I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea
 Santa Sofia
 La decisione della Turchia di trasformare l'antico monumento di Santa Sofia in una moschea ha suscitato aspre critiche tra Atene e Ankara.

Tuttavia, mentre la Grecia intensifica i suoi sforzi diplomatici per imporre sanzioni alla Turchia, le imprese greche hanno già lanciato una campagna di boicottaggio per beni e servizi dal paese vicino.

Vassilis Korkidis, uno dei principali rappresentanti del commercio in Grecia, parla apertamente della necessità, come lo chiama lui, di rispondere alla Turchia con misure concrete.

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

"Siamo consapevoli degli sforzi compiuti dal governo (greco) in risposta alla conversione di Hagia Sophia. Ma fino a quando questo non sarà finalizzato a qualcosa di concreto, le aziende greche non dovrebbero perdere tempo a boicottare il commercio con i loro partner turchi. Anche a livello personale, i consumatori devono fare lo stesso. "Possono farlo immediatamente, boicottando le merci turche con i numeri 868 e 869 sul codice a barre dei prodotti importati", ha detto Korkidis.

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

Nonostante la vecchia animosità tra i due paesi, le relazioni commerciali sono cresciute in modo significativo negli ultimi anni. Le esportazioni annuali della Grecia verso la Turchia ammontano a circa $ 1,6 miliardi, molto più di $ 1,2 miliardi nelle importazioni dalla Turchia.

Non è chiaro se i greci daranno ascolto alle richieste di boicottaggio commerciale, soprattutto se si considera che l'economia della Grecia è nel caos della pandemia di COVID-19.

Tuttavia, la rabbia, la tristezza e il risentimento per la conversione di Hagia Sophia in moschea sono fortemente sentiti in questo paese ortodosso, e gli esperti affermano che qualsiasi guadagno commerciale a breve termine non ha eguali per le perdite che si prevede siano ancora maggiori.

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

Korkidis spiega che "possiamo davvero godere di un grande surplus commerciale, ma quando calcoliamo i fondi che la Grecia deve usare per prevenire i continui flussi di migrazione illegale dalla Turchia e gli enormi costi militari per proteggere "dalle provocazioni turche, tutto ciò rende il surplus insignificante".

Il caso Hagia Sophia è aggravato da una serie di crisi che la Grecia sta affrontando e proveniente dal suo partner NATO, la Turchia. Le relazioni sono state tese per anni sui diritti territoriali e marittimi nel Mar Egeo, nonché a causa delle migliaia di immigrati clandestini che continuano a recarsi in Grecia dalla Turchia.

Inoltre, le tensioni sono aumentate nelle ultime settimane in seguito alle dichiarazioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan per iniziare a trivellare petrolio e gas nelle acque che la Grecia considera proprie.

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

Le associazioni di imprese greche affermano che si stanno rivolgendo a organizzazioni partner in tutta Europa per un boicottaggio ancora più ampio contro la Turchia.

"È chiaro che l'Occidente sta diventando sempre più nervoso per le azioni della Turchia. "È tempo che il governo di Erdogan smetta di usare le questioni culturali per far avanzare la sua agenda politica".

Il boicottaggio commerciale è solo una delle tante proteste che si stanno diffondendo in Grecia.

Domenica, le campane della chiesa hanno suonato di nuovo in tutto il paese quando decine di migliaia di persone hanno cantato inni in onore di Hagia Sophia, la sede del cristianesimo orientale per mille anni, prima che i turchi ottomani occupassero la città allora conosciuta come Costantinopoli.

Un altro segno preoccupante sono stati i movimenti di gruppi nazionalisti di estrema destra, che hanno bruciato una bandiera turca. Il governo greco ha condannato l'azione. Tuttavia, il governo ha incoraggiato le passioni nazionaliste con aspre critiche alla Turchia da parte del primo ministro Kyriakos Mitsotakis.

I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea

Ha detto che la Turchia è un problema che minaccia la pace e la sicurezza nella regione, ma ha aggiunto che la Grecia ha dimostrato di poter proteggere i suoi confini, i confini dell'Unione Europea.

La Grecia ritiene che la conversione di Santa Sofia in una moschea faccia parte di un piano più ampio della Turchia per riaffermarsi come superpotenza regionale ed energetica.

La Turchia afferma che la Grecia sta reagendo molto più del necessario. La Grecia, tuttavia, insiste sul fatto che non lascerà nulla al caso, ma mantiene le sue forze militari in allerta, pronte ad andare in guerra se ulteriormente provocate su qualsiasi fronte.
I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea I greci boicotteranno le merci turche dopo aver trasformato Hagia Sophia in una moschea 03:17 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.