Ex ambasciatore italiano Paolo Foresti, Albania come nel 1997, la pandemia ha ridotto l'intervento europeo

Ex ambasciatore italiano Paolo Foresti, Albania come nel 1997, la pandemia ha ridotto l'intervento europeo
 l giornalista Enkle Demi e l'ex ambasciatore Paolo Foresti
 L'ex ambasciatore italiano in Albania, Paolo Foresti, in un'intervista al giornalista Enkel Demi, ha messo in parallelo la situazione creata oggi con quella del 1997, esprimendo sorpresa per il fatto che siamo nelle stesse acque, sebbene siano trascorsi 30 anni dall'instaurazione della democrazia nel paese.

Ha fatto un panorama della situazione politica nel paese e della governance di un solo partito, sottolineando l'importanza dell'intervento dei paesi amici.

Tuttavia, l'ex diplomatico ha sottolineato che la pandemia ha indebolito l'approccio dell'Europa all'Albania, a causa della crisi economica.

Possiamo confrontare il regime odierno con la causa del '97?

Queste sono situazioni invertite. Ciò che mi sorprende e mi rende triste è che nel 1997 eravamo pochi anni dopo la caduta della dittatura, e ora siamo passati 30 anni e mi dispiace vedere che ci sono ancora molti sforzi per costruire la democrazia e non siamo ancora a quel punto. Il dialogo è necessario per costruire la democrazia, è necessaria la pazienza. Ci vuole uno sforzo di tutte le parti per raggiungere un accordo imparando dal passato.

L'Albania sta vivendo un regime?

È una domanda a cui non posso rispondere. Vivo l'Albania giorno per giorno, amo il tuo paese anche se non parlo la tua lingua, ma capisco un po '. Ma avrò l'opportunità di studiarlo. Sono impressionato dalla configurazione istituzionale. Sono un uomo che vede dall'esterno ma lo sa. Abbiamo un parlamento che appartiene a un solo partito perché sappiamo tutti come è andata la vita parlamentare nel paese.

Abbiamo una situazione selezionata di amministrazioni elettorali e l'affluenza alle urne è stata molto bassa. Il presidente sta cercando di fare l'arbitro, ma il paese è in instabilità che deve essere rimosso. Ho risposto con una lettera aperta al Primo Ministro Rama. Dice di essere un fan della Juventus. Mi sono permesso di ricordare che nel calcio come nella vita di tutti i giorni ci dovrebbero essere due avversari e un arbitro che giocano secondo le regole. Ma questo non sta accadendo in Albania. È lo stesso del '97, ma oggi il paese ha le condizioni per una democrazia moderna. I paesi amici devono aiutarlo su questa strada. La situazione non può continuare così.

C'è stata una certa diminuzione della presenza dell'Europa in Albania, ma ci sono molti fattori per questo, tra cui una situazione economica non così favorevole. La pandemia l'ha approfondita, influenzando la portata dell'attenzione dell'Europa. Ma dipende anche dall'Albania. Se l'Albania lascia la democrazia europea e lascia il suo approccio, possiamo parlare di un regime. È un'ipotesi che non è impossibile ma che deve essere corretta.
Ex ambasciatore italiano Paolo Foresti, Albania come nel 1997, la pandemia ha ridotto l'intervento europeo Ex ambasciatore italiano Paolo Foresti, Albania come nel 1997, la pandemia ha ridotto l'intervento europeo 04:50 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.