Misteriosi danni cardiaci colpiscono i pazienti COVID-19, non solo problemi ai polmoni

Il dottore spiega e tiene in mano un'imitazione del cuore
Il dottore spiega e tiene in mano un'imitazione del cuore
 Mentre il focus della pandemia COVID-19 è stato sui problemi respiratori e sulla sicurezza di abbastanza ventilatori, i medici in prima linea sono alle prese con un nuovo mistero medico.

Oltre al danno polmonare, molti pazienti COVID-19 stanno anche sviluppando problemi cardiaci e stanno morendo di arresto cardiaco.

Man mano che arrivano più dati dalla Cina e dall'Italia, così come dallo stato di Washington e da New York, altri esperti cardiaci stanno arrivando a credere che il virus COVID-19 possa infettare il muscolo cardiaco. Uno studio iniziale ha rilevato danni cardiaci in ben 1 su 5 pazienti, portando a insufficienza cardiaca e morte anche tra coloro che non mostrano segni di difficoltà respiratoria.

Ciò potrebbe cambiare il modo in cui i medici e gli ospedali devono pensare ai pazienti, in particolare nelle prime fasi della malattia. Potrebbe anche aprire un secondo fronte nella battaglia contro la pandemia di COVID-19, con la necessità di nuove precauzioni nelle persone con problemi cardiaci preesistenti, nuove richieste di attrezzature e, in definitiva, nuovi piani di trattamento per i cuori danneggiati tra coloro che sopravvivono.

"È estremamente importante rispondere alla domanda: il loro cuore è colpito dal virus e possiamo fare qualcosa al riguardo?" ha dichiarato il dott. Ulrich Jorde, responsabile dell'insufficienza cardiaca, del trapianto cardiaco e del supporto circolatorio meccanico per il sistema sanitario Montefiore a New York City.

"Questo potrebbe salvare molte vite alla fine."

Virus o malattia?

La questione se i problemi cardiaci emergenti siano causati dal virus stesso o siano un sottoprodotto della reazione del corpo ad esso è diventata una delle incognite critiche che i medici devono affrontare mentre gareggiano per comprendere la nuova malattia. Determinare in che modo il virus colpisce il cuore è difficile, in parte, perché la sola malattia grave può influenzare la salute del cuore.

"Qualcuno che sta morendo di una polmonite grave alla fine morirà perché il cuore si ferma", ha dichiarato il dott. Robert Bonow, professore di cardiologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine ed editore della rivista medica JAMA Cardiology.

"Non è possibile ottenere abbastanza ossigeno nel sistema e le cose vanno in tilt".

Ma Bonow e molti altri specialisti cardiaci credono che un'infezione da COVID-19 possa portare a danni al cuore in quattro o cinque modi. Alcuni pazienti, dicono, potrebbero essere interessati da più di uno di questi percorsi contemporaneamente.

I medici sanno da tempo che qualsiasi evento medico grave, anche qualcosa di semplice come la chirurgia dell'anca, può creare abbastanza stress da danneggiare il cuore. Inoltre, una condizione come la polmonite può causare un'infiammazione diffusa nel corpo. Ciò, a sua volta, può portare a instabilità della placca nelle arterie, causando attacchi di cuore. L'infiammazione può anche causare una condizione nota come miocardite, che può portare all'indebolimento del muscolo cardiaco e, in definitiva, all'insufficienza cardiaca.

Ma Bonow ha affermato che il danno osservato nei pazienti COVID-19 potrebbe derivare dal virus che infetta direttamente il muscolo cardiaco. La ricerca iniziale suggerisce che il coronavirus si attacca a determinati recettori nei polmoni e quegli stessi recettori si trovano anche nel muscolo cardiaco.

Dati iniziali dalla Cina

A marzo, i medici cinesi hanno pubblicato due studi che hanno dato la prima occhiata a come i problemi cardiaci prevalenti fossero tra i pazienti con malattia COVID-19. Il più grande dei due studi ha esaminato 416 pazienti ospedalizzati. I ricercatori hanno scoperto che il 19% mostrava segni di danno cardiaco. E quelli che lo facevano avevano una probabilità significativamente maggiore di morire: il 51% di quelli con danno cardiaco moriva contro il 4,5% che non lo aveva.

I pazienti che avevano malattie cardiache prima delle loro infezioni da coronavirus avevano maggiori probabilità di mostrare danni cardiaci in seguito. Ma alcuni pazienti senza precedenti malattie cardiache hanno mostrato segni di danno cardiaco. In effetti, i pazienti senza patologie cardiache preesistenti che hanno subito danni cardiaci durante la loro infezione avevano maggiori probabilità di morire rispetto ai pazienti con patologie cardiache precedenti, ma nessun danno cardiaco indotto da COVID-19.

Non è chiaro perché alcuni pazienti abbiano più effetti cardiaci di altri. Bonow ha detto che potrebbe essere dovuto a una predisposizione genetica o potrebbe essere perché sono esposti a più alte cariche virali.

Queste incertezze sottolineano la necessità di un più attento monitoraggio dei marcatori cardiaci nei pazienti COVID-19, ha detto Jorde. Se i medici di New York, nello stato di Washington e di altri punti caldi possono iniziare a stuzzicare il modo in cui il virus colpisce il cuore, potrebbero essere in grado di fornire un punteggio di rischio o altre indicazioni per aiutare i medici a gestire i pazienti COVID-19 in altre parti del nazione.

"Dobbiamo presumere, forse, che il virus colpisca direttamente il cuore", ha detto Jorde. "Ma è essenziale scoprirlo."

Ostacoli di fronte

Raccogliere i dati per farlo in mezzo alla crisi, tuttavia, può essere difficile. Idealmente, i medici dovrebbero prendere biopsie del cuore per determinare se il muscolo cardiaco è infetto dal virus.

Ma i pazienti COVID-19 sono spesso così malati che è difficile per loro sottoporsi a procedure invasive. E ulteriori test potrebbero esporre ulteriori operatori sanitari al virus. Molti ospedali non usano elettrocardiogrammi su pazienti isolati per evitare portando personale aggiuntivo nella stanza e utilizzando maschere limitate o altri dispositivi di protezione.

Ancora, dottoressa Sahil Parikh, un cardiologa interventista presso il Columbia University Irving Medical Center di New York City, ha affermato che gli ospedali stanno facendo uno sforzo concertato per ordinare i test necessari e inserire i risultati nelle cartelle cliniche in modo da poter sistemare ciò che sta accadendo con il cuore.

"Tutti lo riconosciamo, poiché siamo all'avanguardia, nel bene e nel male, dobbiamo cercare di compilare informazioni e utilizzarle per far avanzare il campo", ha affermato.

Infatti, nonostante l'ondata di pazienti, i medici continuano a raccogliere dati, compilare tendenze e pubblicare i loro risultati in tempo quasi reale. Parikh e diversi colleghi hanno recentemente scritto una raccolta di ciò che è noto sulle complicanze cardiache di COVID-19, rendendo l'articolo immediatamente disponibile online e aggiungendo nuovi risultati prima che l'articolo venga pubblicato.

I cardiologi di New York, New Jersey e Connecticut condividono le ultime informazioni su COVID-19 attraverso un gruppo di WhatsApp che ha almeno 150 membri. E anche mentre gli ospedali di New York operano in condizioni di crisi, i medici stanno testando nuovi farmaci e trattamenti in studi clinici per garantire che ciò che hanno appreso sul coronavirus possa essere condiviso altrove con validità scientifica.

Quel lavoro è già cambiato nel modo in cui gli ospedali gestiscono le implicazioni cardiache di COVID-19. I medici hanno scoperto che l'infezione può imitare un infarto. Hanno portato i pazienti al laboratorio di cateterizzazione cardiaca per eliminare un sospetto blocco, solo per scoprire che il paziente non stava realmente sperimentando un attacco cardiaco ma aveva COVID-19.

Per anni, gli ospedali hanno portato i pazienti sospetti di attacco cardiaco direttamente al laboratorio di cateterizzazione, bypassando il pronto soccorso, nel tentativo di ridurre il tempo da quando il paziente entra nella porta a quando i medici possono eliminare il blocco con un palloncino. Il tempo da porta a pallone era diventato una misura importante di come gli ospedali trattano bene gli attacchi di cuore.

"Stiamo facendo un passo indietro rispetto a questo ora e pensando di far portare i pazienti al pronto soccorso in modo che possano essere valutati brevemente, in modo da poter determinare: è qualcuno che è davvero ad alto rischio per COVID-19?" Disse Parikh. "E questa manifestazione che chiamiamo infarto è davvero un infarto?"

I nuovi protocolli ora includono l'inserimento di un cardiologo e l'ottenimento di un elettrocardiogramma o un'ecografia per confermare un blocco.

"Lo stiamo facendo in larga misura per proteggere il paziente da quella che sarebbe una procedura altrimenti inappropriata", ha detto Parikh, "Ma anche per aiutarci a decidere quale tipo di dispositivo di protezione individuale utilizzeremmo nel laboratorio catetere".

Risolvere il modo in cui il virus colpisce il cuore dovrebbe aiutare i medici a determinare quali terapie perseguire per mantenere in vita i pazienti.

Jorde ha affermato che dopo il recupero di pazienti COVID-19, potrebbero avere effetti a lungo termine da tale danno cardiaco. Ma, ha detto, esistono trattamenti per varie forme di danno cardiaco che dovrebbero essere efficaci una volta che l'infezione virale è stata eliminata.

Tuttavia, ciò potrebbe richiedere un'altra ondata di richieste di assistenza sanitaria diffuse dopo che la pandemia si è calmata.

Misteriosi danni cardiaci colpiscono i pazienti COVID-19, non solo problemi ai polmoni Misteriosi danni cardiaci colpiscono i pazienti COVID-19, non solo problemi ai polmoni 05:59 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.