Abbiamo capito la depressione tutto sbagliato. Sta cercando di salvarci

Abbiamo capito la depressione tutto sbagliato. Sta cercando di salvarci

 Per generazioni, abbiamo visto la depressione come una malattia, una deviazione non necessaria dal funzionamento normale. È un'idea che ha senso perché la depressione provoca sofferenza e persino la morte. Ma cosa succede se abbiamo sbagliato tutto? E se la depressione non fosse affatto un'aberrazione, ma una parte importante del nostro sistema di difesa biologica?

Sempre più ricercatori di diverse specialità stanno mettendo in dubbio le nostre attuali definizioni di depressione. Gli antropologi biologici hanno affermato che la depressione è una risposta adattativa alle avversità e non un disturbo mentale. A ottobre, la British Psychological Society ha pubblicato un nuovo rapporto sulla depressione, affermando che "la depressione è meglio pensata come un'esperienza, o un insieme di esperienze, piuttosto che come una malattia". E i neuroscienziati si stanno concentrando sul ruolo del sistema nervoso autonomo (ANS) nella depressione. Secondo la teoria polivagale dell'ANS, la depressione fa parte di una strategia di difesa biologica intesa ad aiutarci a sopravvivere.

La saggezza comune è che la depressione inizia nella mente con un pensiero distorto. Ciò porta a sintomi "psicosomatici" come mal di testa, mal di stomaco o affaticamento. Ora, modelli come la teoria polivagale suggeriscono che siamo arrivati ​​al contrario. È il corpo che rileva il pericolo e avvia una strategia di difesa intesa ad aiutarci a sopravvivere. Questa strategia biologica si chiama immobilizzazione e si manifesta nella mente e nel corpo con una serie di sintomi che chiamiamo depressione.

Quando pensiamo alla depressione come a una sofferenza irrazionale e inutile, stigmatizziamo le persone e le priviamo della speranza. Ma quando iniziamo a capire che la depressione, almeno inizialmente, accade per una buona ragione, solleviamo la vergogna. Le persone con depressione sono sopravvissuti coraggiosi, non invalidi danneggiati.

Laura crede che la depressione le abbia salvato la vita. Il più delle volte suo padre la feriva solo con le parole, ma è stato quando lei lo ha affrontato che il padre di Laura è diventato pericoloso. È stato allora che aveva quello sguardo vizioso negli occhi. Più di una volta la sua violenza aveva messo a rischio la vita di Laura.

Il padre di Laura era così perspicace, che poteva dire quando si sentiva ribelle dentro anche quando lo stava nascondendo. E lui l'ha punita per quei sentimenti.

È stata la depressione che ha aiutato Laura a sopravvivere. La depressione le ha tenuto la testa bassa, le ha impedito di resistere, l'ha aiutata ad accettare l'inaccettabile. La depressione ha intorpidito i suoi sentimenti ribelli. Laura è cresciuta in un momento in cui non c'era nessuno a cui parlare, nessun posto per lei per ottenere aiuto al di fuori di casa sua. La sua unica strategia era sopravvivere sul posto. E lo ha fatto.

Guardando indietro, Laura non si pente della sua depressione infantile. Lei lo apprezza. Passare attraverso il suo processo di guarigione e lavorare con il suo terapista l'ha aiutata a capire come la depressione l'ha aiutata.

La storia di Laura è cruda. È brutta. E ci aiuta a capire che anche se la depressione può verificarsi per una buona ragione, ciò non la rende una buona cosa. Laura ha sofferto profondamente e descrive vividamente il dolore della sua disperazione. La sua depressione è stata una brutta esperienza iniziata come ultima risorsa di un buon sistema biologico.

La depressione inizia con l'immobilizzazione

Secondo la teoria polivagale, scoperta e articolata dal neuroscienziato Stephen Porges, la nostra esperienza quotidiana si basa su una gerarchia di stati nel sistema nervoso autonomo. Quando l'ANS si sente al sicuro, proviamo un senso di benessere e connessione sociale. È allora che ci sentiamo noi stessi.

Ma il sistema nervoso autonomo controlla costantemente anche il nostro ambiente interno ed esterno alla ricerca di segnali di pericolo. Se il nostro ANS rileva una minaccia o anche una semplice mancanza di sicurezza, la sua prossima strategia è la risposta di lotta o fuga che spesso sentiamo come ansia.

A volte la minaccia è così grave o dura così a lungo che il sistema nervoso decide che non c'è modo di combattere o di fuggire. A quel punto, resta solo un'opzione: l'immobilizzazione.

La risposta all'immobilizzazione è la difesa biologica originale negli animali superiori. Questa è la risposta all'arresto che vediamo nei rettili. Nota anche come risposta congelata o debole, l'immobilizzazione è mediata dal nervo vago dorsale. Abbassa il metabolismo a uno stato di riposo, che spesso fa sentire le persone deboli o lente.

L'immobilizzazione ha un ruolo importante. Attenua il dolore e ci fa sentire scollegati. Pensa a un coniglio che pende mollemente nella bocca della volpe: quel coniglio si sta spegnendo per non soffrire troppo quando la volpe lo mangia. E la risposta all'immobilizzazione ha anche un effetto metabolico, rallentando il metabolismo e trasformando il corpo in chetosi. Alcuni medici ipotizzano che questo stato metabolico possa aiutare la guarigione in una malattia grave.

Negli esseri umani, le persone spesso descrivono la sensazione "fuori dal proprio corpo" durante eventi traumatici, il che ha un effetto difensivo di attutire lo shock emotivo. Questo è importante perché alcune cose sono così terribili, non vogliamo che le persone siano pienamente presenti quando accadono.

Quindi la risposta all'immobilizzazione è una parte fondamentale della difesa biologica, ma è idealmente progettata per essere a breve termine. O l'arresto metabolico preserva l'organismo, cioè il coniglio se ne va, oppure l'organismo muore e la volpe mangia il coniglio.

Ma se la minaccia continua indefinitamente e non c'è modo di combattere o fuggire, la risposta all'immobilizzazione continua. E poiché la risposta cambia anche l'attività cerebrale, influisce sul modo in cui le emozioni delle persone e sulla loro capacità di risolvere i problemi. Le persone si sentono come se non potessero muoversi fisicamente o mentalmente, si sentono senza speranza e impotenti. Questa è la depressione.

La depressione ha valore?

È facile capire perché le circostanze dell'infanzia di Laura avrebbero innescato la risposta all'immobilizzazione e anche come avrebbe potuto aiutarla a sopravvivere. Ma perché accade nelle persone con avversità meno evidenti? La nostra cultura tende a pensare alla depressione nella persona che trova il lavoro troppo stressante come segno di debolezza. Gli articoli di auto-aiuto implicano che hanno solo bisogno di più forza mentale e potrebbero appoggiarsi e risolverlo. Persino alcuni terapeuti dicono loro che la loro depressione è una percezione distorta di circostanze che non sono poi così gravi.
Ma non è così che il corpo lo vede. Le risposte di difesa nel sistema nervoso autonomo, che si tratti di lotta / fuga o immobilizzazione, non riguardano l'effettiva natura del trigger. Riguardano se questo corpo decide che c'è una minaccia. E questo accade in un punto preconscio. La risposta biologica alla minaccia inizia prima che ci pensiamo, quindi il nostro cervello di livello superiore crea una storia per spiegarla. Non possiamo scegliere questa risposta; succede prima ancora che ce ne accorgiamo.

Lo studio dell'ansia ha rivelato che molte circostanze moderne possono innescare la risposta di lotta o fuga. Ad esempio, un brontolio basso dal suono dell'attrezzatura da costruzione al sistema nervoso come il ringhio di un grande predatore. Meglio correre. O sentirsi come se fossero valutati a scuola rimuove il senso di sicurezza dei bambini e innesca la lotta o la fuga. È meglio dare un atteggiamento all'insegnante o evitare i compiti. E per la maggior parte di noi, combattere o fuggire sembra ansia.

Alla fine, se questi trigger moderni durano abbastanza a lungo, il corpo decide che non può scappare. Segue l'immobilizzazione che il corpo attiva per difenderci. Secondo Porges, ciò che chiamiamo depressione è il gruppo di sintomi emotivi e cognitivi che si trova su una piattaforma fisiologica nella risposta all'immobilizzazione. È una strategia pensata per aiutarci a sopravvivere; il corpo sta cercando di salvarci. La depressione si verifica per una ragione fondamentalmente buona.

E questo cambia tutto. Quando le persone depresse apprendono di non essere danneggiate, ma hanno un buon sistema biologico che sta cercando di aiutarle a sopravvivere, iniziano a vedere se stesse in modo diverso. Dopotutto, la depressione è nota per i sentimenti di disperazione e impotenza. Ma se la depressione è una strategia di difesa attiva, le persone potrebbero riconoscere di non essere così impotenti come pensavano.

Spostamento dall'immobilizzazione

Se la depressione è l'espressione emotiva della risposta all'immobilizzazione, la soluzione è uscire da quello stato di difesa. Porges ritiene che non sia sufficiente rimuovere semplicemente la minaccia. Piuttosto, il sistema nervoso deve rilevare robusti segnali di sicurezza per riportare lo stato sociale online. Il modo migliore per farlo? Connessione sociale.

Uno dei sintomi della depressione è la vergogna, la sensazione di aver deluso altre persone o di non essere degno di stare con loro. Quando alle persone viene detto che la depressione è un'aberrazione, stiamo dicendo loro che non fanno parte della tribù. Non hanno ragione, non appartengono. È allora che la loro vergogna si fa più profonda ed evitano la connessione sociale. Li abbiamo tagliati fuori dal sentiero che li conduce fuori dalla depressione.

È ora che iniziamo a onorare il coraggio e la forza delle persone depresse. È ora che iniziamo a valutare l'incredibile capacità della nostra biologia di trovare un modo in tempi difficili. Ed è ora che smettiamo di fingere che le persone depresse siano diverse da chiunque altro.

Fonte: Psychology Today.
Abbiamo capito la depressione tutto sbagliato. Sta cercando di salvarci Abbiamo capito la depressione tutto sbagliato. Sta cercando di salvarci 12/24/2020 01:15:00 PM Rating: 5

 

Impianti Dentali a Tirana fino al 70% in meno che in Italia e migliore qualità! SI, hai sentito bene! Inviaci la panoramica e avrai un preventivo ad un prezzo incredibile entro 24 ore! Certificato di garanzia per ogni materiale e impianto dentale! Sarai assistito da un tutor personale non appena metterai piede a Tirana! Guida turistica inclusa nel prezzo e tante sorprese! Non perdere altro tempo dalla tua vita, vieni subito a riprendere il tuo sorriso naturale!

Loading...
Powered by Blogger.
f