Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco

 La peste era una volta la malattia più temuta al mondo, in grado di spazzare via centinaia di milioni di persone in pandemie globali apparentemente inarrestabili e affliggere le sue vittime con linfonodi dolorosamente gonfiati, pelle annerita e altri sintomi raccapriccianti.


Nell'Europa del 17 ° secolo, i medici che tendevano a curare le vittime indossavano un costume che da allora ha assunto sinistre sfumature: si coprivano dalla testa ai piedi e indossavano una maschera con un lungo becco simile a un uccello. Il motivo dietro le maschere di peste dal becco era un malinteso sulla natura stessa della pericolosa malattia.

Durante quel periodo gli scoppi della peste bubbonica - una pandemia che si ripresentò in Europa per secoli - le città afferrate dalla malattia assunsero medici della peste che praticavano ciò che passava per la medicina sia per i ricchi che per i poveri. Questi medici prescrivevano quelle che si credeva fossero intrugli protettivi e antidoti della peste, assistevano a testamenti ed eseguivano autopsie - e alcuni lo facevano indossando maschere con il becco.

Il costume è di solito attribuito a Charles de Lorme, un medico che ha soddisfatto le esigenze mediche di molti reali europei nel corso del 17 ° secolo, tra cui il re Luigi XIII e Gaston d'Orléans, figlio di Marie de Médici. Descrisse un vestito che includeva un cappotto coperto di cera profumata, calzoni collegati agli stivali, una camicia nascosta e un cappello e guanti di pelle di capra. I medici della peste portavano anche un'asta che permetteva loro di colpire (o respingere) le vittime.

Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco

La loro attrezzatura per la testa era particolarmente insolita: i dottori della peste indossavano occhiali, continuò de Lorme, e una maschera con un naso circa 17 centimetri lungo, a forma di becco, piena di profumo con solo due fori, uno su ciascun lato vicino alle narici, ma che può bastare per respirare e portare con sé l'aria che si respira l'impressione delle [erbe] racchiuse nel becco ”.

Sebbene i dottori della peste in tutta Europa indossassero questi abiti, lo sguardo era così iconico in Italia che il "dottore della peste" divenne un punto fermo della commedia italiana dell'arte e delle celebrazioni di carnevale - ed è ancora oggi un costume popolare. (I ricordi della peste risuonano a Venezia durante la pandemia di coronavirus.)

Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco

Ma l'ensemble severo non era solo una dichiarazione di moda mortale: aveva lo scopo di proteggere il medico dal miasma. Nei tempi precedenti la teoria dei germi della malattia, i medici credevano che la peste si diffondesse nell'aria avvelenata che potesse creare uno squilibrio negli umori di una persona o nei fluidi corporei. Si pensava che i profumi dolci e pungenti potessero fumigare le aree colpite dalla peste e proteggere l'odore; mazzolini, incenso e altri profumi erano comuni nell'epoca.

I medici della peste hanno riempito le loro maschere di teriac, un composto di oltre 55 erbe e altri componenti come polvere di carne di vipera, cannella, mirra e miele. De Lorme pensava che la forma a becco della maschera avrebbe dato all'aria il tempo sufficiente per essere soffocato dalle erbe protettive prima che colpisse le narici e i polmoni dei medici della peste.

Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco

Infatti, la peste è causata da Yersinia pestis, batteri che possono essere trasmessi dagli animali all'uomo e attraverso punture di pulci, contatto con liquidi o tessuti contaminati e inalazione di goccioline infettive da starnuti o tosse con peste polmonare.
Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco Perché i medici della peste indossavano quelle strane maschere con becco 12:46 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.