia, la maggior parte degli studi effettuati erano più breve di sei mesi, il che non riflette la realtà del trattamento che spesso dura tutta la vita. I ricercatori del Karolinska Institutet e i loro colleghi internazionali hanno fatto un follow-up a lungo termine, confermando i risultati precedenti e dimostrando che i farmaci antipsicotici non sono associati ad un aumentato rischio di complicanze comorbose, come le malattie cardiovascolari. Lo studio è il più grande condotto del suo genere.

"È difficile fare confronti tra le persone che assumono farmaci permanenti e quelle che non lo sono, poiché questi gruppi differiscono in molti modi", afferma Heidi Taipale, assistente professore presso il Dipartimento di neuroscienze cliniche del Karolinska Institutet. "Un metodo comune di gestione di questo è stato quello di cercare di tener conto di tali differenze quando si effettuano i confronti. Tuttavia, abbiamo scelto un altro metodo, in cui ogni persona era il proprio controllo, permettendoci di effettuare confronti individuali di ricovero durante periodi di trattamento antipsicotico e periodi di inattività."

I ricercatori hanno monitorato poco più di 62.000 finlandesi che avevano ricevuto una diagnosi di schizofrenia tra il 1972 e il 2014. Ciò è stato possibile accedendo a vari registri finlandesi fino al 2015, garantendo un periodo di follow-up medio di oltre 14 anni. Hanno scoperto che la probabilità di essere ricoverati in ospedale per una malattia somatica era altrettanto elevata durante i periodi in cui i pazienti assumevano farmaci antipsicotici come quando non lo erano. Le differenze di mortalità, tuttavia, erano evidenti. Il tasso di mortalità cumulativa nel periodo di follow-up durante i periodi di trattamento e di non trattamento era rispettivamente del 26 e 46 per cento.

I ricercatori ritengono che vi sia un supporto schiacciante per il trattamento antipsicotico continuo per la schizofrenia che è un'opzione più sicura di nessun farmaco. Allo stesso tempo, il trattamento comporta il rischio di reazioni avverse, come un aumento di peso, che può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. La constatazione che il trattamento con farmaci antipsicotici non aumenta la probabilità di ricovero in ospedale per malattie cardiovascolari può essere attribuibile, sostengono i ricercatori, al fatto che i farmaci possono anche avere un effetto antiipertensivo e ridurre l'ansia e il rischio di abuso di sostanze. Il trattamento antipsicotico può anche aiutare i pazienti ad adottare uno stile di vita più sano e renderli più propensi a cercare assistenza quando necessario.

"Gli antipsicotici ottengono una cattiva reputazione, il che può rendere difficile contattare il gruppo di pazienti con informazioni su quanto siano importanti", afferma Jari Tiihonen, professore di psichiatria presso il Dipartimento di Neuroscienze cliniche, Karolinska Institutet.

"Sappiamo da studi precedenti che solo la metà di coloro che sono stati dimessi dall'ospedale dopo il loro primo episodio psicotico con diagnosi di schizofrenia assumono farmaci antipsicotici. Inoltre, ci sono molte persone con schizofrenia che assumono farmaci a lungo termine con benzodiazepina, che è in violazione delle linee guida esistenti ed è associata ad un aumento del rischio di mortalità. Costruire fiducia e comprensione per l'efficacia e la sicurezza dei farmaci antipsicotici è importante e speriamo che questo studio possa contribuire a questo scopo."

Lo studio è stato condotto con ricercatori finlandesi, statunitensi e tedeschi e finanziato con sovvenzioni del Ministero finlandese degli affari sociali e della salute attraverso un fondo di sviluppo per l'ospedale Niuvanniemi. Heidi Taipele ha ricevuto un sostegno finanziario dall'Accademia di Finlandia.
I farmaci a lungo termine per la schizofrenia sono sicuri, lo studio suggerisce I farmaci a lungo termine per la schizofrenia sono sicuri, lo studio suggerisce 13:10 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.