Oggi, 7 aprile, l'Italia fascista di Benito Mussolini ha invaso l'Albania



 Oggi segna il 7 aprile e sono trascorsi 81 anni dal 7 aprile 1939, giorno in cui l'Albania fu invasa dall'Italia.

Il 7 aprile 1939, l'Italia fascista di Benito Mussolini iniziò l'occupazione militare dell'Albania. La mattina del 7 aprile 1939, l'esercito fascista italiano, di 35-40 mila forze di terra e 150 aerei, attaccò l'Albania, sbarcando a Durazzo, Valona, ​​Shengjin e Saranda.

Lo stesso giorno, Mujo Ulqinaku è stato uno dei primi combattenti di spicco a combattere contro l'occupazione fascista dell'Albania e il 7 aprile ha organizzato una resistenza armata contro l'occupazione fascista italiana.

Il re Zog fu quindi costretto ad emigrare e il paese divenne parte dell'Impero italiano come protettorato in unione personale con la Corona italiana.

L'Albania ha da tempo un'importanza strategica considerevole per il Regno d'Italia. Desideravano il porto di Vlora e l'isola di Sazan all'ingresso del Golfo di Vlora, poiché avrebbero dato all'Italia il controllo dell'ingresso sul mare Adriatico. Prima della prima guerra mondiale, Italia e Austria-Ungheria avevano sostenuto la creazione di uno stato albanese indipendente. Con lo scoppio della prima guerra mondiale, l'Italia aveva colto l'occasione per occupare la metà meridionale dell'Albania, per evitare la sua occupazione da parte degli austro-ungarici. Questo successo non durò a lungo, poiché la resistenza albanese durante la guerra di Valona, ​​insieme ai problemi interni del dopoguerra, costrinsero l'Italia a partire nel 1920. Il desiderio di rimediare a questo fallimento sarebbe stato uno dei motivi principali di Mussolini nell'invasione dell'Albania.

Truppe militari italiane che entrano a Tirana, 8 aprile 1939
Quando Mussolini prese il potere in Italia, rinnovò il suo interesse per l'Albania. L'Italia iniziò a penetrare nell'economia albanese nel 1925, quando l'Albania accettò di consentire all'Italia di sfruttare le sue risorse minerarie. A ciò seguirono il Primo Trattato di Tirana nel 1926 e il Secondo Trattato di Tirana nel 1927, dove Italia e Albania stipularono un'alleanza difensiva. Tra le altre cose, il governo e l'economia albanesi furono finanziati da prestiti italiani e l'esercito albanese fu addestrato da istruttori militari italiani.

Nonostante la forte influenza italiana, il re Zog si rifiutò di sottomettersi completamente alla pressione italiana. Nel 1931 si oppose apertamente agli italiani, rifiutando di rinnovare il Trattato di Tirana del 1926. Dopo che l'Albania firmò accordi commerciali con la Jugoslavia e la Grecia nel 1934, Mussolini fece un tentativo fallito di intimidire gli albanesi inviando una flotta di navi militari in Albania.

Mentre la Germania nazista annetteva l'Austria e si muoveva contro la Cecoslovacchia, l'Italia si trovò a diventare il più piccolo membro del patto d'acciaio. La nascita immediata di un bambino reale albanese nel frattempo ha minacciato di dare a Zog una dinastia duratura. Dopo che Hitler invase la Cecoslovacchia (15 marzo 1939) senza prima avvisare Mussolini, il dittatore italiano decise di continuare la sua annessione all'Albania. Il re Vittorio Emanuele III d'Italia ha criticato il piano di prendere l'Albania come un pericolo inutile. Roma, tuttavia, presentò un ultimatum a Tirana il 25 marzo 1939, chiedendo che l'Italia occupasse l'Albania. Zog si rifiutò di accettare denaro in cambio di consentire la piena acquisizione e colonizzazione italiana dell'Albania.

Il 5 aprile nacque il figlio del re e la notizia fu annunciata dai cannoni. Le persone scesero in piazza allarmate, ma la notizia del principe appena nato le calmò. La gente sospettava che stesse succedendo qualcos'altro, che ha portato alla manifestazione anti-italiana a Tirana lo stesso giorno. Il 6 aprile ci sono state diverse manifestazioni nelle principali città albanesi. Lo stesso pomeriggio, 100 aerei italiani volarono a Tirana, Durazzo e Valona, ​​emettendo volantini che istruivano le persone ad arrendersi all'occupazione italiana. Le persone erano indignate da questa dimostrazione di forza e hanno invitato il governo a resistere. La folla ha gridato: "Dacci le armi, vengono vendute, ci stanno tradendo!"
Oggi, 7 aprile, l'Italia fascista di Benito Mussolini ha invaso l'Albania Oggi, 7 aprile, l'Italia fascista di Benito Mussolini ha invaso l'Albania 04:04 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.