Questo è il nostro cervello sul distanziamento sociale

Donna in cucina guardando il suo cellulare
*Di Susan Krauss Whitbourne                Donna in cucina guardando il suo cellulare (archivio)
 Con il distanziamento sociale che sta diventando parte della vita sociale ordinaria, potresti sentire di perdere un'importante fonte di conforto emotivo. Il tuo contatto fisico con le persone che ami ma che non riesci a toccare è sostituito da abbracci virtuali scambiati su lo scerm. Le riunioni di famiglia possono comportare mettere sullo schermo il dessert preferito da tutti e "condividere" i loro contributi al pasto.

Se attualmente non sei collegato, non puoi incontrare di persona le persone che vorresti conoscere meglio e sicuramente non puoi cercare nuove relazioni. I leader religiosi danno benedizioni alle immagini di persone sedute nei loro luoghi di culto. L'elenco dei sacrifici nella tua capacità di connettersi fisicamente con gli altri potrebbe continuare all'infinito. In tutto ciò, potresti chiedere, una di queste misure di allontanamento sociale può effettivamente avere qualche beneficio?

A quanto pare, quando non puoi toccare gli altri, il tuo cervello potrebbe effettivamente rispondere in modi importanti. Di solito, il senso del tatto non solo ti consente di provare sensazioni piacevoli, ma può anche guidare il modo in cui navighi nel tuo mondo, in particolare nel dominio sociale.

In un nuovo studio condotto poco prima della pandemia COVID-19, Haemy Lee Masson e i colleghi (2020) di Leuwen hanno confrontato le risposte del cervello all'interazione sociale tattile e non tattile. Le loro scoperte possono aiutarti a capire come compensare la mancanza di contatto fisico nella tua vita di tutti i giorni attraverso lo scambio virtuale per un tocco reale.

Gli autori belgi osservano: "Il senso del tatto ci consente di interagire efficacemente con gli aspetti sia sociali che fisici degli ambienti" (p. 74). Quando tocchi un oggetto, scopri le sue proprietà, ma quando tocchi una persona, raccogli molte più informazioni, incluso lo stato emotivo della persona. Al contrario, quando le persone a cui tieni ti toccano, possono capire come ti senti.

Anche una breve stretta di mano può potenzialmente comunicare importanti segnali psicologici, tra cui la sincerità e il livello di sicurezza di sé di quell'individuo. Se la stretta di mano con connessioni fisiche più prolungate scompare dal tuo vocabolario interpersonale, cosa significherà questo per le tue relazioni?

Secondo Masson et al., Percorsi completamente diversi sottostanno alla comunicazione di informazioni su oggetti toccanti contro altre persone. È importante sottolineare che, dal punto di vista del tocco virtuale, è possibile che la ricezione di informazioni sul tocco attraverso canali visivi possa attivare i percorsi che comunicano il tocco fisico. Quando guardi le altre persone toccarsi, il tuo cervello scatena una reazione a catena che coinvolge molteplici risposte neurali nella corteccia somatosensoriale, la parte del cervello che registra il contatto nel tuo corpo. Quando guardi altre persone che toccano oggetti, le parti del tuo cervello coinvolte nell'elaborazione delle informazioni sugli oggetti prendono il massimo.

Gli autori belgi, osservando questi risultati precedenti, richiamano l'attenzione sul fatto che studi precedenti non tengono conto della complessa natura della cognizione sociale o dell'ordinamento attraverso le informazioni su se stessi in relazione ad altre persone. Questo tipo di elaborazione, sostengono, "è il risultato dell'integrazione dinamica e del coordinamento dell'attività cerebrale collettiva in diverse regioni" (p. 74). Cosa succede quando la cognizione sociale avviene attraverso i canali virtuali?

Usando i dati di neuroimaging da un campione di 37 partecipanti (28 maschi) che vanno dai 19 ai 38 anni, Masson e i suoi collaboratori hanno monitorato le risposte del cervello ai video clip descrivendo come tocco sociale (da uomo a uomo) o non sociale (da uomo e oggetto). Le clip tocco sociali includevano abbracci (corpo completo o parziale), strette di mano, pacche sulle spalle, polsini e gomiti. Nei video non sociali, i partecipanti hanno visto gli stessi tipi di movimenti, ma con oggetti piuttosto che altre persone.

Inoltre, i video sui tocci sociali hanno suscitato reazioni più intense nelle regioni del cervello associate a "Teoria della mente", o il modo in cui trai conclusioni sugli stati mentali di altre persone. Le reti del tuo cervello, in altre parole, raccolgono queste informazioni basate sul tocco come un modo per comprendere gli altri.

In parte, questo tipo di elaborazione cognitiva sociale si verifica confrontando le interazioni che stai vedendo con i tuoi pensieri su come reagisci al tocco degli altri. Quando vedi altre persone che si toccano, coinvolgi i tuoi processi interni, in altre parole, per determinare come possono sentirsi. Pertanto, il tuo cervello si comporta come una rete speculare, eseguendo le osservazioni che stai facendo attraverso un'analisi interna della tua, che coinvolge ciò che tu stesso faresti nella situazione che stai vedendo.

Per riassumere, tornando alla domanda se gli abbracci virtuali possano davvero darti conforto, i risultati suggeriscono che, quando le nuove regole di interazione sociale diventano parte della tua realtà, il tuo cervello può reagire in modi che possono effettivamente fornirti almeno un po 'di consolazione. Anche se non puoi goderti un pasto virtuale nello stesso modo in cui puoi consumare un pasto reale, quando si tratta di toccare, c'è motivo di sperare che il tuo cervello sarà in grado di adattarsi e prendere questa nuova realtà a passo.
*Questo articolo è stato originariamente scritto su Psychology Today
Questo è il nostro cervello sul distanziamento sociale Questo è il nostro cervello sul distanziamento sociale 04:53 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.