Il nuovo ordine mondiale e il Coronavirus

 *Di Murat YEŞİLTAŞ
 Possiamo dire che la nuova epidemia di tipo coronavirus è lo sviluppo più importante del 21 ° secolo. In effetti, questa situazione suggerisce che l'epidemia di coronavirus porterà con sé una trasformazione globale. Il più pronunciato tra questi è che l'ordine mondiale cambierà. Molti esperti affermano che emergerà un nuovo ordine mondiale, suggerendo che l'attuale ordine dovrà affrontare una pressione di cambiamento. Naturalmente, non vi è dubbio che entreremo in un nuovo processo su scala globale. Tuttavia, non è possibile dire che l'ordine mondiale sta affrontando un cambiamento radicale dopo l'epidemia di coronavirus e che ciò è inevitabile. Questo approccio è in realtà parte di uno stato psicologico causato dall'epidemia di coronavirus. Quindi perché il coronavirus non è un punto di svolta strutturale a livello globale? Per rispondere a questa domanda, è necessario esaminare il fenomeno dell'ordine mondiale e come si è evoluto.

Quando osserviamo la politica mondiale degli ultimi cinque secoli dalla prospettiva dell'ordine mondiale, vediamo che emergono tre elementi di base: la distribuzione del potere, l'economia politica e le norme / regole internazionali. Mentre la distribuzione del potere determina il corso base della competizione (tra le grandi potenze), l'economia politica determina direttamente le regole del sistema, mentre le norme internazionali determinano direttamente i processi internazionali di associazione. Ad esempio, in un sistema in cui la distribuzione del potere è divisa tra più di tre stati, l'ordine mondiale è multipolare, quando è diviso tra due poteri, è bipolare e nei casi in cui è un singolo attore, è unipolare. Si vede che la principale dinamica che consente la transizione dell'ordine mondiale da un tipo di polarità a un altro è la guerra.

Poiché ogni grande guerra provoca un nuovo equilibrio nell'attuale distribuzione del potere, l'ordine globale viene ricostruito in un nuovo paradigma dopo ogni guerra. Il sistema economico e le norme che formano il nucleo di questo paradigma determinano le posizioni, i ruoli e le modalità di azione degli altri su scala globale. Gli stati o si adattano al sistema o si oppongono o tentano di unirsi al sistema per trarne vantaggio. Affinché l'ordine mondiale venga sostituito da un nuovo ordine dopo l'epidemia di coronavirus, ci deve essere un cambiamento nella distribuzione del potere attuale. Parallelamente a ciò, la struttura economica e l'attore o gli attori che controlleranno questa struttura effettueranno aggiustamenti che causeranno cambiamenti nei meccanismi di funzionamento del sistema e dovrebbero essere in grado di creare nuovi regimi globali sull'asse di nuove norme.

Si vede che l'attuale ordine mondiale si basa sul vantaggio americano in termini di distribuzione di energia, ma non è unipolare. Negli ultimi anni, non vi sono state interruzioni significative nella distribuzione del potere. Ad esempio, nessun attore che può essere incluso nella categoria delle medie dimensioni ha raggiunto un ottimo stato di potere modificando lo stato di potere. Oppure i poteri con un grande status di potere non hanno raggiunto la posizione di superpotenza aumentando i loro poteri materiali. Soprattutto, non si può dire che gli Stati Uniti, che hanno uno status di superpotenza, non abbiano cambiato il proprio status di potere e che attori come la Cina abbiano raggiunto lo status di superpotere. Inoltre, non è possibile affermare che grandi e piccoli cambiamenti nello stato di potere di tutti gli attori a livello globale abbiano una natura statica. Tuttavia, anche nel sistema globale, compresi i sottosistemi regionali all'interno di questo sistema, non si sono verificati importanti cambiamenti strutturali.

Non è possibile affermare che i dati sui parametri di potenza che abbiamo attualmente sono sufficienti per dire che ci sarà un grande cambiamento nella distribuzione globale e regionale del potere dopo l'epidemia di coronavirus. Se la possibilità che emerga una nuova situazione nella distribuzione globale del potere a causa del coronavirus è debole, possiamo dire che il primo e più importante pilastro di un nuovo ordine mondiale rimarrà lo stesso. In questo caso, il secondo e il terzo livello che dobbiamo esaminare dovrebbero essere l'economia e le norme globali. In effetti è possibile mostrare un approccio simile all'economia. Perché l'economia è probabilmente il più importante dei parametri di calcolo dell'energia.

I dati economici attuali indicano che la distribuzione globale di energia non sta affrontando un drastico cambiamento. Se si realizza lo scenario negativo (non il peggiore), si dice che le perdite che l'economia globale dovrà affrontare dopo l'epidemia di coronavirus costituiscono solo il 5 percento dell'economia globale totale. Pertanto, a meno che non si verifichino improvvisi sviluppi economici, non vi sarà alcuna separazione significativa dall'attuale ordine economico globale. D'altra parte, sembra abbastanza difficile affermare che le norme globali (economiche, politiche, ecc.) finiranno con il coronavirus. Ma è possibile che emerga un nuovo ordine mondiale anziché l'ordine attuale se è improbabile la possibilità di un cambiamento nella distribuzione di energia? Non è possibile rispondere "si" a questa domanda. Tuttavia, abbiamo molte ragioni per cercare un cambiamento globale. Possiamo sostenere che questo cambiamento avverrà dal cambiamento della vita quotidiana nei nostri processi di socializzazione, dal cambiamento delle funzioni statali al cambiamento di molti fatti come la libertà, la democrazia e il nazionalismo.
*Questo articolo è stato originariamente pubblicato su TRT Shqip
Il nuovo ordine mondiale e il Coronavirus Il nuovo ordine mondiale e il Coronavirus 13:52 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.