Perché le teorie della cospirazione di Coronavirus prosperano. E perché è importante

Perché le teorie della cospirazione di Coronavirus prosperano. E perché è importante.
*Di Max Fisher 
 Il coronavirus ha provocato un diluvio di teorie della cospirazione, disinformazione e propaganda, erodendo la fiducia del pubblico e minando i funzionari sanitari in modi che potrebbero allungare e persino superare la pandemia stessa.

Afferma che il virus è un'arma biologica estranea, un'invenzione partigiana o parte di un complotto per riprogettare la popolazione ha sostituito un virus senza cervello con criminali più familiari e comprensibili. Ogni affermazione sembra dare a una tragedia insensata un certo grado di significato, per quanto oscuro.

Voci di cure segrete - candeggina diluita, spegnimento dei componenti elettronici, banane - promettono speranza di protezione da una minaccia alla quale nemmeno i leader mondiali possono sfuggire.

La convinzione di essere a conoscenza della conoscenza proibita offre sentimenti di certezza e controllo in una crisi che ha capovolto il mondo. E condividere questa "conoscenza" può dare alla gente qualcosa che è difficile trovare dopo settimane di blocchi e morte: un senso di agenzia.

"Ha tutti gli ingredienti per condurre le persone alle teorie della cospirazione", ha affermato Karen M. Douglas, una psicologa sociale che studia credenza nelle cospirazioni all'Università del Kent in Gran Bretagna.

Voci e affermazioni palesemente incredibili sono diffuse da persone comuni le cui facoltà critiche sono state semplicemente sopraffatte, dicono gli psicologi, da sentimenti di confusione e impotenza.

Ma molte false affermazioni vengono anche promosse da governi che cercano di nascondere i loro fallimenti, attori partigiani in cerca di benefici politici, truffatori ordinari e, negli Stati Uniti, un presidente che ha promosso cure non provate e falsità che deviano la colpa.

Le teorie del complotto portano tutte un messaggio comune: l'unica protezione viene dal possesso delle verità segrete che "loro" non vogliono che tu ascolti.

I sentimenti di sicurezza e controllo offerti da tali voci possono essere illusori, ma il danno alla fiducia pubblica è fin troppo reale.

Ha portato le persone a consumare rimedi casalinghi fatali e a rifiutare l'orientamento sociale a distanza. E sta interrompendo le vaste azioni collettive, come stare a casa o indossare maschere, necessarie per contenere un virus che ha già ucciso oltre 80.000 persone.

"Abbiamo già affrontato pandemie", ha dichiarato Graham Brookie, che dirige il Digital Forensic Research Lab dell'Atlantic Council. "Non abbiamo affrontato una pandemia in un momento in cui gli esseri umani sono così connessi e hanno tanto accesso alle informazioni come fanno adesso".

Questo crescente ecosistema di disinformazione e sfiducia pubblica ha portato l'Organizzazione mondiale della sanità a mettere in guardia da una "infodemia".

"Vedi lo spazio essere allagato", Mr. Brookie ha detto, aggiungendo: "L'ansia è virale e la sentiamo tutti su larga scala".

Il fascino della "conoscenza segreta"

"Le persone sono attratte dalle cospirazioni perché promettono di soddisfare determinati motivi psicologici che sono importanti per le persone", Dr. Douglas disse. Primo fra tutti: padronanza dei fatti, autonomia sul proprio benessere e senso di controllo.

Se la verità non soddisfa questi bisogni, noi umani abbiamo un'incredibile capacità di inventare storie che lo faranno, anche quando alcune parti di noi sanno che sono false. Uno studio recente ha scoperto che le persone sono molto più propense a condividere informazioni false sul coronavirus di quanto non credano.

"L'entità della disinformazione che si sta diffondendo sulla scia della pandemia di Covid-19 sta travolgendo la nostra piccola squadra", ha dichiarato su Twitter Snopes, un sito di verifica dei fatti. "Stiamo vedendo decine di persone, che hanno fretta di trovare conforto, peggiorano le cose quando condividono (a volte pericolose) disinformazione".

Ampiamente condivisi, i post di Instagram hanno erroneamente suggerito che il coronavirus è stato progettato da Bill Gates per conto di aziende farmaceutiche. In Alabama, i post di Facebook hanno erroneamente sostenuto che poteri oscuri avevano ordinato ai pazienti malati di essere elicotteri segretamente nello stato. In America Latina, voci ugualmente prive di fondamento hanno proliferato che il virus è stato progettato per diffondere H.I.V. In Iran, le voci filo-governative descrivono la malattia come un complotto occidentale.

Se le affermazioni sono considerate tabù, tanto meglio.

La convinzione di avere accesso a informazioni segrete può aiutarci a sentire che abbiamo un vantaggio, che siamo in qualche modo più sicuri. "Se credi nelle teorie della cospirazione, allora hai il potere attraverso la conoscenza che altre persone non hanno", Dr.Douglas disse.

I media italiani ronzavano su un video pubblicato da un uomo italiano di Tokyo in cui affermava che il coronavirus era curabile ma che i funzionari italiani stavano "nascondendo la verità".

Altri video, popolari su YouTube, affermano che l'intera pandemia è una finzione messa in scena per controllare la popolazione.

Altri ancora affermano che la malattia è reale, ma la sua causa non è un virus: sono le reti cellulari 5G.

Un video di YouTube che spinge questa menzogna e implica che le misure di distanza sociale potrebbero essere ignorate, ha ricevuto 1,9 milioni di visualizzazioni. In Gran Bretagna, c'è stata un'ondata di attacchi contro le torri cellulari.

Le teorie della cospirazione possono anche far sentire le persone meno sole.

Poche cose stringono i legami di "noi" come il raduno contro "loro", in particolare gli stranieri e le minoranze, entrambi capri espiatori frequenti delle voci sul coronavirus e molto altro ancora prima d'ora.

Ma qualunque conforto offra è di breve durata.

Nel corso del tempo, la ricerca rileva che il commercio di cospirazioni non solo non riesce a soddisfare i nostri bisogni psicologici, ha affermato il dott. Douglas, ma tende anche a peggiorare i sentimenti di paura o impotenza.

E questo può portarci a cercare spiegazioni ancora più estreme, come i tossicodipendenti alla ricerca di successi sempre più grandi.

I governi trovano opportunità nella confusione

I cospirazionisti e i dubbiosi nostrani si stanno unendo ai governi. Anticipando il contraccolpo politico dalla crisi, i leader del governo si sono mossi rapidamente per sottrarre la colpa al traffico di false pretese.

Un alto funzionario cinese ha spinto affermando che il virus è stato introdotto in Cina dai membri dell'esercito degli Stati Uniti, un'accusa che è stata autorizzata a prosperare sui social media strettamente controllati della Cina.

In Venezuela, il presidente Nicolás Maduro ha suggerito che il virus era un'arma americana destinata alla Cina. In Iran, i funzionari lo hanno definito un complotto per sopprimere il voto lì. E gli sbocchi che sostengono il governo russo, comprese le filiali in Europa occidentale, hanno promosso affermazioni secondo cui gli Stati Uniti hanno progettato il virus per minare l'economia cinese.

Nelle ex repubbliche sovietiche di Turkmenistan e Tagikistan, i leader hanno elogiato i trattamenti fasulli e hanno sostenuto che i cittadini dovrebbero continuare a lavorare.

Ma i funzionari si sono appena astenuti dal diffondere voci in nazioni più democratiche, in particolare quelle in cui la sfiducia nei confronti dell'autorità ha suscitato forti movimenti populisti.

Matteo Salvini, il leader del Partito della Lega anti-migranti in Italia, ha scritto su Twitter che la Cina aveva ideato un "supervirus polmonare" da "pipistrelli e ratti".

E il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha ripetutamente promosso trattamenti non provati con coronavirus e ha insinuato che il virus è meno pericoloso di quanto affermano gli esperti. Facebook, Twitter e YouTube hanno fatto tutti lo straordinario passo nella rimozione dei post.

Anche il presidente Trump ha ripetutamente spinto droghe non provate, nonostante gli avvertimenti degli scienziati e nonostante almeno un'overdose fatale di un uomo la cui moglie ha dichiarato di aver preso una droga su suggerimento del signor Trump.

Trump ha accusato i nemici percepiti di aver cercato di "infiammare" la "situazione" del coronavirus per ferirlo. Quando le forniture di dispositivi di protezione individuale sono scarse negli ospedali di New York, ha insinuato che gli operatori sanitari potrebbero rubare maschere.

I suoi alleati sono andati oltre.

Il senatore Tom Cotton, repubblicano dell'Arkansas e altri hanno suggerito che il virus potrebbe essere stato prodotto da un laboratorio di armi cinese. Alcuni alleati dei media hanno affermato che il bilancio delle vittime è stato gonfiato dai nemici del signor Trump.

Una crisi parallela

"Questo tipo di soppressione delle informazioni è pericoloso - davvero, davvero pericoloso", ha dichiarato Brookie, riferendosi agli sforzi cinesi e americani per minimizzare la minaccia dell'epidemia.

Ha alimentato non solo singole cospirazioni, ma un senso più ampio di non fidarsi delle fonti e dei dati ufficiali e una crescente convinzione che le persone debbano trovare la verità da sole.

Una cacofonia derivante da epidemiologi che spesso attirano l'attenzione attraverso affermazioni sensazionali a volte affolla gli esperti legittimi le cui risposte sono raramente ordinate o rassicuranti dal punto di vista emotivo.

Promettono cure facili, come evitare le telecomunicazioni o persino mangiare banane. Salutano i fardelli dell'isolamento sociale come inutili. Alcuni vendono trattamenti per conto proprio.

"Le teorie della cospirazione medica hanno il potere di aumentare la sfiducia nelle autorità mediche, il che può influire sulla volontà delle persone di proteggersi", hanno scritto Daniel Jolley e Pia Lamberty, studiosi di psicologia, in un recente articolo.

È stato dimostrato che tali affermazioni rendono le persone meno propense a prendere vaccini o antibiotici e hanno maggiori probabilità di consultare un medico da amici e familiari anziché dai medici.

La credenza in una cospirazione tende anche ad aumentare la fiducia negli altri. Le conseguenze, avvertono gli esperti, potrebbero non solo peggiorare la pandemia, ma lo rianimano.

Le cospirazioni mediche sono un problema crescente da anni. Quindi ha sfiducia nell'autorità, uno dei principali motori dello scivolamento del mondo nel populismo marginale. Ora, mentre il mondo entra in una crisi economica con un precedente poco moderno, questo potrebbe approfondirsi.

L'ondata di cospirazioni di coronavirus, scrivono il dott. Jolley e il dott. Lamberty, "ha il potenziale per essere altrettanto pericoloso per le società quanto lo stesso scoppio".
*Questo articolo è stato originariamente scritto sul New York Times
Perché le teorie della cospirazione di Coronavirus prosperano. E perché è importante Perché le teorie della cospirazione di Coronavirus prosperano. E perché è importante 05:51 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.