Sono una storica delle epidemie e della quarantena. Ora sto vivendo quella storia in Italia

Sono uno storico delle epidemie e della quarantena. Ora sto vivendo quella storia in Italia
Di *Eugenia Tognotti
 Come studio's a di epidemie storiche - peste, colera, influenza spagnola - ho cercato di immaginare le reazioni di uomini e donne che hanno vissuto l'esperienza devastante dell'epidemia. Ma non avrei mai immaginato che mi sarei trovata a vivere un piccolo pezzo di storia, isolata nella mia casa in Sardegna mentre le misure di blocco si estendevano in tutta Italia.

Il coronavirus non è, al momento, paragonabile a quelle di altre epidemie che ho studiato, ma si sta diffondendo in tutto il mondo, provocando ansia, paura, panico, rivolte e una caccia per gli italiani del nord che si presume siano fuggiti a sud prima le ultime misure del governo hanno preso piede. Le molestie dei viaggiatori mi riportarono all'epidemia di colera del 1884, quando i funzionari locali in alcune regioni meridionali (Calabria) furono costretti a chiedere al ministro degli interni di non entrare nelle stazioni ferroviarie perché non potevano mantenere il ordine pubblico.

Ma COVID-19 ha ancora una volta sottolineato il fatto che le epidemie non sono un ricordo del passato preindustriale. Le severe misure adottate in Cina suggeriscono fortemente che l'antico concetto base di quarantena è ancora valido. In assenza di un vaccino mirato, si devono ancora fare affidamento su interventi preventivi generali.

Le strategie recentemente adottate in Italia hanno le loro radici nel passato. Dall'inizio della morte nera nel 1347-48, le città italiane hanno implementato un complesso sistema di protezione della salute che è stato un esempio per altri paesi europei. I cardini di questo sistema di protezione della salute includono la quarantena, i cordoni sanitari, le stazioni di quarantena, la disinfezione e la regolamentazione sociale delle popolazioni a rischio. La medicina non ha avuto alcun ruolo: la sua impotenza nel trattare le malattie epidemiche ha lasciato la difesa della salute su iniziativa delle autorità civili.

Infatti, il primo a perfezionare un sistema di protezione dalle malattie fu Venezia che, a causa della sua particolare posizione geografica e della sua grande importanza come centro commerciale, fu pericolosamente esposta alla peste per mare. Ma mentre le acque della laguna erano un corridoio per il passaggio di un'epidemia, erano anche un cordone sanitario naturale che facilitava un efficiente sistema di quarantena come baluardo contro le malattie per il resto d'Italia.

Oggi, questa barriera naturale non funziona contro il coronavirus. Per bloccare COVID-19 potrebbe essere necessario adottare una versione delle misure di allontanamento sociale utilizzate al tempo della pestilenza di Venezia in caso di sospetta disputa su una nave: da un canale isolato, il capitano è stato portato su una scialuppa di salvataggio per l'ufficio sanitario, dove era tenuto in un recinto e guardò fuori da una finestra per vedere l'impiegato. La conversazione ebbe luogo a distanza di sicurezza; ciò si basava sull'errata ipotesi che le malattie pestilenziali sospese nell'aria, ma soddisfacesse l'obiettivo di neutralizzare la possibile contaminazione diretta attraverso la respirazione. La distanza raccomandata per il coronavirus nelle linee guida oggi è di un metro. Non ho potuto verificare nei registri storici quale distanza fosse suggerita dai magistrati della salute veneziani!

Un altro parallelismo storico - tenendo conto della prima guerra mondiale e del fatto che nessuno ha mai visto un virus in quel momento - è parzialmente possibile con l'influenza spagnola del 1918. In Italia, le scuole erano chiuse, così come cinema, teatri e luoghi di incontro. Gli orari dei ristoranti sono stati ridotti. Era vietati i raduni pubblici, funerali e cerimonie religiose. Nessuna confessione fu ascoltata e il clero fu incaricato di disinfettare i paramenti sacri. Le descrizioni delle città italiane nell'autunno-inverno del 1918, con strade buie e deserte, illuminate solo dalle luci della farmacia, sono simili a quelle che la televisione ci trasmette ora, con porte chiuse della chiesa e strade e piazze deserte. I cordoni attorno alle cosiddette "zone rosse" e le sospette quarantene di persone a casa che hanno contatti con il coronavirus sembrano appartenere al passato. La libertà di movimento, nelle aree a rischio, è consentita dietro presentazione di un certificato - qualcosa che i viaggiatori al momento della peste e del colera riconoscono.

C'era anche un lato oscuro della quarantena. La quarantena e l'isolamento hanno contribuito a discriminare i gruppi sociali più deboli, per non parlare delle minoranze come la popolazione ebraica di Venezia. Nel corso dei secoli, dalla peste al colera in Italia nel 19 ° secolo alla SARS in Cina nel 2003 all'influenza A nel 2009, le misure di quarantena si sono spesso tradotte in un massiccio controllo dei movimenti di persone e cose. Le gravi misure di emergenza già in atto nel nord Italia (che è la parte più colpita del paese) sono state estese a tutta l'Italia, comprese le isole. Coloro che sfidano le regole del governo affrontano gravi conseguenze.

Tradizionalmente, agli italiani piace la vita. Ciò significa grandi famiglie, lunghe cene, pranzi, grandi abbracci, baci e stretti contatti. È difficile per noi cambiare i nostri comportamenti ancestrali in pochi giorni. L'epidemia influisce pesantemente sulla vita quotidiana: c'è un prima e un dopo. La parola virus, dal latino per il veleno, ora rilascia tutta la sua forza metaforica. Dalla chiusura della mia università, seguo rigorosamente le istruzioni delle autorità sanitarie di rimanere a casa. Niente passeggiate nel parco, aperitivi con i colleghi, niente cinema e teatro. Il mio tempo è dedicato alla messaggistica con i colleghi per lo spostamento di una conferenza, l'organizzazione di lezioni per il secondo semestre e la gestione di colleghi che utilizzano piattaforme di e-learning per l'insegnamento online.

Tuttavia, sono fiduciosa che l'Italia uscirà da questa ora buia - e con i dati che stiamo accumulando e le lezioni apprese, saremo in grado di gestire meglio emergenze simili quando questa sarà solo una storia.



*L'articolo originale è stato originariamente pubblicato su TIME ed è "I’m a Historian of Epidemics and Quarantine. Now I’m Living That History on Lockdown in Italy", e dopo con il permesso del Prof. Eugenia Tognotti PhD, lo abbiamo ripubblicato su Oculus News.

Eugenia Tognotti è esperta di sanità pubblica e quarantena e professore di storia della medicina e delle scienze umane all'Università di Sassari (Italia).

Sono una storica delle epidemie e della quarantena. Ora sto vivendo quella storia in Italia Sono una storica delle epidemie e della quarantena. Ora sto vivendo quella storia in Italia 09:38 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.