Che cos'è una crisi esistenziale? Come affrontare i momenti di profonda disperazione e ansia


Che cos'è una crisi esistenziale? Come affrontare i momenti di profonda disperazione e ansia
Di Erica Wollerman 
Comprendere i tuoi sentimenti e valori può aiutarti a far fronte durante le crisi esistenziali.

Penso che le crisi esistenziali siano abbastanza comuni nel nostro mondo, sebbene non parlate tanto quanto le cose come le crisi di mezza età. In genere ci stiamo muovendo così rapidamente nelle vite molto impegnate che potremmo perdere i segni di una crisi esistenziale fino a quando non ci fermano sulle nostre tracce diventando così grandi che non possiamo continuare ad andare allo stesso modo come prima.

Cos'è una crisi esistenziale?

Le crisi esistenziali sono momenti in cui qualcuno si interroga "se le loro vite hanno significato, scopo o valore".

Ciò potrebbe accadere a causa della nostra salute, sentimenti di depressione, ansia o sopraffazione, o essere disimpegnati e intorpiditi nella nostra vita.

Le crisi esistenziali tendono a presentarsi per le persone in situazioni in cui i nostri valori o ragioni per fare qualcosa non sono più allineati con ciò che stiamo facendo. Direi che sono il risultato dell'incongruenza della nostra vita e della non consapevolezza di ciò di cui abbiamo veramente bisogno per essere i nostri migliori sé.

Spesso, le questioni di natura esistenziale sorgono molto nei nostri anni dell'adolescenza, quando i nostri cervelli sono maturi per sfidare lo status quo o il "perché" dietro le cose. Ma vengono anche per le persone quando sentono di aver vissuto tutta la vita per cose che in realtà non hanno senso per loro o si collegano ai loro valori.

I valori sono, almeno ai miei occhi, la forza trainante della nostra vita, quindi aiutare le persone a identificarsi e connettersi con i loro valori e le ragioni dell'essere è della massima importanza per affrontare una crisi esistenziale. È interessante notare che trovo che nel nostro mondo, spesso non pensiamo a valori al di fuori della religione e della moralità.

Spesso, siamo troppo spaventati dalle profondità della disperazione e della sfida che possono verificarsi quando si verificano queste crisi, che potremmo essere più tentati di andare avanti, distrandoci nel credere che stiamo bene, nonostante ci sentiamo intorpiditi, tristi, sconnessi, distratti, incapaci di connettiti con i nostri cari, o come se fossimo su una specie di ruota del criceto senza fine in vista.

Questa paura delle nostre emozioni più oscure o meno piacevoli ci porta ad evitare di sedere con i sentimenti che emergono durante i periodi di lotta.

La dura verità è che dobbiamo provare questi sentimenti in modo da poter capire quali sono le nostre domande esistenziali con cui stiamo lottando. E sfortunatamente, se non conosciamo la domanda, può sembrare impossibile trovare una risposta che risuoni con noi e possa condurre alla guarigione, alla crescita e al senso di pace nelle nostre vite.

Suggerisco che le persone che provano profondità di disperazione e ansia provino a lasciarsi sentire ciò che stanno provando abbastanza da poter cercare le domande a cui devono rispondere nella loro vita.

Una volta che abbiamo la domanda, possiamo anche cercare le risposte.

Sebbene questo non sia un processo facile o comodo e non sia certamente veloce con una soluzione di correzione rapida, è importante e cambia la vita una volta uscito dall'altra parte.

Considera questi esempi:

Uno studente universitario a cui è stato detto che hanno bisogno di un diploma universitario, ma non hanno alcun reale interesse per le lezioni o la direzione nella vita che il college porterà. Trascorrono ore a studiare ma si sentono depressi e fanno fatica a conservare le informazioni che stanno imparando.

Uno studente del liceo che si sta chiedendo quale sia il punto della scuola e apprenda cose come Calculus. Si chiedono perché stiano stressando tutto il tempo in cui l'unico motivatore per la scuola è aiutarli a trovare un lavoro (che sarà quindi stressante), il che è davvero solo per aiutarli a pagare le bollette (che sembra anche stressante) e per provvedere la loro famiglia (che suona anche stressante).

Un avvocato (o qualsiasi altra professione in realtà) che si rende conto che in realtà non gli importa di fare soldi e odiano essere un avvocato, il che rende ogni giorno andare a lavorare una vera lotta perché non possono rispondere alla domanda "Perché?" Se non sei incentivato dal solo denaro e denaro, svolgere un lavoro che odi può essere assolutamente infelice e sentire l'anima schiacciata.

Una nuova mamma che si rende conto che il sogno di avere un figlio perfetto potrebbe essere scosso dai bisogni speciali appena diagnosticati di suo figlio.

Una persona che vive quotidianamente la depressione e fatica a sentirsi collegata a una vita che ha lavorato duramente per costruire e amare sinceramente quando non sta vivendo la depressione.

Un genitore che ha appena perso il figlio a causa di un tragico incidente nonostante abbia fatto tutte le cose giuste per proteggere il figlio e tenerlo al sicuro. Cominciano a chiedersi se Dio è persino là fuori.

La domanda che le persone in queste situazioni affrontano durante le loro crisi esistenziali è: "Perché?"

Perché sono qui?

Perché preoccuparsi?

Perchè dovrebbe interessarmi?

Qual e il punto?

Perché mi è successo questo?

Qual è lo scopo della mia vita?

Come posso andare avanti?

Spesso, le questioni di natura esistenziale sorgono molto nei nostri anni dell'adolescenza, quando i nostri cervelli sono maturi per sfidare lo status quo o il "perché" dietro le cose. Ma escono anche per le persone quando sentono di aver vissuto tutta la vita per cose che in realtà non le danno senso o non si collegano ai loro valori.

Gli oggetti di valore sono, almeno ai miei occhi, la forza trainante della nostra vita, quindi aiutare le persone a identificare e connettersi con i loro valori e ragioni è della massima importanza per affrontare una crisi esistenziale. È interessante notare che trovo che nel nostro mondo spesso non pensiamo a valori al di fuori della religione e della moralità.

Spesso, siamo troppo spaventati dalle profondità della disperazione e dalla sfida che può verificarsi quando si verificano queste crisi che potremmo essere tentati di continuare, andando a distrarci nel credere che stiamo bene, nonostante ci sentiamo intorpiditi, tristi, sconnessi, distratti, incapaci di connettiti con i nostri cari, o come se fossimo su una specie di ruota del criceto senza fine in vista.

Questa paura delle nostre emozioni più oscure o meno piacevoli ci porta ad evitare di sedere con i sentimenti che emergono durante i periodi di lotta.

La dura verità è che dobbiamo provare questi sentimenti in modo da poter capire quali sono le nostre domande esistenziali con cui stiamo lottando. E sfortunatamente, se non conosciamo la domanda, può sembrare impossibile trovare una risposta che risuoni con noi e possa portare a guarigione, crescita e un senso di pace nelle nostre vite.

Suggerisco che le persone che vivono il profondo della disperazione e dell'ansia provino a farsi sentire ciò che stanno provando abbastanza da poter porre le domande a cui devono rispondere nella loro vita.

Una volta che abbiamo la domanda, possiamo anche cercare le risposte.

Sebbene questo non sia un processo facile o comodo, e certamente non una soluzione rapida con una soluzione rapida, è importante e cambia la vita una volta uscito dall'altra parte.

La dott.ssa Erica Wollerman è una psicologa clinica autorizzata con la passione di aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi e vivere una vita sana e felice. Per ulteriori informazioni su come può aiutarti a superare l'ansia, visita il suo sito Web.
Che cos'è una crisi esistenziale? Come affrontare i momenti di profonda disperazione e ansia Che cos'è una crisi esistenziale? Come affrontare i momenti di profonda disperazione e ansia 08:00 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.