L'apertura di scuole in Albania nell'era COVID è una sfida difficile, secondo gli esperti

L'apertura di scuole in Albania nell'era COVID è una sfida difficile, secondo gli esperti
 L'inizio del nuovo anno scolastico in Albania è accompagnato da dibattiti e analisi a causa della pandemia COVID-19. Molti esperti affermano che il governo non ha un piano chiaro e che ci sono molte carenze nelle infrastrutture scolastiche, sostenendo che questa situazione è aggravata dai danni a oltre 100 scuole dal terremoto del 26 novembre dello scorso anno. Le autorità affermano che l'insegnamento si svolgerà in percorsi alternati con quelli on line, mentre spiegano che la decisione di aprire scuole si basa su diversi indicatori come la capacità sanitaria, il numero di morti e il fatto che la fascia d'età dell'istruzione pre-universitaria non ha presentato finora cliniche avanzate. 

La decisione delle autorità sanitarie e scolastiche albanesi di aprire scuole per circa 400mila studenti del sistema pre-universitario, nelle condizioni della pandemia causata dal contagio COVID-19, ha aperto un acceso dibattito sulla sicurezza della salute dei bambini. Esperti, genitori, insegnanti e funzionari condividono una serie di preoccupazioni e analisi su questa decisione, che si basa sul protocollo del ministero della salute. La professoressa per la psicologia dello sviluppo di bambini e adolescenti presso l'Università di Tirana Arjana Muçaj ha detto a VOA che la strategia delle strutture statali non è chiara.



"In così tanti mesi, l'Istituto di sanità pubblica avrebbe dovuto fare un'analisi approfondita per capire la situazione in cui si trovano le nostre scuole" - ha detto Arjana Muçaj, docente di psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza all'Università di Tirana.

Funzionari del Ministero dell'Istruzione e della Salute spiegano che la decisione di aprire scuole si basa sull'esperienza di alcuni paesi con condizioni simili all'Albania, sulla capacità sanitaria e sul tasso di mortalità.

"I protocolli dell'OMS sulle raccomandazioni per l'inizio di un nuovo anno scolastico sono stati una priorità. "Nel frattempo, il Centro europeo per il controllo delle malattie infettive ha fornito le raccomandazioni di base per iniziare un nuovo anno scolastico" - ha detto per VOA Eugena Tomini, capo di epidemiologia presso IPH.

Nel protocollo redatto dal Ministero della Salute viene data priorità ad alcuni elementi legati alla distanza dei bambini in classe, all'igiene e alla sensibilizzazione.

"Ci sono alcuni elementi, come la distanza fisica a 1,5 metri, compreso il livello di distanza tra le sponde, l'uso di maschere, l'uso di disinfettanti, ecc. Ci sono difficoltà, ma dobbiamo concordare il funzionamento e l'attuazione del protocollo da parte di tutte le strutture." ha affermato Eugena Tomini, Responsabile dell'Epidemiologia presso IPH.

Ma gli esperti esprimono preoccupazioni circa l'adesione al protocollo nel contesto del sovraffollamento scolastico. In alcune grandi città del Paese ci sono 32 scuole con oltre 1mila studenti.

"Nelle scuole pubbliche, il numero minimo di studenti è superiore a 30. Quando diciamo minimo superiore a 30, significa che le nostre classi vanno fino a 40 studenti. È molto difficile pensare che la distanza di 1,5 metri sarà attuata dai bambini e dall'insegnante responsabile che deve prendersi cura sia dei bambini che di se stesso." ha affermato Arjana Muçaj, docente di psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza all'Università di Tirana.

I funzionari del Ministero dell'Istruzione affermano di aver studiato con cura ogni dettaglio e di proporre un'alternanza di didattica in aula e didattica on line, nel rispetto del protocollo delle strutture sanitarie.

"Abbiamo pensato, discutendo con molti dirigenti scolastici con un gran numero di studenti, che una classe dovrebbe essere divisa in due classi, in modo tale che gli studenti siano collocati in strutture pur mantenendo lo smontaggio fisico. Le lezioni saranno più brevi, 30 minuti da 45 e in una scuola con un gran numero di studenti si può insegnare fino a tre turni, a partire dalle 8:00 alle 19:00. Anche i corsi che sono moduli o corsi secondari saranno svolti online. "La nostra guida fornisce anche lezioni all'aperto", ha detto a VOA Zamira Gjini, Direttore dell'Istruzione dello Sport e delle Politiche di Sviluppo Giovanile presso MASR.

Ma le strutture di apprendimento dovrebbero essere sovraffollate dopo che più di 100 scuole sono state danneggiate dal terremoto del 26 novembre dello scorso anno, alcune delle quali sono in fase di ristrutturazione e altre dovrebbero essere ricostruite.

"In queste città dove ci sono scuole danneggiate dal terremoto, il nostro obiettivo è stato in questi giorni, che abbiamo visto concretamente come sarà fatto. Sono state prese misure per consentire agli studenti di andare in scuole non danneggiate in due o 4 turni e di svolgerle online per poche ore."- ha spiegato Zamira Gjini, Direttore dell'Istruzione, dello sport e delle politiche di sviluppo giovanile, al MASR.

La leader della coalizione per l'infanzia, Linda Pino, solleva un'altra preoccupazione relativa all'aumento dei costi per le famiglie povere per dotare i bambini di maschere e disinfettante.

"Ci sono oltre 100mila bambini in Albania che lo trovano impossibile sedersi sui banchi di scuola e frequentare le lezioni come i loro coetanei. Per questi bambini che vivono in condizioni di povertà, come sarà possibile garantire gli elementi che danno loro sicurezza a scuola."  ha detto per VOA Linda Pino, coordinatrice della Coalition of Children in Albania.

I funzionari dicono di aver trovato la soluzione non solo per la categoria dei bambini impossibili.

"Il ministero dell'Istruzione ha adottato misure per fornire maschere e disinfettanti in classe a tutti gli studenti. Stiamo anche lavorando con organizzazioni non governative che hanno fornito sponsorizzazioni." ha spiegato Zamira Gjini, Direttore dell'Istruzione, dello Sport e delle Politiche di Sviluppo Giovanile, al MASR.

Dalla nuova organizzazione didattica, gli insegnanti saranno gravati da ore di insegnamento e i funzionari affermano che saranno pagati per ore extra, sottolineando che se necessario il loro numero sarà aumentato. Ma per i genitori, la sicurezza della salute dei bambini resta una priorità in condizioni in cui in Albania non vengono rispettate le regole per prevenire la diffusione del virus.

Le autorità sanitarie affermano di aver avuto in precedenza un'esperienza positiva con l'apertura di asili nido e scuole materne, pur chiarendo che la fascia di età dell'istruzione pre-universitaria non rappresenta un rischio per le cliniche avanzate. Eppure l'apertura delle scuole in Albania resta una sfida non solo per le strutture statali in termini di mancanza di infrastrutture didattiche in molte scuole del Paese, ma anche per genitori e insegnanti. Il grande punto interrogativo alla vigilia dell'inizio del nuovo anno scolastico resta l'osservanza delle misure proposte dagli esperti di sanità pubblica e l'andamento del virus.
L'apertura di scuole in Albania nell'era COVID è una sfida difficile, secondo gli esperti L'apertura di scuole in Albania nell'era COVID è una sfida difficile, secondo gli esperti 15:08 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.