La neuroscienza spiega come un narcisista può controllare il nostro cervello

Illustrazione figurativa del cervello umano
 Illustrazione figurativa del cervello umano
 Un nuovo studio fa luce su come le altre persone influenzano la nostra mente. La ricerca sui topi, i cui cervelli sono notevolmente simili agli umani, rivela che i nostri cervelli sono colpiti da coloro che ci circondano. Il fattore chiave è il dominio. Il cervello del topo subordinato sincronizzato con il topo dominante. Questo probabilmente si applica alle nostre relazioni. In genere, le persone con personalità più forti prendono le decisioni e soddisfano le loro esigenze più spesso rispetto ai loro partner.

Altri fattori svolgono un ruolo. Più i topi interagivano tra loro, più la loro attività cerebrale era sincronizzata. Quindi, la longevità e l'intensità di una relazione influenzano il grado in cui le persone vicine a noi hanno influenza. Un'ulteriore svolta nella sincronia cerebrale attiva due tipi di cellule cerebrali. Un set si concentra sul nostro comportamento e un secondo set si concentra su altre persone. Il modo in cui pensiamo e dove posizioniamo la nostra attenzione è importante. Alla Carnegie Mellon University, i neuroscienziati stanno monitorando i nostri pensieri nelle scansioni cerebrali della fMRI per vedere quali aree e neuroni si illuminano. Il sé e altri neuroni si illuminano in vari gradi tra determinate popolazioni.

Dominio contro equilibrio nelle relazioni

Idealmente, le amicizie e le relazioni intime sono bilanciate in modo che sia gli amici che i partner abbiano la stessa voce nel processo decisionale. Nel complesso, entrambe le persone soddisfano le loro esigenze. Ognuno è in grado di affermarsi e negoziare per proprio conto. C'è dare e avere e scendere a compromessi. Questa è una relazione interdipendente. Richiede autonomia, autostima, rispetto reciproco e capacità comunicative assertive.

Relazioni contrastanti in cui il potere è squilibrato, come nelle relazioni abusive. Un individuo conduce e l'altro segue; uno domina e l'altro ospita. Alcune relazioni sono caratterizzate da conflitti costanti e lotte di potere. Il padrone è aggressivo e motivato a mantenere il potere e il controllo, mentre l'accoglitore è passivo e motivato a mantenere l'amore e la connessione. Molti di noi hanno aspetti di entrambi i tipi nella nostra personalità, sebbene alcune persone rientrino principalmente in una categoria. Ad esempio, molti codipendenti sono accomodanti e la maggior parte dei narcisisti preferisce essere padroni.

Come il partner controlla il nostro cervello

La sincronizzazione del cervello consente all'animale dominante di condurre e subordinare gli animali a leggere i suoi segnali e seguirli. Cosa significa questo per le nostre relazioni? La nuova ricerca suggerisce che nelle relazioni ineguali, il cervello del partner dominante trascina quello del partner subordinato, il cui cervello si sincronizzerà con esso. Questo modello diventa più consolidato quanto più la coppia interagisce. Anche se alcuni individui possono essere assertivi e sembrare comportarsi in modo indipendente prima o all'esterno della relazione, una volta che sono attaccati a un maestro, accolgono sempre più il partner dominante. Ci sono molte variabili al lavoro, ma presumibilmente, la sincronizzazione del cervello è quella che rende più difficile per la persona subordinata nella relazione pensare e agire autonomamente e sfidare lo squilibrio di potere.

Le persone che sono accomodanti si concentrano sugli altri più di se stessi. Ammettono di perdersi nelle relazioni. Monitorano e si adattano ai bisogni, ai desideri e ai sentimenti di altre persone. Se chiedi loro cosa hanno in mente, di solito si tratta di qualcun altro. Si potrebbe supporre che i loro "altri neuroni" si accendano in modo più coerente di "auto neuroni". Le loro personalità li preparano a farlo. Al contrario, i cervelli di maestri e narcisisti probabilmente illuminano gli "auto neuroni" più di "altri neuroni".

Come combattere il controllo del cervello

Il processo di sincronizzazione avviene automaticamente e al di fuori del nostro controllo cosciente. Supporta relazioni sane consentendo ai partner di essere "sincronizzati" e di leggere gli spunti e le menti degli altri. Sappiamo ciò che il nostro partner sente e di cui ha bisogno. Quando c'è reciprocità, l'amore si approfondisce e la felicità si moltiplica per entrambi. D'altra parte, laddove questo processo è al servizio di un partner che controlla l'altro, la relazione diventa tossica. Amore e felicità appassiscono e muoiono.

Il partner dominante non ha alcun incentivo a rinunciare al controllo. Spetta al partner subordinato cambiare la dinamica delle relazioni. In tal modo, il potere nella relazione può riequilibrarsi.
La neuroscienza spiega come un narcisista può controllare il nostro cervello La neuroscienza spiega come un narcisista può controllare il nostro cervello 06:40 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.