'I tentacoli della criminalità organizzata dai Balcani occidentali'

I tentacoli della criminalità organizzata dai Balcani occidentali
 Un recente rapporto dell'Iniziativa globale contro il crimine organizzato internazionale conclude che i gruppi criminali dei Balcani occidentali sono sempre più attivi in ​​tutto il mondo, anche se la stessa regione è un mercato relativamente piccolo per la criminalità organizzata.

Il rapporto "Tentacoli internazionali: aree problematiche del crimine organizzato da parte dei Balcani occidentali" compilato da Walter Kemp, che dirige l'ufficio studi dell'organizzazione e l'Osservatorio della società civile contro il crimine organizzato nel sud-est Europa, afferma i profitti di queste attività illegali si svolgono principalmente in altri paesi, tra cui Europa occidentale, Turchia, America Latina, Sudafrica e Australia.

Il rapporto afferma che in molti degli epicentri del crimine organizzato, gruppi dei Balcani occidentali sono saliti nella gerarchia del crimine negli ultimi 20 anni.

"Uomini provenienti da piccole città dei Balcani occidentali stanno organizzando il trasporto di spedizioni multimodali di cocaina dalle giungle dell'America Latina attraverso alcuni dei porti più trafficati d'Europa per le strade delle sue capitali. "I marinai dei piccoli porti dei Balcani usano gli yacht per inviare droga in Sudafrica e in Australia o immigrati dalla Turchia verso l'Europa occidentale".



Il rapporto mostra come i gruppi della regione sono impegnati nel finanziamento, trasporto e distribuzione di grandi quantità di cocaina trasportata dal Sud America verso l'Europa.

Stretti legami con gruppi criminali locali e accesso alla cocaina dalla fonte, combinata con la loro presenza nelle principali città portuali d'Europa, significa che i gruppi criminali dei Balcani occidentali sono in grado di controllare l'intero ciclo di approvvigionamento di cocaina dalla fonte a destinazione.

"Ciò offre loro l'opportunità di abbassare i prezzi, consentendo ai consumatori di risparmiare, di offrire una buona qualità a un prezzo ragionevole, eliminando così la concorrenza. Grazie a questo modello di business, alcuni gruppi criminali dei Balcani occidentali sono diventati l'élite criminale", afferma il rapporto.

Il rapporto afferma inoltre che i gruppi criminali dei Balcani occidentali che operano in altri paesi sono moderni, dinamici, capaci di imprenditoria e adattamento e utilizzo della tecnologia a proprio vantaggio.

“Ad esempio usano forme di comunicazione crittografate; esploranno nuovi modi e mezzi di tratta, oltre a riciclare denaro attraverso criptovalute, paradisi finanziari prima di introdurli nei loro paesi.

Gran parte della violenza di questi gruppi sembra essere collegata al riciclaggio di denaro nei loro ranghi o ai rivali.

Secondo il rapporto, non esiste un cartello dei Balcani in sé, sebbene "gruppi della regione occasionalmente collaborino tra loro e vi siano casi di gruppi multietnici".

"Sebbene il problema della criminalità organizzata nei Balcani occidentali si sia spostato principalmente in altri paesi, le attività di questi gruppi criminali stanno danneggiando la reputazione dei loro paesi, in particolare nel processo di adesione all'Unione europea", afferma il rapporto.

Il rapporto sottolinea inoltre che continuano a sussistere alcuni dei problemi e delle difficoltà che hanno causato alla gente di lasciare i Balcani occidentali in passato, come la disoccupazione, la corruzione, la mancanza di opportunità, l'insoddisfazione per i loro governi e ritardi nel processo di integrazione europea.

"Se questi problemi non vengono risolti, continueranno ad esserci gruppi di giovani nei Balcani occidentali o una diaspora disposti a rischiare a seguire una vita criminale".

Il rapporto richiede la cooperazione tra la legge e le strutture dell'ordine, il tracciamento e la confisca delle proprietà e lo scambio di informazioni, soprattutto dato che i membri di questi gruppi usano false identità. Sottolinea inoltre la necessità di ridurre la domanda di beni e servizi da parte di gruppi criminali nei Balcani.

"Mentre alcuni critici e parte dei media stanno suonando l'allarme per i gruppi criminali dei Balcani occidentali, pochissimi di loro menzionano il fatto che sono un servizio di distribuzione per i mercati illegali dell'Europa occidentale", afferma il rapporto.

Il rapporto mira a presentare un quadro dell'attività ventennale dei gruppi criminali dei Balcani occidentali, della loro diffusione globale e della loro ascesa nella gerarchia criminale.

"I tentacoli di questo polipo sono diffusi in tutto il mondo: dalla fornitura di cocaina in America Latina, alle strade dell'Europa occidentale; dai corridoi del traffico di eroina in Turchia verso l'Europa; dai campi di cannabis in Albania alla Turchia e dai paesi dell'Unione europea", afferma il rapporto.

Il rapporto conclude che la posizione geografica, le circostanze di conflitto e le turbolenze da cui sono emersi questi paesi, la percezione del rischio e le aspettative di innovazione e adattamento, hanno dato potere a questi gruppi.

Il rapporto afferma che è chiaro che l'ecosistema di corruzione, l'impunità politica e il debole sistema di giustizia penale nei paesi dei Balcani occidentali creano un rifugio che protegge alcune delle figure di spicco.

Gli inizi dell'attività criminale illegale in Albania

Secondo il rapporto, le origini del "corridoio balcanico" dell'attività criminale possono essere fatte risalire agli anni del comunismo e precisamente nel 1966, quando per trovare fonti per l'assorbimento di valuta estera il governo albanese accettò un'offerta per essere coinvolta nel contrabbando di sigarette, con un piano per il traffico in Italia di sigarette a marchio americano, e da lì per distribuirle in altri paesi europei e in Medio Oriente.

Secondo il rapporto, i broker svizzeri che hanno fatto l'offerta avevano collegamenti con la mafia italiana, che era alla ricerca di nuovi corridoi di traffico mentre le operazioni di polizia nel Mar Tirreno erano diventate più efficaci. Secondo un ex procuratore antimafia italiano, i capi della mafia si sono resi conto che il controllo dello stato dietro la cortina di ferro era strettamente su questioni politiche, ma non costituiva un serio ostacolo al traffico illegale.

Il governo albanese ha creato una zona economica libera che fungeva da punto di transito per il contrabbando di sigarette provenienti dagli Stati Uniti e ha istituito la società Albtrans, che si pensa sia amministrata dalla sicurezza dello stato, per garantire il regolare funzionamento delle attività commerciali in Albania in cambio di una tassa di nove dollari USA per confezione. Si stima che il governo albanese abbia raccolto circa $ 35 milioni attraverso questa attività nel periodo 1968-1991.

Come risultato di questa attività, il Mare Adriatico, che fino ad allora era considerato semplicemente un "confine blu", fu trasformato in un corridoio molto redditizio a est per i gruppi criminali italiani.

Le rivolte e gli sconvolgimenti degli anni '90

Le rivolte degli anni '90 hanno creato difficoltà ma anche opportunità per i gruppi criminali.

Una combinazione della penetrazione di gruppi criminali nelle strutture delle forze serbe e l'imposizione di sanzioni penali, ha creato le condizioni per lo sviluppo dell'attività criminale, che includeva Belgrado e Podgorica, ma che in seguito includeva i paesi vicini.

"Grandi quantità di petrolio sono state introdotte clandestinamente attraverso il lago di Scutari, dall'Albania al Montenegro, nonché attraverso il confine terrestre della Macedonia del Nord e dell'Albania. In effetti, la violazione delle sanzioni, i nuovi confini creati dalla rottura dell'ex Jugoslavia, i nuovi spazi e le opportunità per il contrabbando, hanno portato conseguenze inaspettate nello sviluppo di gruppi criminali e hanno aumentato il loro impatto sulle economie di alcuni paesi vicini." afferma il rapporto che incolpa come uno dei fattori la comunità internazionale ha imposto sanzioni, creando la possibilità di una gigantesca rete criminale.

Rënia e skemave piramidale në vitet 1996 dhe shpërbërja që pasoi në Shqipëri, në vitin 1997 krijoi edhe më tej terren për kriminalitet si edhe për kontrabandë përfshirë atë të armëve në Kosovë.

Lufta e Kosovës bëri gjithashtu të mundur krijimin e një terreni pjellor për aktivitete kriminale, që vazhdoi edhe pas saj, gjatë kohës së administrimit ndërkombëtar dhe përpjekjeve të konsoldimit të qeverisjes së vendit.

“Në këtë periudhë paslufte të ngritjes së shtetit, ku institucionet dhe infrastruktura ishin të dobëta, disa individë në pozita të forta, që kishin marrë pjesë në luftë dhe kishin lidhje të forta me diasporën, e shtuan ndjeshëm pasurinë dhe influencën e tyre, duke u marrë njëkohëshisht si me aktivitete të ligjshme, ashtu edhe me veprimtari kriminale”, thuhet në raport, ku shtohet se “për disa ish-pjesëtarë të Ushtrisë Çlirimtare të Kosovës u fol se ishin të përfshirë në aktivitete kriminale”.

Zhvendosja e aktiviteteve kriminale në Perëndim

Raporti vë në dukje se falë disa faktorëve të brendshëm dhe të jashtëm, që nga viti 2000 grupet kriminele të Shqipërisë filluan ta zhvendosin veprimtarinë e tyre jashtë vendit, veçanërisht në Greqi, Itali, Zvicër dhe Gjermani.

Vetëm gjatë muajve të pranverës të vitit 1997, rreth 10,600 shqiptarë, duke përfshirë edhe shumë kriminelë, emigruan ilegalisht në Pulia, Itali.

Që nga viti 2001, grupe kriminale shqipfolëse (përfshirë edhe grupe nga

Kosova, dhe Maqedonia e Veriut) ishin përfshirë në trafikimin e heroinës në disa shtete, evropiane, si në Republikën Çeke, Belgjikë, Greqi, Austri, dhe Zvicër.

Itinerari i zakonshëm ishte blerja e heroinës nga organizata kriminale turke dhe transportimi i drogës drejt Evropës perëndimore, veçanërisht nëpërmjet Hungarisë.

Nga viti 2001, Shqipëria u bë edhe vend origjine për kanabisin e shitur në Evropë pas mbjelljeve masive të kanabisit në vend gjatë viteve 90.

Shqipëria u bë gjithashtu një nga burimet kryesore për barishte kanabisi për tregjet italiane dhe greke, dhe gradualisht u kthye në një nga burimet kryesore edhe për rezinën e kanabisit. Grupet kriminale shqiptare u përfshinë edhe në trafikimin e qenieve njerëzore në Belgjikë, Francë, Itali dhe në Mbretërinë e Bashkuar.

Il crollo degli schemi piramidali nel 1996 e il successivo scioglimento in Albania nel 1997 hanno ulteriormente creato il terreno per il crimine e il contrabbando, comprese le armi nel Kosovo.

La guerra in Kosovo ha anche reso possibile la creazione di un terreno fertile per l'attività criminale, che è proseguito dopo di essa, durante il periodo dell'amministrazione internazionale e gli sforzi per consolidare la governance del paese.

"In questo periodo postbellico di costruzione dello stato, dove le istituzioni e le infrastrutture erano deboli, alcuni individui in posizioni forti, che avevano preso parte alla guerra e avevano forti legami con la diaspora, aumentarono significativamente la loro ricchezza e influenza, diventando prese contemporaneamente con attività legali e attività criminali ", si dice nel rapporto, in cui si aggiunge che "si diceva che alcuni ex membri dell'Esercito di liberazione del Kosovo fossero coinvolti in attività criminali".

Il trasferimento di attività criminali in Occidente

Il rapporto rileva che grazie a diversi fattori interni ed esterni, dal 2000 gruppi criminali albanesi hanno iniziato a trasferire le loro attività all'estero, in particolare in Grecia, Italia, Svizzera e Germania.

Durante i soli mesi primaverili del 1997, circa 10.600 albanesi, tra cui molti criminali, emigrarono illegalmente in Puglia, in Italia.

Dal 2001, gruppi criminali di lingua albanese (compresi gruppi di Kosovo e Macedonia del Nord) sono stati coinvolti nel traffico di eroina in diversi paesi europei, come Repubblica Ceca, Belgio, Grecia, Austria e Svizzera.

Il solito itinerario era l'acquisto di eroina da parte dell'organizzazione criminale turca e il trasporto di droga verso l'Europa occidentale, soprattutto attraverso l'Ungheria.

Dal 2001, l'Albania è diventata un paese di origine per la cannabis venduta in Europa dopo la piantagione di massa di cannabis nel paese negli anni '90.

L'Albania è diventata anche una delle principali fonti di erbe di cannabis per i mercati italiano e greco e gradualmente è diventata anche una delle principali fonti di resina di cannabis. Anche gruppi criminali albanesi erano coinvolti nella tratta di esseri umani in Belgio, Francia, Italia e Regno Unito, ma erano particolarmente attivi in ​​Italia, dove lavoravano fianco a fianco con la mafia italiana. Alcune di queste collaborazioni porrebbero le basi per la creazione di successive reti di traffico di droga.
'I tentacoli della criminalità organizzata dai Balcani occidentali' 'I tentacoli della criminalità organizzata dai Balcani occidentali' 05:52 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.